Ieri sera è andata in

Ieri sera è andata in onda su una delle tre reti di Stato (dettaglio non trascurabile perchè in questi tempi di magra è un piccolo evento) la nuova puntata di un miracolo giornalistico, Report. La trasmissione condotta da Milena Gaibanelli (puntuale e al tempo stesso appassionata conduttrice) rappresenta il classico fiore nel deserto dell’informazione televisiva: provate a cercare nel palisensto un altro caso di inchieste libere. Non lo troverete. Perchè quei servizietti per il pueblo che confeziona come hamburger il fast food dei telegiornali italiani, il Tg5 che tanto ammicca ai gusti della gente, si possono chiamare inchieste? Mi viene in mente una loro inchiesta andata in onda in periodo estivo: andare a leggere i prezzi del campo di calcetto, del biglietto del cinema, della palestra di fitness, per poi confrontarli con quelli dell’anno passato, calcolare con una macchinetta l’incremento, e fare questa semplice operazione su uno svariato numero di situazioni, il tutto per dimostrare che “Ehi, attenzione, i prezzi sono davvero aumentati!!! E noi siamo quelli che ve lo diciamo!!!” Secondo voi si tratta di una “inchiesta giornalistica”? Secondo me, no. Cosa hanno dimostrato? Hanno semplicemente detto ciò che tutti noi sapevamo, che i prezzi sono schizzati. C’era bisogno di Mentana per accorgesene? Mentana è furbo, fa un telegiornale molto ammicante, fateci caso alla sua scaletta… capita non di rado che vengano prima di tutte notizie di solito confinate nella terza pagina dei quotidiani, ad esempio la vittoria in una gp della Ferrari. Il trucco è semplice: ci racconta quello che più ci aggrada, quello che vogliamo sentire. Dice: fa un telegiornale veramente vicino al sentire popolare… Parla dei veri problemi che interessano le famiglie! Dico: ci dice quello che vogliamo sentire. A noi interessa di più sapere che Schumi ha vinto, o che quest’anno per andare a scuola occorrerà spendere di più, piuttosto che conoscere la realtà nascosta dei fatti. E infatti il modello Mentana funziona, dilaga a macchia d’olio sulla televisione italiana. Altro non è che un ammiccamento. Ma dove sono finite le inchieste giornalistiche? Quelle che si basano su documenti storici (vedi la puntata sul terrorismo statunitense), quelle che intervistano i personaggi coinvolti, che sentono pareri, inchieste che indagano e scavano, cercando di presentare quegli aspetti troppo spesso oscurati dalle pagine dei giornali e dai miseri 60 secondi di un servizio del tiggì. Rimane Report… Ieri sera ha alzato il velo sul macero del calcio, e ha lasciato allo spettatore alcune rivelazioni ma soprattutto molti dubbi. Ha fatto sorgere interrogativi, ha “informato” il cittadino che alcune cose non vanno, che si sta indagando per scoprire perchè. Questo è giornalismo. Accende la coscienza e il cervello del cittadino. Troppo abituato ormai a sentirsi dire quello che più gli fa comodo. Mi accorgo infatti che oggi ognuno ha la sua verità. La sua informazione. Ma chi l’informazione, i fatti nudi e crudi, a chi si può rivolgere? Spunta un’altra questione: c’è chi legge Repubblica e sa che vi si parlerà male di Berlusconi. C’è chi legge il Giornale e sa che vi si parlerà male della sinistra. E così via, ogni quotidiano ha la sua linea editoriale impostata, che determina di conseguenza il flusso di notizie, il modo di darle e le posizioni da assumere. Certo, esiste la libertà di stampa. Ma noi siamo liberi di conoscere i fatti così come accadano? O dobbiamo per forza comprare giornali sia di una parte che dell’altra, per arrivare a formare comunque “una” verità? Lo chiedo a voi: cosa bisogna fare per avere la notizia, e basta? Sembra poco. Ma non è così facile.

0 Responses to “Ieri sera è andata in”


Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)