In tv sulla prima rete

In tv sulla prima rete di Stato hanno appena suonato il Silenzio. Fra poco ci sarà l’inizio dei funerali di Stato per le vittime di Nassiriya. L’Italia è imbevuta come uno straccio pesante di commozione e di celebrazioni. E di retorica. In questi giorni ho visto tantissima retorica nei Tg e in generale un pò dovunque. E’ giusto che sia così, sono io che sbaglio a non farmi trasportare da questa retorica. Sono “momenti difficili, di grande dolore…”, dice Giorgino in collegamento dalla Basilica di San Paolo. E’ giusto e doveroso che sia così. Vorrei tanto che fosse vero che di fronte alla tragedia, l’Italia si riscopra finalmente unita come una grande famiglia. Non lo voglio negare, voglio solo sperare che sia veramente così. Io, nel mio piccolo, mi sento un pò in colpa per non essere stato intriso dal fiume di retorica. Penso che è stato un colpo durissimo per il nostro Paese. Ma penso anche che altri morti ce ne saranno, e ci sono stati, ogni giorno, dei morti americani in quella sporca guerra, che quella guerra non si doveva fare, che tutto ciò è la conseguenza di errori passati e che puntualmente, si ripeteranno. E allora la retorica scricchiola. Segnalo l’editoriale di Vittorio Zucconi, il Vietnam italiano, dove leggo più franchezza rispetto alle algide analisi politiche di questi ultimi giorni, dove trovo più realtà rispetto alle serie e liturgiche dichiariazioni che ci hanno travolto in questi mesti giorni. Zucconi scrive, fra le altre cose: “Era un modo involontario di dire, senza avere il coraggio di dirlo, in mezzo a questa ansia giustificativa e assolutoria che ha travolto l’ufficialità nazionale, che anche i nostri soldati, carabinieri e civili, sono stati sacrificati inutilmente? Che la simpatia e la gratitudine della popolazione locale non servono mai a proteggerti dalle bombe e dai proiettili, come scoprirono proprio i soldati Usa in Vietnam, dopo avere dato per anni la colpa dei loro caduti agli infiltrati del Nord? Che ai parenti dei morti non importa nulla se il camion carico di tritolo esplose dentro o fuori la recinzione regolamentare dei bidoni di ghiaia, come ci spiegano affannosamente gli altri gradi? Che avere fatto tutto il possibile, avere adottato tutte le misure, avere accettato con entusiasmo e professionalità la missione, non farà uscire neppure uno di quei 19 dalle bare del funerale di Stato? Che l’eccesso di violini strazianti può nascondere il dubbio sul perché siano morti e il timore che altri li seguiranno?”
E ora, il doveroso minuto di silenzio.

0 Responses to “In tv sulla prima rete”


Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)