BLOGFEST 2003nonvedononsentononparlo*nella foto il nostro

BLOGFEST 2003
nonvedononsentononparlo
*nella foto il nostro tavolo, da sinistra RDS, Attimo, Simur (nascosto) e TheEgo (di spalle).

Ed eccomi qui in ritardo a fare i conti con qualche ricordo del weekend. Tornato domenica sera da una tre giorni milanese dove ho visto talmente tante cose da saziarmi almeno fino a Natale…Succede sempre così. Vai per la Blogfest, ti ritrovi a S.Siro a tifare una squadra non tua che ti omaggia con 6 gol e tanto entusiasmo davanti ad una cornice splendida di tifosi non sempre corretti. Finisce che ritrovi nel caos metropolitano una cugina che non vedevi da anni, un giornalista della Gazzetta che ti porta a casa, un russo che non sa impostare la suoneria del telefonino, due ladri che scippano una ragazza, una bomba da disinnescare in pieno centro…cose che capitano nella Grande Metropoli Milanese.
Capita persino che questo Fastweb Foyer nel centro di Milano sia sperduto in una viuzza vicino a PortaRomanaBellaPortaRomana, ma quando arrivi la soddisfazione dell’ingresso monumentale fa spazzare via tutta la fatica per averlo cercato con così tanta fatica. Dei ragazzi in strada gridano: “Ehi vogliamo venire anche noi alla festa dei blog diteci la password!”. Per un istante penso di gridare: “Dite che siete amici di Neri!”, poi farmi i cazzi miei è l’idea che prevale. Non c’è ancora nessuno o quasi all’ingresso…stanno sistemando le magliette e i badge in cima alle scale e un’avvenente signorina ci chiede: “Siete qui per la festa di Gianluca Neri? Aspettate dieci minuti che non siamo ancora pronti.”. Ma come festa di GNeri? Non era la festa dei blog? Mannaggia. Si forma un piccolo crocchio davanti all’ingresso, Gaspar Torriero, Squonk, Fuori dal coro, Gaspare e qualche perfetto anonimo che non ha già amici blogger e resta in disparte. C’è coda per entrare quando finalmente la festa inizia. Vengono forniti i kit di sopravvivenza: maglietta a maniche lunghe, badge personalizzato con indicato nome e blog, con cordoncino di Virgilio, e qualche pass per bere a sbafo. Grassilli fotografa tranquillo con un telefonino della Gnu economy. Neri non c’è. La musica non è tunz tunz come promesso ma sembra un pò quella solita della radio. I computer alle pareti sono stati maledettamente impostati tutti sull’home page del blog di Neri e per un attimo mi sento soffocare, un pò come in quelle feste dove ovunque ti giri c’è lo sponsor o ogni cosa che tocchi è griffata dall’organizzatore, poi i blogger da bravi smanettoni cambiano in tutti i computer l’homepage iniziale con la loro e inizia la navigata collettiva. Che la festa abbia inizio.
Capita di vedere Proserpina in forma smagliante buttarsi a capofitto su un computer e postare su GnuEconomy un saluto a tutti mentre noi ancora non ci eravamo tolti la giacca. Ah…le blogstar. Comunque per amicizia confermo che Proserpina non c’era, o se l’avete vista era un attrice che impersonava Pros, dedita all’alcool e al riso in compagnia di , che ha talmente tanti capelli da risultare simpatico a tutti, nonostante si sia capito che Alessia non c’era e nella lista delle ragazze presenti dovevamo depennare il suo nome. Gaspare si aggira per i tavoli con fare curioso, Pros legge tutti i cartellini divertita, gironzolando con Massaia, che ovviamente si rivela essere un ragazzetto barbuto e non una simpatica casalinga (Ah…ma siete quelli di Ciccisoft!!! CICCISOFT!!), Neri arriva in ritardo vestito da matrimonio e impomatato come non mai, con l’orecchio addobbato da un auricolare per il cellulare così vistoso da sembrare un palo conficcato nel lobo da qualche persona con cui aveva avuto da dire ;-). Per fortuna all’organizzazione ci pensa la bella Daniela, che insieme alle cameriere e alla ragazza all’ingresso tiene alto il morale dei maschietti.
Poi capita che arrivi Luca Sofri, che non si è fatto la barba e si porta con sè la bella Daria Bignardi, e tutti a discutere se è lei o non è lei ma i complimenti vanno fatti ugualmente perchè sembrava proprio una ragazzina, con i capelli legati, la felpa e i jeans. In disparte in un angolo la crème della festa chiacchera amabilmente tempestando di fuffa la Bignardi, il Grassilli, il Neri e il Sofri. In disparte nell’angolo opposto è iniziato il marcaggio delle blog-coppie. Sui divanetti tra baci e romanticherie c’è chi si conosce per la prima volta e chi si conosce già, e diciamolo, anche chi non c’entra niente e chiede spaesato che cazzo sono sti blog? Tutti i computer sono impegnati da blogger pazzi che scrivono in tempo reale le impressioni sulla festa, qualcuno apre addirittura un nuovo blog, qualcuno mette su il filmato della Guzzanti scaricato dalla rete, qualcuno beve coca, qualcuno rhum, e si tira tardi con questo ritmo caotico.
Capita di stancarsi anche un pò, alle due siamo fuori non trovando piu un tubo da fare o tubo per chiaccherare. Selvaggia Lucarelli ha tirato il bidone e non è venuta come promesso dopo la diretta de L’isola dei famosi, la ragazza che dispensa i pass per bere è ubriaca fradicia e ormai sottrarglieli è troppo facile e non c’è gusto, Pros è riversa su un tavolo stremata, X§ firma autografi e stringe mani, un misterioso fotografo gira scattando qua e là istantanee, salutare Neri sembra impossibile e così ci defiliamo in tranquillità.
Capita infine di non trovare mezzi pubblici che ci portino a casa a quell’ora e così arriva prima Gaspare, poi il buon Annese a darci aiuto. Torniamo quindi a casa con il tenutario di Fuori dal coro, che ci svela qualche pettegolezzo sul mondo dei blog e di essere nientepopòdimeno che Carlo Annese della Gazzetta dello Sport, per me un perfetto sconosciuto, per Attimo un giornalista ormai noto…
Capita di essere andati alla blogfest, capita di aver fatto poche foto buie, capita di aver scritto un papiro annoiando tutti i NON presenti che non avranno capito una mazza. Mi dispiace, son cose che capitano, a Milano.

0 Responses to “BLOGFEST 2003nonvedononsentononparlo*nella foto il nostro”


Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)