COME VIENE VIENEE d’un tratto

COME VIENE VIENE
E d’un tratto capii che il pensare è per gli stupidi, mentre i cervelluti si affidano all’ispirazione.
(da Arancia meccanica)

Sono passate da poco le 15 quando irrompe nella stanza un piccolo uomo con baffi posticci e la bombetta.
– Salve! – dice l’uomo
– ‘giorno… – risponde pigramente l’Io alzandosi dal letto e stropicciandosi gli occhi come una pagina di un libro sgualcito.
– Sono qui per l’annuncio. – spiega l’ometto togliendosi i baffi posticci e la bombetta.
– Poteva almeno bussare – dice stizzito l’Io, ancora sbadigliando – Ma che ore sono? E poi perchè gira con quei ridicoli baffi posticci?
– Questo non importa, mi spieghi piuttosto perchè lei ha messo quell’annuncio sul giornale questa mattina!
– Non dovevo forse? Volevo disfarmene. Davvero, mi occupa spazio inutilmente quell’aggeggio. – spiega l’Io tagliandosi una ciocca di capelli che sporgeva troppo.
– Perfetto. Allora sappia che l’oggetto che sta vendendo in realtà apparteneva a mio nonno, e prima al mio bisnonno…e così per generazioni e generazioni. Io so come l’ha avuto. Lei lo ha trovato per strada. E le dico anche dove: al parco pubblico, vicino ad una panchina. Lo so bene perchè mi è caduto circa un anno fa da una valigetta. Non può essere che quello, non ce ne sono tanti modelli in giro – taglia corto l’uomo, grattandosi sopra la bocca dove prima erano attaccati i baffi.
– Beh, complimenti, ha fatto centro. Così è stato, e sinceramente non me ne faccio proprio nulla. Senta quanto può darmi per quell’arnese? 100…200? Mi accontento di poco, dico davvero, basta che me lo porti via che mi fa anche un pò schifo.
– Diciamo che lei me lo dovrebbe rendere gratuitamente, visto che si tratta di un mio oggetto. – spiega calmissimo l’uomo.
– Evviva. Trovo un oggetto di valore e non posso nemmeno guadagnarci qualcosa? Non sia assurdo! – dice stizzito l’Io.
– Certamente. Se solo lei sapesse che cos’è quello che chiama banalmente “aggeggio” capirebbe l’importanza che esso torni da me. Mi dispiace informarla che non sono in grado di pagarla, ne di darle nessun tipo di ricompensa ora, ma se avrà fiducia nel riporre l’oggetto nuovamente nelle mie mani vedrà che non se ne pentirà affatto e sarà soddisfatto, come un matto quando dice gatto e non l’ha nel sacco.
– Poteva risparmiarsi la rima alquanto stupida, comunque mi dispiace ma non scendo a patti di questo genere. Io quell’oggetto lo vendo, non lo regalo, anche se era suo o di suo nonno o anche se fosse stato del Presidente del Madagascar, casomai ce ne fosse uno. Mi dica quanto mi può dare per questo oggetto, avanti! – dice l’Io iniziando ad alterarsi.
– MI DIA QUELL’OGGETTO! LEI NON PUO’ CAPIRE! – grida l’uomo afferrando l’arnese per un capo.
– NON SIA SCIOCCO! VOGLIO ESSERE PAGATO! – dice l’Io senza più pazienza, afferrando al volo l’altra estremità dell’oggetto.
Tirano ambedue per oltre un minuto, affibbiandosi improperi non riportabili e frasi poco galanti che certo non possono costraddistinguere due galantuomini di tale portata, un uomo con baffi posticci e un pelandrone che dorme ancora alle tre del pomeriggio. Fatto sta che l’oggetto ad un certo punto si rompe in due pezzi.
– Nooo! Cosa ha fatto! Ecco lo sapev… – non fa in tempo a dire l’uomo senza baffi posticci, prima di scomparire nel nulla all’improvviso.
– Lo sapevo…il solito Genio della Lampada di merda…la prossima volta almeno mi faccio portare una Ferrari – pensa l’Io, tornandosene a letto.
E chi s’è visto s’è visto.

0 Responses to “COME VIENE VIENEE d’un tratto”


Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)