PALLONI GONFIATI Il …

PALLONI GONFIATI Il calcio visto da Luca Cuoghi
CHI VA IN BIANCO E CHI VA IN ROSSO

Domenica 14 dicembre è stato il giorno dell’ Intercontinentale, mai come in questa occasione cosi’ “mediaticamente” sentita, forse per la presenza del Milan berlusconiano o forse per la mancanza di una squadra italiana in questa competizione da sette anni, sta di fatto che la giornata di campionato è passata in secondo piano.
Al Milan la maglietta bianca portafortuna, già vincente in due occasioni, questa volta non è bastata cosi’ i  rossoneri sono stati affondati dalle astuzie del “matador” del diavolo (leggi Velez qualche anno fa): mister Bianchi più che da una squadra a mio parere modesta.
Galliani si è dovuto risparmiare la “passeggiatina” per il campo di Yokohama, certo  ha pagato la sua presunzione del prepartita, ma farà bene a preoccuparsi di una squadra, quella rossonera, apparsa poco lucida forse per il lungo viaggio o forse per un calo inatteso del suo centrocampo; del resto rimane una sconfitta bruciante, ma pur sempre di rigore, quell’ arma a doppio taglio che tanto bene aveva portato in Champions e che non sempre rispecchia la legge del più forte.
Questa battuta d’ arresto influirà molto sul futuro rendimento stagionale della truppa di Ancelotti, stabiliremo poi se positivamente o negativamente, comunque per tenere il passo della Roma in campionato e mantenere lo scettro europeo, sarà necessaria una dimostrazione d’orgoglio nei prossimi impegni.
Venendo alla giornata di campionato si può dire che fino a sabato la Roma era considerata straripante e forte da ogni punto di vista, ciò che non aveva ancora dimostrato era quella dose di cinismo che consente alle grandi squadre di mettere in casaforte i tre punti anche quando i propri funamboli non sono in condizione e la squadra non gira; dopo la sofferta vittoria contro il Modena i giallorossi hanno sfatato l’ultimo tabù.
In casa Juve i campanelli d’ allarme hanno smesso di suonare, ma fossi in Lippi prima di parlare di crisi rientrata o mai esistita aspetterei qualche confronto in cui la difesa venga nuovamente posta sotto pressione; buone risposte giungono invece dal ritrovato ambiente nerazzurro, dove il lavoro dell’ormai “esorcista” Zaccheroni oltre al gioco sembra aver portato anche la continuità.
Se, come ho detto, il Milan a Tokio è andato in bianco, in Italia c’è qualcuno che va in rosso: è il caso dell’ impero economico della famiglia Tanzi e ,di conseguenza, del Parma. Il morbo che aveva colpito Cecchi Gori a Firenze e, fortunatamente senza gravi conseguenze fino ad ora, Cragnotti a Roma sta per mietere una nuova vittima. Tutti si augurano che il Parma non scompaia ma  per  tutti i tifosi ducali si prospettano tempi molto bui.

0 Responses to “PALLONI GONFIATI Il …”


Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)