Natale in casa Ciccs…

Natale in casa Ciccsoft
Ci siamo, è tutto pronto. Tra poche ore sarà Natale e abbiamo radunato l’intera famiglia di Ciccsoft per l’occasione. Siamo riusciti in extremis a chiamare proprio tutti, compreso Aldo Vincent che era difficile da reperire perchè aveva il telefono staccato da qualche settimana. Eppure stamattina si è imbarcato sul primo traghetto da Corfù e sarà qui con noi a festeggiare questa sera. Ci sarà anche il Cavaliere Pallido da Roma, darà un passaggio in macchina a Lantanomai e passerà a prendere sua cugina Littlewitch a Cremona per poi tornare giù a Ferrara puntuale per ora di cena. Absinth ha preso il primo treno da Perugia e con l’Eurostar delle sette e mezza da Milano dovrebbe arrivare RDS, Simur lo passerà a prendere alla stazione e poi si uniranno alla compagnia. Attimo è già in cucina che prepara il cotechino e le lenticchie, così tocca a me andare a prendere Pantofola ad Argenta. Luca Cuoghi si scusa ma non può venire perchè disputerà una partita natalizia per beneficienza proprio questa sera, mentre i Neuroni Pigroni sono ancora a letto che dormono e chissà se si alzeranno in tempo per la festa! Ma ecco che cominciano ad arrivare i primi invitati…sono tutti vestiti a festa e han portato pure dei regali da scambiare!
La sala ora è piena e la grande famiglia è riunita…in cucina aiuto Attimo a finire di preparare gli antipasti così possiamo iniziare a servire in tavola…di là tutti chiaccherano, c’è un gran vociare e qualche risata che svolazza quà e là. Attimo mi suggerisce di piazzare una webcam e un portatile così possiamo postare in diretta dal cenone di Natale sul blog ma francamente mi sembra eccessivo e per una volta al diavolo il sito e tutte le diavolerie elettroniche. Inizia la cena…il Cavaliere Pallido parla di politica economica degli USA con Lantanomai e mi sembra di aver capito che si siano già scambiati i numeri di ICQ e di cellulare, da bravi tecnologici. Absinth inizia a discorrere con me su Berlusconi e io da buon chiaccherone le dò corda così finisce tutto a tarallucci e vino a ricordare le marachelle del Presidente tra una risata e l’altra. Atttimo scambia due chiacchere con Pantofola e le chiede come mai negli ultimi tempi si è fatta vedere poco, lei spiega che ha dovuto girare il mondo per un torneo importante con la sua squadra di pallavolo e non ha potuto scrivere niente… Vedo là nell’angolo RDS e Simur che discutono sulla vacanza in montagna per Capodanno e nessuno dei due sembra intenzionato a darla vinta all’altro: andranno uno in treno e l’altro in macchina fino in Val di Sole. Littlewitch, che ama viaggiare, è affascinata dalla figura di Aldo Vincent, giovane gelataio e satiro dei nostri tempi, che con il suo accento un pò greco la incanta raccontando storie della sua terra. C’è tanta allegria nell’aria e per un giorno almeno dimentichiamo tutti i nostri problemi e i nostri mille pensieri quotidiani. Attimo è contento perchè nonostante tutto Natale è sempre Natale, Lantanomai ci ricorda il luogo comune “Natale con i tuoi e Pasqua con chi vuoi”, Absinth si sta ingozzando felice con l’assenzio e un panettone appena aperto…e la serata va avanti tranquilla in allegria. Ad un tratto suonano alla porta. Chi può essere la notte di Natale? Vado ad aprire. E’ Uriah Heep, che ha saputo della festa e ci è venuto a trovare anche lui dalla Sicilia! Lo faccio entrare, questa sera una fetta di panettone c’è anche per lui e magari ci racconta qualche bella storia davanti ad una cioccolata calda e un camino acceso, insieme alla grande grande famiglia di Ciccsoft.

Buon Natale a tutti voi e alle vostre famiglie!

0 Responses to “Natale in casa Ciccs…”


Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)