Ansia da prestazio…

Ansia da prestazione
L’ansia da prestazione mi perseguita. Terminate le placide vacanze natalizie in mezzo ai monti ovattati, il ritorno nella civiltà tecnologica riporta in me sopite esigenze. C’è un blog da mandare avanti, e necessita di interventi più brillanti che mai. Riaccendo il pc dopo una settimana di astinenza, i bit ricominciano a circolare in mezzo ai chip e contemporaneamente mi assale il tarlo di dover “produrre post”. Ma non ne ho assolutamente voglia… ho ancora in mente la neve, la panna montata, le grasse risate con gli amici. In una parola: il “cazzeggio”. Purtroppo Explorer si apre, e incappo inavvertitamente nella home page del blog. Se ne sta fisso, a guardarmi. In basso, il contatore di accessi implora nuovi adepti, e c’è solo un modo per acchiapparli: “produrre post“. O meglio: “produrre post interessanti“. Inizio a sudare. Ho in mano un sacchetto di Dixi, quelle patatine formaggiose che sporcano le dita… la mia mente è semisepolta da uno strato di apatia e avvolta in una fredda sciarpa di nebbiolina pesante. Alcuni lo chiamano “stress da ritorno” (la solita banale etichetta). E’ evidente che non sono nelle condizioni di scrivere qualcosa di decente (se mai lo sia stato…). Che fare? Gli impegni universitari mi vengono in soccorso. Oggi ho in programma diversi esami da (non) fare, una scusa più che valida per non produrre… Ma il tarlo nella mia mente ormai sta scavando… e scava e scava… Mentre raggiungo a piedi la facoltà, mi viene in mente un’idea: scrivere della voglia di scrivere post interessanti. Proprio quando sono senza pc. Tale è il mio stato di invasamento, che tiro fuori il cell e mi segno qualche appunto che ripropongo: Stavo pensando che vorrei tanto scrivere un post interessante, poi però mi è venuto in mente che di post interessanti nella blogosfera ormai ne sono stati scritti a bizzeffe. Ci sono sì blog penosi, ma anche una miriade di gente valida che ha rilasciato un sacco di post arguti. E ormai ci sono pure molti post dedicati alla necessità di scrivere post interessanti (così a naso me ne viene in mente uno del genere, letto parecchio tempo fa, su PersonalitàConfusa…). Questo provoca in me un’ansia tale, che mi sto scrivendo questo inutile post mentre cammino. Le parole del regista Peter Weir, in una recente intervista su Ciak, mi vengono in soccorso: “…credo che ci sia una recessione creativa globale. Nella storia dell’umanità non c’era mai stata prima una generazione cresciuta sotto un costante bombardamento di immagini e suoni. […] Se colpisci un bambino con la violenza delle news e con filmati sofisticati, anche se non è provato, è probabile che diventi un individuo capace di riprodurre ciò che conosce, ma non di creare qualcosa di originale. E’ evidente nei film in circolazione. Quelli buoni sono sempre meno.” Argomentazione forse non propriamente in tema, ma secondo me le analogie col mondo dei blog in generale ci possono stare. O no? Certo, ammetto di sentirmi un tantino lo Zeno della situazione, a costruirsi un alibi del genere per sopperire alla personale mancanza creativa…

0 Responses to “Ansia da prestazio…”


Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)