El PSOE gana las ele…

El PSOE gana las elecciones
Alcuni pensieri che condivido nell’immediato dopo-elezioni spagnolo, da alcuni blog italiani.

E’ mezzanotte, e in Spagna hanno completato lo spoglio nel 98% delle sezioni (per il Congresso, il Senato è al 57%). No, dico: ma ve le ricordate le ultime politiche in Italia?
Credo che questo post di Lia dica tutto quello che c’è da dire. Speriamo che sia un inizio, e che nel giro di un paio d’anni si possa chiudere una parentesi oscurantista che, in Europa e nel mondo, è durata fin troppo. E’ tempo che i mentitori, i bugiardi, i fascisti, la gente che si è messa la legalità nazionale e internazionale sotto le scarpe venga punita. Forza, che ci sono le amministrative e le europee tra poco, e bisogna mandare a casa un sacco di cialtroni. E poi c’è da ricostruire.
(Brodo Primordiale)

Una cosa è certa: quello che da molti, fino a qualche giorno fa, era ritenuto come uno degli uomini guida dell’Europa unita, è uscito di scena in malo modo. Con una di quelle figuracce che difficilmente si dimenticano. Non solo in patria.
(Mappamondo)

Il risultato è chiaro. Molte persone sono TORNATE A VOTARE, schifate dal PP e dalla sua spudoratezza, e hanno votato il PSOE, per punire il governo Aznar, che ha portato la Spagna nella spirale Guerra/terrorismo mondiale, come se non bastasse il problema (reale) del terrorismo basco. Ha votato il 77.23% degli elettori. L’ultima volta aveva votato il 68,71%.
(Salgalaluna)

Non voglio fare l’analista politico perché non son capace, ma mi pare che sulla sconfitta del PP spagnolo ci sia una cosa da dire: se la sono mangiata sul piano della comunicazione. Nonostante i media stiano (come sempre) esagerando il ruolo dell’impatto emotivo della strage sulle elezioni per questioni di spettacolo, mentre l’ingresso in guerra ha la sua bella parte nel risultato elettorale, addossare immediatamente la strage all’ETA è stata la mossa politicamente più spregiudicata, strumentale e becera che abbia visto da un bel po’ a questa parte. E l’elettore, che non è scemo, se n’è accorto.
Non costringere il ministro che ha fatto la sparata a dimettersi immediatamente è stata l’ennesima dimostrazione che i governanti dell’intelligenza dell’elettorato se ne fottono per cultura prima che per calcolo. Ben fatto, comunque: si riparte da qui con il ricorso storico e la conseguente onda progressista europea. Non farà miracoli, ma si spera che lo stato sociale e la politica internazionale ne guadagneranno qualcosina.
(Tribook – Maestrini per caso)

0 Responses to “El PSOE gana las ele…”


Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)