La Palestra
Lo …

La Palestra
Lo confesso, mi sono iscritto da svariate settimane a una Palestra. L’ho fatto non per scolpire il mio corpo, ma per puro istinto antropologico. Amo gli uomini (e le donne, soprattutto) e mi piace studiare i loro comportamenti, scoprire i loro luoghi di aggregazione. Per cui mi sono deciso, mano al portafogli, e io, essere mite e occhialuto, mi sono iscritto in una anonima palestra. Zainetto sulle spalle, aria casual e dismessa, percorro il miglio verde che conduce alla SALA MUSCOLAZIONE. E in lontananza già sento la musica a palla. Capisco che ci voglia un sottofondo musicale che spinga una cifra, per farti alzare pesi su pesi. Ma perchè allora non dare a ciascuno auricolari, di modo che si possa martoriare le proprie orecchie con gingle, pubblicità e tormentoni hiphopdancepop vari? Chè stanno sempre su quelle radio commerciali che vanno per la maggiore. Disgustorama. Insomma entro e mi avvicino alla Ciclette. 5 minuti di inutile ciclette, durante i quali posso scrutare quali saranno i compagni di sventura di oggi. Allora là in fondo dai pesi ci sono due donne di mezze età (due carampane, insomma) con i loro capelli biondicci freschi di parrucchiere e la loro fasciettina che fa tanto teen. Sollevano, con sforzo disumano che provoca in loro sommessi spasmi di fatica, quei manubri ridicoli da un etto e mezzo – due color salmone affumicato. Dai, fanno quasi tenerezza nel loro voler tenere insieme tutte quelle rugazze che gli scappano ovunque. Ma fatevi una partita a carte, sempre che riusciate a tenerle in mano. Di fianco a me, su un’altra inutilissima ciclette ci sta un gioviale cinquantenne, rotondo e burroso che pedala come un forsennato. Pensi di smaltire la ciccietta a cinquantanni? suvvia. Mi chiedo perchè ci sia gente che non voglia invecchiare decentemente, orgogliosa della bellezza di rughe e pelle appassita che fanno tanto saggezza e vita vissuta. C’è il sole là fuori, e venite a consumare la pensione qui dentro. Va beh. Ora è il mio turno: devo iniziare a umiliarmi anchio, tra iper extension e shoulder press varie. Che poi dopo due mesi ancora giro col foglietto in mano, una scena tristissima… “allora oggi 20 chili di calf machine e 5 di pullover (che è, un maglione?)”, come dal fruttivendolo. Ad ogni modo faccio i miei addominali, e mentre li faccio noto con stupore la totale assenza di fighetti palestrati, il vero motivo della mia presenza qui. Era loro che volevo vedere, osservare e sbertucciare qui sul blog, ma non si fanno vivi. Poi penso che sono le 10 del mattino, e che non è tipico orario da palestra fighettosa. Per cui niente ragazze in tiro, fisico asciutto e levigato, ovviamente oliato dal sudore di complessi esercizi e astruse posizioni corporee. Niente maschioni d’ebano, con canottierine aderenti e sguardo fisso nel vuoto mentre si mangiano pettorali su pettorali come fossero noccioline. Ahimè, alle 10 del mattino è troppo presto per i luoghi comuni. Ci sono solo svaccati studenti universitari che non hanno lezione quel giorno, gite dal centro anziani, uno stronzetto che alterna esercizi a pause modello zen davanti allo specchio per rendersi conto che sta diventando sempre più figo, anonimi medio-giovani che accumulano carne e proteine, non si sa perchè. Poi ci sono io, che smetto di fantasticare su palestre del futuro, dedicate alla mente e non al corpo, che per quello ci sarebbero prati verdi e sole a profusione. E c’è il mio compagno di fatiche di fianco a me che si scanna sulla pressa, e per giustificare la mia presenza lì dentro, mi faccio coraggio e gli urlo che “voglio vederlo sputare il sangue su quella macchina! Avanti, altre due serie, smidollato!” Segue reciproco scambio di amichevoli insulti e risate.

0 Responses to “La Palestra
Lo …”


Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)