No way out
Capisc…

No way out
Capisci in che merda siamo impantanati quando in ogni programma tv c’è un collegamento con qualche inviato dall’Iraq ma nonostante tutto il popolo dei Reality show se ne frega. Capisci che sarà una guerra lunga e senza esclusione di colpi quando Bush dice “Non sarà il mio Vietnam” quando in cuor suo lo spera soltanto. Capisci che ci siamo dentro fino al collo quando vedi che la gente ha paura di salire sulla metropolitana a Milano o a Roma. Capisci che dopo anni di pace siamo tornati in uno stato di inquietudine ed angoscia quando la gente SA che prima o poi ci sarà un attentato in qualche città. Capisci in che razza di guerra siamo finiti quando senti da ogni dove che stiamo combattendo per la pace e non lo dice un’insegnante in classe spiegando un “ossimoro“. Capisci che non sarà facile uscirne quando Repubblica.it non toglie più lo sfondo grigio dall’home page per segnalare l’edizione speciale e quando segue in diretta gli eventi dal fronte invece che le partite di calcio di Champions League come una volta. Capisci in che razza di mondo viviamo quando non c’è chiarezza e coesione tra le parti politiche nemmeno quando si tratta di scegliere se mandare a morire dei nostri ragazzi o evitare di sporcarsi le mani in certi pasticci che puzzano di petrolio. Capisci che dopo l’11 settembre per davvero è cambiato qualcosa, e che anche se la cosa ti sta sulle scatole, ricorderai quel giorno come un punto di svolta nella storia: dal secolo della guerra mondiale al terrorismo globale. Capisci lo sgomento e la rabbia quando pensavi che peggio di certe cose la razza umana non sarebbe mai arrivata, e che il Novecento le aveva mostrate per bene, e invece eccoci qui. Capisci che un domani l’odio tra due razze, due culture, due emisferi che hanno saputo convivere pacificamente fino ad oggi, almeno ignorandosi o rispettandosi a distanza, crescerà a dismisura e là fuori sarà una giungla. Capisci che i tuoi figli vivranno in un mondo ancora più faticoso del tuo e stavolta sarai tu a doverli crescere ed educare e non sarà cosa facile.
E allora certe sere, quando esci di casa e senti i grilli nel prato, e guardi la luna calante nel cielo, le stelle e gli alberi mossi dal vento, e le luci di tante famiglie riunite attorno ad un tavolo, e le macchine che girano girano girano, dove andranno poi?, e l’insegna del bar sport ormai sporca e arrugginita, col vecchio ubriaco che ancora non vuol tornare a casa, e le vie che conosci, i giardini, gli amici al solito posto alla solita ora, niente cambia niente ci può spostare, allora tiri un sospiro di sollievo e per qualche minuto cerchi di non pensarci. Dopotutto il mondo è sempre andato avanti…con gli occhi bendati e una molletta sul naso, chissà…

0 Responses to “No way out
Capisc…”


Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)