Caro direttore

Caro direttore,
vado a lavorare in trasferta qualche giorno ma non me la sento di lasciare lei e i suoi lettori senza commenti sulla situazione attuale, cosi’ ho pensato ad un piccolo self-service. Si tratta di questo: quando domani evaporera’ l’emozione dell’aver rivisto i nostri eroi ingrassati per i cinquanta giorni di prigionia, se il lettore cerchera’ uno spunto di riflessione, voi pubblicategli il malloppone qui sotto, e lui si scegliera’ da solo la notizia del giorno e si fara’ quattro risate ironiche. Scusi per il disturbo, riprendero’ i commenti lunedi’.

MALLOPPONE:
“Messaggio di AlQaida. Venezia affonda. Un piano per Alitalia. Pensioni a rischio. Sciopero dei trasporti. I commercianti danneggiati dall’Euro. Le acque inquinate. I treni tardano. Il Paese in crisi. Gli studenti protestano. Rivolta nelle carceri. La riforma non va avanti. Napoli paralizzata. La crisi dei cobas. Il digitale terrestre. La crisi dei partiti. Il Mezzogiorno in crisi. Le regioni non funzionano. A Najaf, calma apparente.
I cinesi entrano nel mercato mondiale. Gli arabi preparano la democrazia. I negri muoiono. Il Centro destra in crisi. Il Centro-Sinistra in crisi. Ritorna il caldo. Ondata di freddo. Non sono piu’ le stagioni di una volta. La sinistra ha già vinto? Piano della società per convertire il debito. All’Onu intesa vicina. Arrestato il braccio destro. Fiom sciopera. Anche Franca Ciampi alla manifestazione. Sciopero della sete di Pannella. Bombe a Bagdad. Condono Ici. Risoluzione Onu sull’Iraq. Il viagra per le donne. Scienziati americani. Siamo i piu’ felici d’Europa. Forse.”

0 Responses to “Caro direttore”


Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)