Ristorante per anoressici

Nasce a Berlino, si chiama Nostalgia.
Nasce da un’idea di chi con l’incubo ci ha convissuto, e tenta di insegnare agli altri a “ritrovare confidenza col cibo, re-imparare a mangiare, farlo con allegria“.
“Al “Nostalgia” ci saranno 50 coperti, una cameriera bulimica e uno chef anoressico che ha cancellato deliberatamente gli ingredienti dei piatti dal menù. Così come assenti saranno i nomi delle pietanze.”
Un nome ricondurrebbe ad una tabella, ad un conteggio di calorie, alla mentalità “malata”, a tutto quello che si vorrebbe sconfiggere.
Forse detta così la cosa può sembrare ossimorica. Però potrebbe avere anche molto più senso di quanto non sembri.
Fosse anche un modo stupido per portare un giorno agli onori della cronaca quella che ancora oggi in Italia non viene definita chiaramente nè come una malattia vera e propria nè come un disagio sociale sarebbe già abbastanza.
Su Repubblica citano i dati relativi alla Germania per quello che riguarda i disturbi dell’alimentazione.
Dati che non tengono conto dei casi silenti, persone irreprensibili, con figli e famiglia, oramai al di fuori da quelle che possono essere le patologie adolescenziali.
In Italia le statistiche non sono poi così diverse. Eppure aprire gli occhi, vedere ed accettare la malattia nell’anima di chi, a volte, ci sta anche accanto rimane tuttora un tabù. Non mi stancherò mai di ripeterlo, c’è un popolo silenzioso che cammina per l’Italia, spesso nell’indifferenza più totale. E non tutti sono abbastanza fortunati da avere la forza e gli strumenti necessari per riuscire da soli a dare un ordine alla loro vita, al loro dolore.
Basta poco. Basta davvero poco.

0 Responses to “Ristorante per anoressici”


Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)