Taglia la mano che da’ scandalo

L’altra mattina, dopo il solito giro di stampa e blog quotidiani ero lì bel bello che mi facevo la barba mentre ascoltavo la radio. Su RadioDue, a Condor, Luca Sofri segnalava questa notizia. Un ragazzo che lavorava nella segreteria di un partito è stato licenziato in tronco perchè una foto lo ha immortalato in un noto locale gay della capitale. Il solito caso di discriminazione? Mica tanto. E guardacaso di che partito stiamo parlando? Alleanza Nazionale, ovvio. A licenziarlo è stato l’ormai noto DisOn. Domenico Fisichella. Dopo aver raccolto le palle una ad una, cadute a seguito di questa ennesima sua dimostrazione di dabbenaggine, riporto il testo dell’appello che abbiamo ricevuto per email da Ugo e Progetto Mayhem, con preghiera di diffusione. Dove i telegiornali tacciono, possono, nel loro piccolo, i blog.

Il fanatismo bigotto che ha già coperto di ridicolo gli italiani in Europa a causa delle dichiarazioni del sedicente Rocco Buttiglione miete vittime in patria: stavolta a fare le spese di quella che sembra quasi un atto di frustrazione o una sottile vendetta ideologica è Dario Mattiello, per otto anni capo della segreteria del vicepresidente del Senato Domenico Fisichella (Alleanza Nazionale).
Dario Mattiello è stato licenziato in tronco per colpa di una foto pubblicata su Panorama: una foto che lo ritrae al Gay Village di Roma, e che ha fatto andare su tutte le furie Domenico Fisichella. Evidentemente il vicepresidente del Senato ha ritenuto il contesto della poco consono ad un suo collaboratore, e ha licenziato Mattiello. Così, senza pensarci due volte.
La colpa di Dario Mattiello non è necessariamente l’omosessualità: la foto incriminata lo ritrae semplicemente mentre passeggia, e lui era andato al Gay Village con la sorella ed alcune colleghe. Il problema non sta nel fatto che Mattiello possa essere o meno omosessuale: questi sono fatti suoi e di nessun altro. Il problema è che Fisichella lo ha licenziato semplicemente per avergli fatto venire il dubbio, semplicemente per avere visto una foto che chissà cosa avrebbe potuto dimostrare.
Qui non si discute in termini legali, perché c’è già una causa in corso: non è nostro interesse dimostrare l’illegittimità di un licenziamento immotivato, l’illegalità di ogni discriminazione sessuale e la necessità di un immediato reintegro.
Domenico Fisichella deve dare le dimissioni subito, senza aspettare le decisioni di chi valuterà il caso in un tribunale: Fisichella deve dimettersi non tanto perché ha infranto la legge, quanto perché con il suo comportamento barbaro e discriminatorio (oltre che ampiamente anticostituzionale) ha negato ad un uomo il suo diritto al lavoro e ha infangato il prestigio dell’istituzione che rappresenta, offendendo milioni di italiani.

Diffondi questo appello (via email, via blog, via quellochetipare) e firma la petizione per richiedere le dimissioni immediate di Domenico Fisichella da Vicepresidente del Senato.

0 Responses to “Taglia la mano che da’ scandalo”


Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)