Continuerai a farti scegliere o finalmente sceglierai

Ripensavo a questa cosa, da un pò. Non é una cosa molto alla me, che passo (e plausibilmente sono) una persona distaccata, fredda.
Pensavo alle canzoni d’amore che mi piacciono. Si, capita di ascoltare canzoni d’amore. Quando ero piccolo ovviamente le detestavo. Adoravo Edoardo Bennato perché non ne faceva o almeno ne faceva pochissime (così credevo, in realtà Campi Flegrei é indubbiamente amore puro). In seguito ho amato gli Elii, i Metallica, i Blind Guardian. Non sono gruppi che ho rinnegato, eppure loro non parlavano di questo genere di cose.
La canzone d’amore, per me, é una scoperta relativamente recente. Arriva con De André. Eh, si. Fabrizio De André ha scritto tantissime canzoni d’amore.

E’ una canzone d’amore (e morte) la Ballata dell’amore cieco (o della vanità). Si, proprio così, una canzone d’amore che piacerebbe molto a Nick Cave. Un uomo si suicida per il diletto della sua donna, ma é suo il trionfo, la morte dell’uomo onesto e buono, che muore contento e innamorato.
Le canzoni di De André sono piene di amanti morti, di amanti che non ritornano, di amanti che scappano, di amanti crudeli. Amori che finiscono, ma che sono irrimediabilmente eterni. Si, ecco. La verità é che Fabrizio era un ottimista, convinto che le cose belle durassero poco ma che infondo, perdurassero lasciando un impronta, una macchia di sangue, anche solo un cadavere. Questo, al mio paese, é ottimismo quello vero, non certo Giaaanniii-l’otimismo-é-il-profumo-della-vita.
Ecco, cosa pensavo. La canzone d’amore, per essere tale, può essere soltanto a posteriori, non esiste la canzone d’amore della contemporaneità. Chi canta della gioia attuale é al meglio, un ingenuo. Al peggio, é un coglione, materiale da Sanremo, un canzonettista.
L’artista, lo scrittore, ha già sofferto.
Rielabora, produce sul dolore e sul ricordo, scegliendo di essere incazzato, cinico, stronzo.
In una canzone dei Ben Folds Five, la magnifica Smoke, una storia d’amore diventa un libro. Un libro da gettare nel fuoco, con tutti i ricordi, le persone, i luoghi che ne fanno parte che diventano nient’altro che fumo. Ecco, ancora una volta l’impronta: “Those who say the past is not dead, stop and smell the smoke”.
Da qualche parte, a proposito del noir, scrivevo che alla fine rimangono soltanto le pallottole.
Alla fine rimane sempre qualcosa. Perché é giusto così, perché qualcosa deve rimanere.

Quando in anticipo sul tuo stupore
verranno a crederti del nostro amore
a quella gente consumata nel farsi dar retta
un amore così lungo
tu non darglielo in fretta

non spalancare le labbra ad un ingorgo di parole
le tue labbra così frenate nelle fantasie dell’amore
dopo l’amore così sicure a rifugiarsi nei “sempre”
nell’ipocrisia dei “mai”

non sono riuscito a cambiarti
non mi hai cambiato lo sai.

E dietro ai microfoni porteranno uno specchio
per farti più bella e pesarmi già vecchio
tu regalagli un trucco che con me non portavi
e loro si stupiranno
che tu non mi bastavi,

digli pure che il potere io l’ho scagliato dalle mani
dove l’amore non era adulto e ti lasciavo graffi sui seni
per ritornare dopo l’amore alle carenze dell’amore
era facile ormai

non sei riuscita a cambiarmi
non ti ho cambiata lo sai.

Digli che i tuoi occhi me li han ridati sempre
come fiori regalati a maggio e restituiti in novembre
i tuoi occhi come vuoti a rendere per chi ti ha dato lavoro
i tuoi occhi assunti da tre anni
i tuoi occhi per loro,

ormai buoni per setacciare spiagge con la scusa del corallo
o per buttarsi in un cinema con una pietra al collo
e troppo stanchi per non vergognarsi di
confessarlo nei miei
proprio identici ai tuoi

sono riusciti a cambiarci
ci son riusciti lo sai.

Ma senza che gli altri non ne sappiano niente
dirmi senza un programma dimmi come ci si sente
continuerai ad ammirarti tanto da volerti portare al dito
farai l’amore per amore
o per avercelo garantito,

andrai a vivere con Alice che si fa il whisky distillando fiori
o con un Casanova che ti promette di presentarti ai genitori
o resterai più semplicemente
dove un attimo vale un altro
senza chiederti come mai,

continuerai a farti scegliere
o finalmente sceglierai.

0 Responses to “Continuerai a farti scegliere o finalmente sceglierai”


Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)