Check In

WASHINGTON – Più discrezione, e soprattutto mani più lontane da «posti sensibili», nelle perquisizioni corporali negli aeroporti americani per motivi di sicurezza. Lo ha ordinato una nuova direttiva dell’Amministrazione per la sicurezza nei trasporti (Tsa) dopo le numerose proteste per «l’eccessivo zelo» durante i controlli ricevuti soprattutto da parte di donne.

Per quanto riguarda le perquisizioni negli aeroporti le cose non stavano andando per il meglio.
Il mio cugino newyorkese, Strimberg Hanuskland (nato da una relazione extramatrimoniale fra un’attrice porno danese e uno stoccafisso di tredici mesi), di ritorno da un viaggio in Qatar, non appena sbarcato è stato perquisito con una sonda anale modello Wolfowitz’s Finger.
Oltre a un’ernia cervicale, un verme solitario in crisi depressiva e tracce di cerume “non americano” nell’orecchio sinistro, la sonda ha scoperto, nel polmone destro di Strimberg, un avvocato libanese di 32 anni con una domanda di asilo politico.
Fortunatamente i moduli compilati dal libanese sono risultati idonei per la concessione dell’asilo e mio cugino Strimberg è potuto tornare a casa in tempo per non perdersi l’ottimo brasato preparato da mia zia, Stella Goldenshower.
L’avvocato si trova ancora nel polmone di Strimberg che, tra le altre cose, fuma un pacchetto al giorno di SuperStrong ExtraLight (una nuova marca di sigarette che aggira qualche regolamento sulla pubblicità ingannevole).
La Philip Morris ha però dichiarato che, eventualmente, il caso in questione non può essere fatto rientrare nella casistica del fumo passivo.

Ora i 45 mila agenti di sicurezza negli aeroporti statunitensi dovranno tenere le mani lontane «dal perimetro del petto» (solo per le donne), evitando inoltre di toccare le zone genitali e il didietro (vale per tutti), a meno che gli strumenti non segnalino la possibile presenza di esplosivi nascosti in queste zone del corpo.

E’ una buona notizia, questa, se non ti chiami Elton John.

Ogni settimana negli scali Usa i passeggeri perquisiti direttamente sono circa 2 milioni, alcuni dopo essere passati due volte sotto i metal detector.

Harold Zobcheck, protagonista di un piccolo dramma giudiziario, detiene il record di passaggio attraverso un metal detector durante una singola perquisizione.
Dopo essersi svuotato le tasche, essersi tolto la cintura, le scarpe, il maglione, la camicia, i pantaloni, la collana, l’orologio, aver dimostrato di non possedere alcuna protesi metallica nè di essersi fatto impiantare denti metallici, all’ennesimo passaggio con attivazione dell’allarme è stato arrestato per detenzione illecita e criminosa di arma invisibile, secondo le nuove disposizioni della Corte Suprema del Texas.
Zobcheck, durante la prima udienza nel tribunale di Knocksville, ha sostenuto di non aver mai visto prima quell’arma.
Strategia difensiva grandiosa, direi.

0 Responses to “Check In”


Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)