Monthly Archive for January, 2005

The first weekend

Evvai! Ho trovato un appartamento! In pieno centro a Pest, con altri due studenti…Giovanni un italiano di Como e una ragazza tedesca. Sono nella doppia con Giovanni. Mamma mia! È il primo sabato e già sono invitato a due differenti serate…un concerto rock con la ragazza ungherese…un party privato in un appartamento con Giovanni ed altri erasmus…ho optato per il concerto! Il tutto ha inizio alle 5…invitato a casa di Gabriella mi sono trovato a seguire RAI1 mentre correggevo un quaderno di suo fratello che studia italiano, frasi di compagnia per lo più sbagliate tipo Che tempo ha oggi?…Mi hanno rubato lo portafogli… Per l’occasione mi hanno servito il miglior vino locale e una buonissima torta di frutta fatta in casa…veramente ospitali. You are the wellcome…ok…ecco tutta la compagnia di Gabriella…io unico ragazzo in mezzo a 9 ragazze…pub e poi concerto…pazzesco…come una goccia d’acqua in un deserto io ero al concerto rock…tutti in black clothes…tante piccole Avril Lavigne che giravano ovunque…e quello chi è? Ma è Marilyn Manson! No è solo il sosia…ma…ma quanti sono! È tardi, ormai la musica mi ha ribaltato completamente…torniamo a casa e domani…a cena da Giovanni…nel mio futuro appartamento!

Mungere la mucca

alteroto"Vuoi un telefonino a 35 euro?" Ecco, grazie, ne avreifrancamente bisogno visto che il mio non prende. Di email del genere nericeviamo ogni giorno a palate, più o meno inutili, più o meno piene di offerteal sapore di viagra e altri farmaci miracolosi. Questa però attira la miaattenzione: non è filtrata dall’antispam e la segnalazione proviene direttamenteda un nome e cognome plausibili. Invece.

Invece il sito in questione è il solito specchietto per le allodole, si chiamaCashcow.it e promette regali tecnologici fantasmagorici in cambio di un piccoloacquisto iniziale. Perderò qualche riga per spiegarvi il meccanismo, se avetepazienza. Il funzionamento è chiaro: per entrare nel gioco bisogna acquistare unAlterOto, "una simpatica mascotte che notifica tramite un sensore luminoso lechiamate, gli sms e quant’altro concerne ogni invio e ricezione sia in entratasia in uscita dal cellulare". L’oggettino, dalle nostre parti anche noto come "squillabrilla",è costituito da un sensore, un led luminoso e un minuscolo orsacchiotto diplastica e viene normalmente venduto dai distributori automatici al prezzo di 1euro. Sul sito in questione costa invece 35 euro e il motivo è presto chiarito. Con l’acquisto si ha infatti diritto a essere inseriti in una lista dinominativi in attesa di ricevere un regalo a scelta tra quelli proposti:telefonini, palmari, portatili e videocamere digitali. Mettiamo ad esempio chedopo aver acquistato il gadget scelga di ricevere un cellulare Nokia. Il mionome finirà nella lista d’attesa cronologica di tutti gli utenti chehanno richiesto questo regalo. Ci sono due liste per ogni prodotto: quellaappena menzionata e un’altra nota come "lista nuovi membri" dove man manovengono inseriti i gonzi che si uniscono all’allegra brigata. Quando la listanuovi membri (il cui numero di posti varia secondo il valore del regalo) èpiena, il primo della lista cronologica riceve il premio come promesso.

Vi siete già persi, non è vero? Banalmente un utente compra un pendaglio per 35euro, con un sovrapprezzo esorbitante, si mette in lista di attesa e quandoaltri 9, 29, 39 utenti vanno a completare la lista di attesa, il primo della sualista si becca il regalo. Poi la lista si svuota e il gioco ricomincia e unavolta piena il regalo andrà al secondo in lista. Ovviamente i malcapitati nelleposizioni più inferiori riceveranno il regalo a occhio e croce tra sei anni.Ogni utente mette fuori quindi una quota di denaro per pagare il regalo aqualche fortunato che si trova in cima alla lista. Dove sta il trucco? Nessuntrucco: è esplicitamente dichiarato che con il pagamento si ha dirittoesclusivamente a ricevere l’AlterOto, niente di più. Eppure.

Eppure si legge che c’è una società che gestisce dal suo magazzino il materialetecnologico regalato, secondo le disponibilità, ma ovviamente tale ditta non èmenzionata e nessun recapito è fornito chiaramente sul sito. Allora ilsottoscritto, che vuol capirne di più, si muove da solo.
Soltanto un nome è citato esplicitamente sul sito, come referente dei pagamentiche avvengono esclusivamente via carta prepagata PostePay: Lucia C.
Faccio un whois sul dominio cashcow.it e cosa scopro? Scopro un secondo nome,Filomena S., responsabile del sito e di cui sono presenti oltre chel’indirizzo anche i recapiti telefonici. Finalmente inquadriamo l’operazione inun contesto, grazie all’elenco telefonico online. Le ragazze vivono aNapoli, a Sant’Antimo precisamente, ma c’è di più: laprima è proprietaria di un noleggio dvd, e la seconda vive 100 metri più avanti,nella stessa via. Amiche? Colleghe? Forse.

Forse, sono solo supposizioni, l’oggetto in vendita come AlterOto altro non èche uno dei gadget che spesso sono in vendita negli stessi videonoleggi e dunquemerce che transita di frequente tra le mani della sig.a Lucia. Inoltre essendoun oggetto del valore di circa 1 euro, viene acquistato per meno di quella cifrae rivenduto a 35, con un conseguente guadagno spropositato. I regali, ovvio adirsi a questo punto, vengono pagati con i soldi degli acquirenti ed acquistatibanalmente in un centro commerciale della zona, fingendo la presenza diun’organizzazione più articolata. Dieci persone pagano l’oggetto: 350 euro con iquali in parte viene acquistato un cellulare per un fortunato primo nominativo ein parte si ha un ritorno economico notevole. Nominativo che nessuno ci vieta dipensare sia in realtà un conoscente o un complice, il quale riceve la merce, lafotografa e scrive un commento entusiasta sul sito per dimostrare che è tuttovero e poi restituisce il tutto per riutilizzare l’oggetto. Un po’ come il giocodelle tre carte lungo la strada, dove il compare attira i pirla di passaggio,giocando lui stesso.

Attenzione dunque alle offerte di questo tipo che non hanno apparentemente nulladi illegale ma subdolamente danno l’illusione di poter ottenere dei premispendendo pochi soldi. La sensazione che si rischia di ottenere è banalmentequella di aver fatto un regalo a qualcuno che nemmeno conosciamo, mentre le duesignorine sopracitate se ne andranno in vacanza alle Maldive con i vostririsparmi, chiudendo il sito da un giorno all’altro, non avendo verso di voinessun obbligo di chiarimenti o risarcimento. A casa mia, comunque, continuiamoa chiamarle TRUFFE.

Avanti miei Prodi!

Pacioso.Vedo intorno alla figura del buon Mortadella un diffuso scetticismo, specie nelle depresse paludi del centrosinistra. C’è un mal celata sensazione di sopportazione nei confronti di Prodi e delle sue proposte. Questo atteggiamento è ovviamente controproducente, in un’utilitaristica prospettiva elettorale, ma anche un tantino inspiegabile. Prendete la comparsata che ha fatto ieri sera dalla Dandini. Il Corriere riporta le dichiarazioni di Prodi con un tono di leggera diffidenza, come per dire: "Ehi, sentite che ha detto quel provincialotto astruso…". Leggendo, scopro che ha parlato di "Italia non divertente, di capannone delle idee, di dosaggio e contenuti", che sembra banale, ma visto quel che passa il convento, non lo è poi così tanto. Siamo governati da un bieco arrogante amministratore, e vedere un pacioso, bonario e illuso professore tentare, magari inutilmente, di indirizzare una parte del Paese verso i "contenuti", come li chiama lui, un pò mi risolleva. Lo vedi che vorrebbe da un momento all’altro mandare a cagare tutti i suoi colleghi di coalizione, e condivido la sua espressione di estraniamento da quando è tornato nel guazzabuglio italiano: per cui, vista l’alternativa, dargli addosso sarà pure obbiettivamente giusto, ma anche un tantino tafazziano.

Tricicli Pericolosi

Per le donne arriva la pillola «trimestrale»: in vendita entro la fine dell’anno, consente di avere le mestruazioni solo una volta ogni tre mesi.

‘Fantastico!’, viene da dire. Ma onestamente non so che effetto mi farebbe vivere con una donna che ha scazzi, mal di testa, crisi depressive per 15 giorni consecutivi mentre ti gira per casa con indosso dei pannoloni giganteschi.

Il talento di un attore

Di Caprio in "The Aviator": bravo, per carità.Ho visto tre film con Leonardo Di Caprio. Romeo + Juliet, Prova a Prendermi e l’ultimo, ieri sera, l’infinito The Aviator. (NO, non ho mai visto Titanic). Nel primo l’avevo trovato insopportabile, nel secondo simpatico e affabile. Nell’ultimo mi è risultato indifferente, ma non è questo il punto: ho notato un filo di connessione tra i tre diversissimi personaggi dei rispettivi film. Sono tutti "personaggi", per l’appunto, molto marcati, nient’affatto banali, innervati e percorsi da fremiti e passioni. Personaggi difficili e allo stesso tempo "facili" da caratterizzare per un attore. Sono passionali e nevrotici, per cui Di Caprio si è servito di due maschere: quella dell’invasato ed entusiasta, che contagia e si autocontagia dei suo fremiti, e la parte oscura delle forti personalità, il lato nevrotico, che porta a ingrugnire il viso e corrucciare la fronte, ed ecco che la crisi nervosa è lì, inscenata e servita. Un pò come cucinare lasagne e carbonara, piatti noti e quasi scontati, perchè sai che saranno buoni e, se ben cucinati, ottimi. Piatti che presentano già nella loro natura, il talento. Ma io vorrei vedere un cuoco cimentarsi in un semolino, in un piatto banale e monotono, e vedere se riesce a tirarne fuori una prelibatezza. Mi viene così in mente uno dei miei attori preferiti, Jim Carrey, buffone di corte che ha saputo essere grande anche in ruoli drammatici ma non solo. Ha saputo creare espressioni credibili e allo stesso tempo pregnanti anche in personaggi mogi, privi di mordente e assolutamente "umani" come in questo capolavoro e pure nella mite espressione di un ignaro Truman Burbank. Vorrei vedere Di Caprio interpretare ruoli e situazioni piatte e senza nerbo, situazioni normali e non le solite storie di eroe, prima di definirlo un grande attore. Che poi non mi interessava tanto sapere se Di Caprio è da Oscar o meno, quanto esaltare Jim Carrey, che non è mai abbastanza, e chiedermi se le grandi tragedie e le grandi passione bastino per decretare e mettere alla prova la bravura di un attore.

i dialoghi tra Si e No

 : D’ora in poi tutti con le catene in auto.
 : E guai a chi lascia a casa lo sky pass.

Obbligo di catene per il ministro

Prosegue il blocco della circolazione sull’autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria a causa dell’abbondante nevicata scesa nei giorni scorsi. Inspiegabile l’inoperosità del Governo e della Protezione Civile. Bertolaso, tra un disastro e l’altro ormai più popolare di Topolino e la Lecciso, si è detto "amareggiato" per la spiacevole situazione e si è impegnato a fare la spola con la sua macchina, che monta gomme da neve, verso le maggiori città, per accompagnare gli uomini d’affari sul loro posto di lavoro entro lunedì mattina alle otto. Il ministro Lunardi, di cui molti ormai chiedono se non la testa almeno l’obbligo di catene, al collo, da parte sua dispensa saggi consigli come una nonna affettuosa: "Accertatevi delle condizioni prima di mettervi in viaggio" è stato quanto di meglio ha partorito.
Nel frattempo mentre si attende il 21 marzo per il disgelo e il ritorno alla normalità i comuni delle zone più colpite si sono attrezzati per allietare la permanenza dei viaggiatori in Lucania. L’improvvisa ondata di turismo in queste zone ha portato i prezzi degli hotel alle stelle che si giustificano spiegando che è alta stagione. I ladruncoli ne approfittano: alcune macchine ferme lungo il percorso sono state derubate e sono stati aperti mercatini clandestini di autoradio ogni 500 metri. La gente ne approfitta per passare ad un altro modello ricomprandosi quella del vicino.
Sono state organizzate sfide a calcetto Anas-Protezione civile, tornei di tresette tra i casellanti e i viaggiatori e qualcuno ieri sera ha portato una porchetta per festeggiare l’insolito raduno. Anche i pastori si mobilitano: per dieci euro è possibile fare un giro sui colli, con pecore e assaggio di vini e formaggi locali.  Il consiglio è quello di approfittarne per visitare queste terre, se non ci siete mai stati, ma raccomandiamo come sempre prudenza, non si può mai dire che smetta di nevicare tutto di botto e trovereste la festa finita.

Buda alta

28/1/05 ore 9.00: Di nuovo la neve… Oggi ho visitato il Palazzo Reale e tutta la zona del castello che comprende la città alta di Buda o città vecchia. Il Palazzo Reale è passato attraverso numerose e diverse vite…l’imperatore del Sacro romano impero, Sigismondo di Lussemburgo, fece costruire un palazzo gotico dal quale cominciò a prendere forma l’attuale castello. Nel XVIII secolo gli Asburgo costruirono qui la loro monumentale residenza. La struttura odierna è il risultato della ricostruzione, dopo la distruzione del febbraio 1945, del palazzo ottocentesco. Durante i lavori sono stati rinvenuti resti del palazzo gotico: il muro di cinta e le camere reali.

Sono stato nella piazza degli Eroi che è l’immagine di un’epoca gloriosa della storia ungherese. Nel 1896 vennero aperte in questa piazza le Celebrazioni per il Millennio. Un esempio straordinario di questo orgoglio nazionale è il Monumento al Millennio. Il suo colonnato raffigura statue degli uomini illustri ungheresi, e la grande colonne centrale è sormontata da una statua dell’arcangelo Gabriele. Alla sinistra della piazza abbiamo il museo delle Belle Arti che adesso ospita una mostra sul Tiepolo, alla destra la galleria d’arte, che è la sede più grande del paese per le esposizioni artistiche. Oltre la piazza una serie di laghi naturalmente ghiacciati su cui è allestita la scuola di pattinaggio sul ghiaccio.

Ferrovie

Tanto perché poi qualcuno dice che "io ce l’ho sempre con le ferrovie" voglio raccontarvi questi eventi realmente accaduti, cose che sinceramente son della serie "mi aspettavo di tutto, ma questo no".
Ieri mattina ero alla stazione di Assisi per prendere il treno. Non avendo l’abbonamento per il mese di gennaio, devo comprare i biglietti. Ma il tipo che dovrebbe vendermeli non c’è, né al bar né all’edicola. La biglietteria automatica non funziona. Fortuna che l’edicola della stazione vende anche i biglietti (ma solo quelli della tratta regionale), perché quest’uomo, che dopo 10 minuti è riapparso dal nulla, è subito andato a far colazione al bar. Provo a timbrare il biglietto ma nessuna delle 4 macchinette obliteratrici funziona: mi metto in fila allo sportello, ho davanti una turista che parla solo inglese. Dopo 2-3 minuti di attesa, finalmente qualcuno lo chiama e gli dice che la fila si sta allungando; arriva, ma non sa una parola d’inglese. Per questo io, che devo aspettare ancora il treno 15 minuti (non era in ritardo, ma vista la scarsità di pulman devo arrivare alla stazione 35 minuti prima che il treno arrivi) decido di fare da interprete tra i due, altrimenti ancora starebbero a discutere non capendosi. Arriva il mio turno "Guardi, gli dico, io ho timbrato il biglietto, ma 3 macchinette non funzionano e 2 non hanno l’inchiostro per cui faccia qualcosa lei, io la multa non voglio prenderla" "AH, IO NON POSSO FARCI NIENTE"

"Come no? Ma almeno mi scriva qualcosa, che ne so..data-ora e timbro delle FS" "Non posso farci niente, guardi..c’è un’altra obliteratrice in fondo alla stazione, vada lì. E’ lontana e non la usa mai nessuno, quindi dovrebbe funzionare. Tanto il treno prima di 15-20 minuti non arriva, ha tutto il tempo no?"  "Sì, sì, ok..comunque guardi, c’è la macchinetta automatica che dovrebbe dare i biglietti che è rotta" "AH IO NON POSSO FARCI NIENTE" (Scusi, ma allora che cavolo ci fa qui?!, penso, ma non glielo dico..con certa gente è inutile perdere tempo). Mentre torno verso la stazione al caldo (per quanto può essere calda una stazione con due porte perennemente aperte e senza riscaldamento, lo vedo che chiacchiera un po’ con quello che pulisce i marciapiedi e i bagni della stazione e va a dare due calci e una manata sulla macchina dei biglietti (credo sarebbe stato meglio se non c’avesse fatto niente) poi torna fuori, altra chiacchierata con il tizio che sta pulendo il marciapiede, e quando torna si stupisce pure che non ci sia quasi più nessuno ad aspettarlo.
Per fortuna arriva il treno (in orario) che mi porta via allibita. Mentre parto, l’occhio mi cade sulla fila di gente che pazientemente aspetta di poter comprare un biglietto per chissà quale destinazione. Probabilmente li troverò ancora lì al mio ritorno.

Not alone!

26/1/05 ore 14.00: Finalmente ho raggiunto l’università. Mi hanno detto di tornare il 1 Febbraio quando iniziano i corsi…dicono che è prevista una locazione in un hotel vicino all’uni, io invece pensavo ad un appartamento, voi che mi consigliate?Ho incontrato tre ragazze italiane, di cui una, Maya alta circa 1.95 m, è anche lei in Erasmus, mi ha detto di chiamarla se ho bisogno. Lei è qui da Settembre!La serata invece è andata molto bene, ho conosciuto la ragazza che lavora nel ristorante sotto casa…Gabriella…abbiamo parlato per un’oretta e l’ho accompagnata alla metro…mi ha ringraziato e mi ha detto che se voglio posso uscire con lei e gli amici…non sono più da solo!Ecco credo che adesso si possa chiudere il mio scrivere disperato…ho conosciuto della gente…e penso che a voi non interessi la mia giornata…adesso magari cercherò di farvi conoscere di più questa magnifica città!27/1/05 ore 9.00: Qui siamo circa a -10°…del bagaglio ancora niente…dicono che non hanno notizie, ma mi chiedo: come fai a non avere notizie di un bagaglio di 18 kg? Io continuo a sperare…nel frattempo ho visitato i magazzini generali, una sorta di mercato al chiuso su due piani, dove si trovano tutti i prodotti tipici. Ho fatto un giro per tutta la via Vaci che è la via dello shopping e della moda di Budapest…per intenderci una Vittorio Emanuele di Milano. A pranzo sono stato in un Mc fantastico…un tavolo da 8 posti, rotondo, con stampate sopra le ore, un palo al centro e a soffitto due lampade che muovendosi creano due ombre:la lancetta delle ore e quella dei minuti…una meridiana! Spostate a destra delle postazioni in cui puoi ascoltare dei CD, gentilmente offerti dal Mc, mentre mangi il tuo bel Chicken Mc Nuggets Menu!Una cosa che trovo un po’ particolare è che nonostante il freddo qui le pizze vengono consigliate a domicilio con le biciclette…e ieri che tutte le strade erano innevate questi andavano lo stesso…chi con la mountain-bike, chi con la bici da corsa!

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)