The Wor(l)d Inside

In internet si trovano cose straordinarie, e non solo una collezione di filmati che vi spiegano come divertirvi con una lavatrice, un filo di nylon e il gatto del vostro vicino.

Ho passato almeno vent’anni della mia vita con un sogno in tasca: scrivere un libro.
Ma, visto che la mia prosa non ha mai lasciato trasparire alcun talento da coltivare (l’incipit* del mio primo romanzo, "Occhi di rapa", vinse il premio "Worse Incipit" nel 1956, e credo sia a tuttoggi imbattuto, nonostante la Tamaro), decisi di dedicarmi alla stesura di un’enciclopedia – a suo modo un libro, mi dissi – che non richiede talento alcuno al di fuori della conoscenza, che innata non è di certo.

Fu così che lavorai, indefessamente, giorno e notte, per raccogliere e sintetizzare il pensiero e lo scritto di altri falliti che, prima di me, si erano cimentati nel percorrere questa via, che conduce al successo in maniera tanto democratica ed equa (chiunque, lavorando sodo, può scrivere un’enciclopedia).
Migliaia e migliaia di voci, nomi, parole, eventi, condensati, catalogati, scritti e riscritti, migliorati, limati, tolti, riammessi, personalizzati, riaggiustati. Anni ed anni della mia vita perduti in un’impresa titanica da lasciare ai posteri, caratteri vergati a mano, sudati uno per uno, senza soluzione di continuità, in un gioco di rimandi e richiami pressochè infinito. Speculare, direi.
Fino a quando, in un mattino emerso da una notte insonne, compresi di aver concluso quell’opera senza pari. Mi alzai, mi diressi verso l’unica finestra del mio studiolo, alzai gli occhi al cielo e piansi.
Tornato poi dalla cucina, dove ero andato con l’idea di prepararmi qualcosa da mangiare, decisi di rileggerla immediatamente, dall’inizio alla fine.
Non appena conclusi la lettura dell’ultimo lemma, due domande sorsero dai meandri più profondi della mia anima, prima ancora che richiudessi quelle poderose pagine appesantite d’inchiostro.

"Come può un uomo solo pretendere di catalogare tutto lo scibile, se esso stesso ne è soltanto una piccola parte ma soprattutto, quanto tempo è passato dall’ultima volta che ho dato una mescolata al sugo?"

Dicevo, cose straordinarie.

*: "Il fumo della sua sigaretta disegnava volute che neppure cento castori ubriachi sopra un lago ghiacciato mi avrebbero fatto conoscere"
 

0 Responses to “The Wor(l)d Inside”


Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)