Terry Schiavo

Era una giornata meravigliosa, squillante, e le strade traboccavano a ogni curva di mandorli e pesche in fiore. C’era una folla domenicale, nessuno era andato a lavorare . Ma come il motore si spense, mi resi conto che c’era qualcosa di diverso dal solito nella mia stanza. Non c’era più animazione. Sembrava la sorda riproduzione di una realtà nota, catturata dall’ obbiettivo di una machina fotografica. Un silenzio sordo e profondo  Tutti avevano lo sguardo rivolto a terra in un atteggiamento impacciato, di timida e goffa riprovazione. Rimasi ferma al letto come per aggrapparmi a qualcosa e deglutii. Rispose al mio saluto muovendo le labbra, senza emettere suoni
Mi sentii come se dovessi scusarmi , per essermi intromessa in tale scena di universale cordoglio. Le camere fresche a pianterreno risuonavano nel silenzio e da fuori arrivava la luce del sole, filtrata dai rami di limoni amari già spremuti.
C’era il mio vecchio cestino che mi aveva accompagnata in tutte le mie gite, pieno di piccolissime cose, seppellite sotto una manciata di sabbia, che sgusciò via lenta tra le maglie del vimini. Mi torno in mente dove era stato preso ciascuno: un frammento di vetro di Murano blu e trasparente come il mare estivo nei punti profondi, la mano del mio marito, manici di anfora di Atene con il sigillo impresso col pollice sull ‘argilla morbida, le rughe del mio padre, un penny vittoriano, tessere di mosaico di qualche chiesa bizantina, gli occhi di mia madre. Tutti insieme documentavano in modo singolare il mio soggiorno su questa terra.
Nel 1990 avevo ventisei anni. Ero svenuta e il flusso di ossigeno nel mio cervello si è interrotto per cinque minuti. Danni irreversibili anche al pancreas. Muta sotto l ‘albero del ozio in una immobilità raggelante. Quegli sguardi che evitarono di incontrare il mio tramite i schermi televisivi, posandosi timidamente altrove, “come farfalle primaverili“. Semplicemente vedermi procurava dolore, in quella aria tersa di primavera, dorata come miele.
Scivolai via per la strada deserta sotto gli alberi in fiore e raggiunsi il crinale della collina. Giunsi ansimando l‘ultima terrazza e saltai sulla strada con un balzo tremendo, raggiante di gioia e senza fiato…
Mi chiamo Terry  Schiavo e sono finalmente felice.

Lefty333boy

0 Responses to “Terry Schiavo”


Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)