Fare niente

BD10826_.GIFSi chiamavano "il gruppo dei nullafacenti". Erano un manipolo di persone, pensionati più che altro, che si trovavano la sera in un luogo chiamato appunto "Niente" a tirar tardi in compagnia. La cosa bella è che per davvero in queste riunioni non si faceva nient’altro che guardare per aria ed era perciò inspiegabile il successo riscontrato dall’associazione.

C’era Gianni lo spazzino: ogni sera cenava alle 19 in punto, guardando i quiz in tv per i quali andava matto, leggeva trenta minuti del quotidiano – lo stesso del giorno prima, perchè lui lo comprava solo i giorni pari – e poi, salutata la moglie, si recava al Niente. Non rincasava mai prima delle sette quando il sole nasceva e ogni bravo cristiano stava per destarsi.
C’era Ines la maestra: corretti i temi dei suoi scolari sul calar della sera era sempre la prima ad arrivare. Apriva lei la grande stanza bianca, rassettava le sedie contro il muro e spazzava in terra per far trovare tutto in ordine agli amici che sarebbero giunti di li a poco. Faceva davvero in fretta perchè c’era ben poco da sistemare: una dozzina di sedie, un tavolino e un libretto rosso aperto su di esso per segnare le presenze. Non c’erano nemmeno davanzali e finestre ad abbellire un posto all’apparenza squallido e cadente.
E che dire di Loris e Ivano? Passavano i pomeriggi alla bocciofila ma niente e nessuno al mondo li avrebbe sottratti al loro appuntamento serale. Erano i più anziani, e loro consci di esserlo, si sentivano responsabili per tutti gli altri, quasi una sorta di fratelli maggiori che avrebbero tutelato i più giovani o gli indifesi.
Erano in tutto quindici persone, ma le sedie non bastavano per tutti: gli ultimi arrivati stavano in piedi, se non volevano sistemarsi in terra. Di inverno tale pratica era fortemente evitata a causa del freddo pavimento in marmo…Oh! Ecco che arrivano come ogni sera, posso smettere di raccontarvi tutta la storia. Se fate silenzio li stiamo ad osservare. Mi apposto dietro questa siepe per non farmi scorgere.


Vedo Ines, poi più in là Marino il pescivendolo, Enzo il rigattiere… ecco che stanno arrivando alla spicciolata anche gli altri. Sembrano uscire come per magia dalle loro case e convergere verso il loro ritrovo tanto caro. Ecco anche Gianni che ha finito di leggere il giornale di ieri. Entrano tutti. Non riesco a scorgere niente dentro, sembra parecchio buio. Per quel poco che ne so la stanza è completamente vuota, seggiole a parte.
Ma ecco che dal fondo della strada arriva un uomo che non mi pare di riconoscere. Indossa una strana uniforme. Viene avanti. E’ a cinquanta metri da me. Se mi scorge potrebbe quasi chiedermi cosa ci faccio qui dietro una siepe ad osservare dei vecchi. Non avrebbe tutti i torti. Eccolo è a venti metri! Trattengo il respiro. Si avvicina di più, lo vedo con chiarezza ora. Alto e moro, indossa una divisa da ufficiale. E’ davanti alla siepe, quattro metri! Fa due passi…non vorrà mica…? L’ufficiale si mette una mano in bocca, ne estrae una gomma da masticare e la getta nella siepe, in direzione del sottoscritto. Mi cade a fianco per un soffio, fortunatamente non tra i capelli. Poi l’uomo volta su se stesso e punta dritto verso il Niente. E’ sereno in volto e avvicinandosi alla porta lo sento gridare all’interno:
– Ci siamo tutti? Buonanotte allora!
L’ufficiale chiude la porta dalle grandi ante, prima una, poi l’altra, lentamente. Piazza una spranga davanti ad essa e la assicura con un chiavistello, quindi si allontana fischiettando.
La storia che conoscevo era quindi tremendamente vera. Fino a domattina Loro staranno come ogni notte là dentro, a fare niente. I cittadini possono dormire tranquilli.

2 Responses to “Fare niente”


cribbio
Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)