Rosa elefanti

Son qua, son qua, i rosa elefanti siam, tre per tre e marciano
quaggiù quaggiù arrivan di su e di giù!
Son qua, son qua, continuano ad avanzar come uman marciano
ondeggiano di qua e di là i rosa elefanti van!
Cosa farò cosa farò come fuggire potrò!
(dal film Dumbo)

Siamo cresciuti con i cartoni e i film della Disney. Quelli colorati buffi e divertenti che ci propinavano i nostri genitori per farci stare buoni il sabato pomeriggio. Intere generazioni li hanno visti, imparati a memoria: chiunque possiede una copia più o meno legale di ognuno di essi. Ci hanno dato bambini che volano, geni della lampada, governanti con l’ombrello, stregatti e regine di cuori, burattini di legno, elefanti con gli orecchioni. Palmipedoni. Volpi con l’arco e le frecce. Gatti aristocratici.
In questo tripudio di fantasia, col senno di poi mi accorgo che qualcosa non quadra. Che forse, sotto sotto ci hanno preso in giro spacciando per ironia ed immaginazione i postumi di sbronze colossali negli studios americani. Schiere di sceneggiatori e disegnatori ubriachi fradici o sotto l’effetto di chissà quale prodigioso mix sintetico degli anni cinquanta.
Parliamoci chiaro, i rosa elefanti di Dumbo saranno pure simpatici ed allegri finchè sei bambino ma riesce difficile inventarsi roba del genere se non sotto effetto di pesanti allucinogeni. Poi c’erano i pinguini camerieri in Mary Poppins, e l’ombrello pappagallo parlante. I topini che cucivano il vestito alla ragazza tutta cenere e pentola. Balene dal ventre talmente grande e ben arredato da sembrare locali alla moda. Ma dai. Gatti che suonano jazz, scimmioni che fanno swing. Per non parlare di Alice nel paese delle meraviglie: il massimo. C’era il brucaliffo che spippava fumo da un vistoso narghilè mangiando funghetti che facevano crescere. Il bambino non capisce e guarda inerte. Indifeso, poverino. Il cappellaio matto che tagliava tazzine in porcellana e faceva discorsi assurdi con il coniglio manco avessero appena fatto su un cannone di un metro. Ancora? Le carte che dipingevano le rose e i due buffi PincoPanco e PancoPinco a raccontare storie nonsense facendosi suonare la pancia a vicenda.
Un sottobosco di allucinati e scoppiati davvero da paura. Lo zio Walt, oltre cinquant’anni fa se la passava davvero bene non c’è che dire. Avrei fatto la firma a lavorare per loro invece che imbrattare pagine di un blog nel duemilacinque. Sempre detto io che ho sbagliato epoca.

2 Responses to “Rosa elefanti”


cribbio
Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)