Se questo è calcio

Non hanno fatto niente, a parte perdere 1-0. Ma prima del fischio finale, a parte tutte le traversie che gli aretini hanno affrontato per avere un biglietto (la Ticket One aveva finito la carta per stamparli, da Milano ne avrebbero mandati 500, quando l’AC Perugia ne aveva messi a disposizione 2500), questo è quello che è successo.


Ore 18,00 arrivo alla stazione ché devo tornare a casa. Fontivegge è letteralmente assediata da poliziotti con giubbotti, elmetti, manganelli..4 elicotteri che volavano sopra la stazione, camionette ad ogni angolo di strada..tutto per 400 tifosi aretini.
Nel treno c’era anche una comitiva di bambini, che ancora non sapevano se avrebbero dovuto scendere prima o dopo i tifosi.

I poliziotti ci hanno fatto uscire dalla stazione, e ci hanno messo a 200 metri dai cancelli (eravamo noi gli hooligans?!). L’ultima volta che gli aretini son venuti hanno tirato una sassaiola così forte che hanno spaccato le vetrine a 70 metri dalla stazione (binario-parcheggio della stazione-strada-marciapiede-vetrine).

Alla fine tifosi-bambini-passeggeri sono scesi assieme. I tifosi, che saranno stati sì e no 150) sono stati subito circondati dai poliziotti. Magliette con scritto “Io odio Perugia”, cori beceri, e tutto il contorno.

E’ possibile che il calcio dev’esser questo?

7 Responses to “Se questo è calcio”


  • Io l’ho sempre detto che noi aretini siamo gente da tenere alla larga…
    ;-))

    Cmq davvero, il calcio e’ marcio fin dalla base. Siete mai stati a vedere degli allenamenti dei ragazzini di 10 anni? Avete visto come li incita l’allenatore, le parole che usano tutti (genitori compresi) contro arbitri e avversari? E’ uno degli sport piu’ incivili.

    Nel rugby -solo per fare un esempio su tutti, ma si potrebbero citare mille sport- ci si massacra in campo, perche’ fa parte del gioco, e poi si va a bere tutti insieme, spesso anche con gli avversari. E cmq capita di vedere l’arbitro che ferma il gioco dopo una meta contestata per ascoltare all’auricolare l’esito della prova video, dopodiche’ magari annulla tale meta senza che ci sia un fischio dei tifosi ne’ un capello tirato in campo.
    Le prime volte che ho visto una cosa cosi’, abituato al calcio, sono rimasto a dir poco esterefatto!

  • E ci sono pure personaggi che abbandonano fanciulle assediate dagli hooligan per andare a farsi la doccia. 😀
    :-p

  • Ah sì? Non mi risulta..
    (groar)

  • Quando andavo al liceo tifavano tutti Arezzo, io compreso. E lo tiferei ancora se seguissi il calcio.
    C’erano anche alcuni (fortunatamente pochi) che si vantavano di aver spaccato gli autobus l’ultima volta che erano stati a Perugia, e che andavano sempre in giro col pennarello per imbrattare le panchine di tutto il mondo con la scritta PG TBC.
    Ma la cosa che mi faceva veramente ridere era che i perugini se ne fregavano totalmente, in quanto al massimo ce l’avevano con Terni. Insomma, era un odio neanche ricambiato! Che cosa patetica.
    Il peggiore di questi “ultras” adesso ha aperto una pizzeria in provincia di Perugia!

  • clarke: in effetti non lo ricambiano tutt’ora! che poi son due curve di comunisti, potrebbero gemellarsi e invece fuffa

cribbio
Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)