Jules et Jim

julesjim2.jpgLei aveva occhi grandi e sinceri e parlava parlava… Li conosceva da nemmeno ventiquattro ore ma era curiosa, fresca, gioviale, come le ragazze della sua età e fare amicizia non era un problema. "Stasera si va a mangiare fuori", aveva proposto, ed ecco pronti due nullafacenti a seguirla volentieri. Si era fatta attendere un po’ come è giusto che sia, per poi comparire lontana, elegante, sportiva. Adulta nei suoi 17 anni troppo stretti, solare e sorridente.
Per una sera Jules e Jim erano tornati indietro di cinque anni, a discorrere con lei di storie finite male, ingiustizie di poco conto, passioni musicali e ricordi dei tempi che furono. In due, ammaliati, persi nel mare di parole di una cena insolita e piacevole. Si erano offerti di pagare il conto, nonostante i suoi borbottii, acconsentendo poi ad un giro per le vie del centro, poco affollate per l’arsura estiva ma non per questo prive di vita. Era un fiume in piena che teneva banco ad ogni loro chiacchiera, una dolcissima compagnia tra due guardie del corpo buffe e imbranate. Li aveva portati in un localetto di quelli che frequentavano anni fa, quand’era ancora buio e fumoso e si mangiavano quei chicchi di mais tostati che facevano venire sete ma inevitabilmente era impossibile smettere; si era quindi fatta portare qualcosa da bere e senza nemmeno lasciar loro il tempo di accorgersene, aveva saldato il conto rendendo il favore di prima, lasciandoli a bocca aperta.
– E’ eccezionale. – diceva Jules
– Eccezionale, si. – confermava Jim guardandola da lontano.
Si era fatta riaccompagnare a casa, in una via buia e umida non distante dal centro, li aveva salutati ringraziando per la serata ed era sparita dietro il portone, leggera come quella poca aria che l’aveva portata davanti a loro nel pomeriggio.
I due amici si erano poi congedati ed ognuno era andato per la sua strada. Rientrando, non avrebbero potuto distogliere dalla mente quel sorriso, quello sguardo e quell’inusuale ed eccezionale serata. Semplice e bellissima, come non ne vedevano da parecchio tempo.

2 Responses to “Jules et Jim”


  • A me ‘sto libro ha sempre dati un fastidio allucinante.
    Non riesco a capire come si possa essere così superficiali da rovinarsi la vita senza accorgersene.

    E di conseguenza no ho amato nemmeno il film, nonostante trovo che Truffaut riesca a rendere poetico tutto quello che tocca(va)

  • Invece a me quel film è piaciuto molto, anche se Farhenheit 451 sempre di Truffaut, è ancora più bello.

cribbio
Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)