Il declino di una civiltà

Ho cominciato a comprare cd originali nel 1994, avevo 12 anni. Il primo lo ricordo ancora. "Stranger Than Fiction" dei Bad Religion (27.500 Lire, ma questa è un'altra storia, "signora mia"), mi piaceva da impazzire. Non avevo ancora il lettore portatile, mi feci la cassetta da sentire nel walkman in spiaggia: un piccolo ragazzino sovversivo.

Da allora ne ho comprati veramente tanti, tutti i soldi che riuscivo a raggranellare durante le feste da nonni, zii dal 1° al 6° grado finivano inevitabilmente in cd, tanto i libri me li comprava la mamma senza dover fare particolari pressioni.

La mia è una passione, feticismo se preferite. Ai tempi compravo veramente delle schifezze immonde, poi, con l'avvento del p2p (napster mio quanto ti volli bene) non ho smesso di acquistarli, ho semplicemente reso più selettivo l'acquisto.

Poche regole: 1. i gruppi "fondamentali" si comprano sempre e comunque, a scatola chiusa 2. le cose nuove prima si ascoltano scaricate, poi si comprano 3. i classici solo a prezzo scontato 4. (questa è recente) a 21.60 non compro nemmeno il disco di mio fratello.

Una cosa, però, l'ho sempre odiata: il bollino Siae.


Quell'odioso adesivo che rovina tutta l'estetica del cd, magari roba sulla quale fior fior di designer ci hanno perso il sonno. Ovviamente è anche impossibile da staccare senza lasciare una traccia imperitura di colla che ti appiccica le dita. La caccia al cd con il bollino inavvertitamente attaccato sopra la plastica protettiva era un mio must, come l'acquisto, in accoppiata, del disco nuovo violentato dallo stemmino e di una nuova custodia vuota con cui sostituirla appena giunto a casa.

I mefistofelici addetti della siae con il tempo si sono fatti più furbi e hanno incominciati ad incollarli direttamente sulle custodie in cartone, ricordo ancora le mie bestemmie nel vederlo appiccicato direttamente sulle polaroid e sulla tracklist della mia preziosissima copia di No Code dei Pearl Jam.

Ogni volta che una cosa del genere accadeva pensavo, da buon uomo della strada: "ah, se stessi in america, loro sì che sono bravi a non metterci gli stemmini! Quello che ci mettono poi è facile da togliere ed è fatto in modo da non lasciare niente sulla custodia. Per questo dominano il mondo e hanno trionfato sul comunismo".

Meno di un mese fa vado fiducioso a comprare dei dischi via internet dagli Usa, ovviamente per il prezzo, ma, anche se non lo ammetterò mai davanti ad una giuria, per evitare il malefico bollino siae.

Questa volta ci hanno superato e doppiato nel male.

Altro che stemmino: ora su qualsiasi disco, sulla custodia come sulla stessa superficie superiore del cd stesso c'è STAMPATO l'enorme logo "Fbi - Antipiracy Warning". Uno shock.

Volevate la prova definitiva che sono una società in decadenza?

Serviti.

13 Responses to “Il declino di una civiltà”


cribbio
Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)