Grasso è bullo

Il vuoto in scatola è una gran brutta cosa, specie se ti fa vedere Studio Aperto.
Non so se voi ieri sera avete guardato quel..telegiornale. Io sì, e la notizia che un giudice ha messo a dieta un bulletto diciassettenne di 100 e passa kg perché i suoi problemi relazionali derivavano dal troppo peso è diventato un servizio del tipo "Grasso è bullo". Non so voi, ma io conosco molti uomini paffutelli che non farebbero del male ad una mosca, e che non hanno alcun problema a relazionarsi con gli altri. Anzi, spesso noto che sono proprio i tipi palestrati e "montati", insomma, i machi in generale, che hanno atteggiamenti da bullo. Ora, non è che sto dicendo "Tutti i palestrati sono bulli", solo che non capisco perché se uno con i kg di troppo è bullo, allora tutti i "ciccioni" devono esserlo!!!

11 Responses to “Grasso è bullo”


  • bellissime le musichette di sottofondo ai servizi

  • Credo che Studio Aperto si commenti da sè.
    Comunque, fatto in un’ottica decente il discorso è complessissimo.
    Ci sono persone paffute che vivono con disinvoltura la loro condizione.
    Così come ci sono persone che soffrono ed iniziano a covare rabbia e rancori che sfogano verso loro stessi.
    Poi ci sono quelli che sfogano la loro rabbia nei confronti di tutto il mondo che li circonda. Nel momento in cui l’obesità diventa frustrante possono esserci anche reazioni di questo tipo. Ho “lavorato” con dei “cattivi ragazzi” in questo senso. Grassottelli e bulletti. Che vedevano in questo atteggiamento l’unico modo per “emergere”.
    Un servizio del genere minimizza le sfaccettature del problema. Che è un problema gravissimo. Anche per chi infierisce contro se stesso e si chiude in casa.
    Però Studio Aperto è quel che è. Un po’ come Focus, la scienza spiegata al popolo. Non mi considero nel target cui mirano.

  • Io sono pro ciccia.
    Donne dai 70/75 kg in sù, fatevi avanti. :-p
    😀

  • Ecco, arriva sempre Neo che marpiona.

    Rachele, ok che studio aperto è quello che è, però il discorso è: anche se sei studio aperto puoi minimizzare un problema e dire: grasso = bullo?

  • Flavia non è che marpiono: faccio solo parte della categoria dei sovrappeso.

  • dopo grasso=brutto, grasso= malato, grasso=stupido abbiamo questa nuova perla. sono contenta di essere dimagrita solo per me stessa ma non credo di essere stata una persona peggiore con quei 35 kg in più. che tristezza…

  • Neo, ..scherzavo!!

    MARPIONEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE

  • Beh, ovvio che il discorso sia molto piu’ complesso ed articolato, come sempre quando si parla di psicologia e relazioni interpersonali.
    Oltre la storia personale, della famiglia, e l’ambiente circostante, conta molto anche la comunita’ e la societa’ in cui si vive.

    Vi faccio un esempio: qui in Australia (mi riferisco in particolare a Sydney dove vivo), la percentuale nazionale di obesi o sovrappeso e’ molto alta (e in forte crescita) visto quello che mangiano che e’ un mix delle peggio cose tra inglesi e americane, e quanto bevono.
    Pero’ gli uomini (non le donne, purtroppo…) tra i 15 e i 30-40 anni sono mediamente molto in formna e “machi”, molto piu’ che da noi (io porto una taglia in meno che in Italia, per fare un esempio). Sono tutti grossi e muscolosi come i nostri tipi “palestrati e montati” come li chiami tu, Flavia. La cosa che colpisce e’ che qua -con tutti questi “infisicati” palestrati che ci sono- NESSUNO e’ bullo o attaccabrighe (ne’ tra i “muscolari”, ne’ tra i “ciciconi”). Se pesti il piede ad uno in discoteca questo ti chiede scusa,anche se e’ grosso il doppio di te, anche se e’ colpa tua. La parola piu’ diffusa dopo “No-worries” e’ “sorry”, sul serio. Venendo dall’Italia dove ogni serata in un locale (specie quelli per fighetti)e’ a rischio rissa, la cosa lascia decisamente stupefatti.
    Questo solo per dire quanto ne’ il tessuto adiposo ne’ quello muscolare abbiano nulla a che fare con la civilta’ o il rispetto degli altri, in generale almeno. E’ un discorso culturale.

    saluti australi a tutti

  • Flavia prrrrrrr :-p

    Abbo, ti sei scelto un bel posto, eh? 🙂

  • [Neo, mi permetto una parentesi -che rimanga tra me e te eh- visto che immagino ti interessi l’argomento.

    Ecco, francamente le Australiane lasciano abbastanza a desiderare. Magari sono sexy, arrapanti, si’, magari se la tirano anche meno -beh, ovunque meno che in Italia in effetti- pero’ in generale sono abbastanza sfatte. Insomma, per metterla sul basso “maschilismo-classificatorio”, devi essere per forza del partito delle tette qui, che per la cronaca non e’ il mio. Si’ perche’ c’hanno tutte un po’ di pancia, le maniglie ecc.
    Da noi in Italia le donne son tutte fissate e non mangiano un cazzo per competere con tutte queste immagini di “carne da macello” che abbiamo nelle copertine e nelle pubblicita’ che purtroppo fanno impazzire tanto noi maschietti, e noi invece c’abbiam tutti la pancia. Qui e’ il contrario, i maschietti c’ha tutti l’addomnale scolpito e il bicipite gonfio, e le donne la ciccia di fuori. Questo perche’ mangiano tutti di merda, e bevono un casino, pero’ i ragazzi fanno un sacco di sport e surf soprattutto e cosi’ si salvano, le ragazze si ubriacano e basta. Ovvio, sto parlando per massimi sistemi, si capisce. Pero’ badare bene: la cosa vale fino ad una certa eta’, poi la birra e il colosterolo ingeriti in tutta una vita iniziano a farsi vedere per tutti, poco da fare.

    Ah, e non ho detto che qua la percentuale di gay -soprattutto maschi- e’ incredibile, penso sia una delle capitali gay nel mondo, forse segue solo S.Francisco, ma non ci giurerei…Insomma, non mi sono scelto prorpio il posto migliore da sto punto di vista, e’ vero…ma la cosa non mi tange troppo, perche’ -inseguito come al solito dalla legge di Murphy- sfiga vuole che mi fossi innamorato di un’italiana prima di partire, e chissa’ come e perche’, sembra che ancora stiamo insieme…mah, a volte proprio non capisci che strada abbia preso la tua vita…]

  • abboriggeno, è vero, Sydney è la capitale dei gay nel mondo, evitare accuratamente Oxford Street se non si è interessati. Però ci sono pure un sacco di asiatiche davvero gnocche. Sulle autraliane concordo, na tristezza, a meno di non andare a nord verso Surfers Paradise

cribbio
Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)