Ci vuole severità

Prima di stasera non avevo mai visto una puntata di Lucignolo il rotocalco di "approfondimento" del tg dei gggiovani, mai più di qualche secondo durante il folle zapping notturno. Complice nuova coinquilina che insegue tale "Diego-quello-di-maria-de-filippi" per strada e capacità di reazione annientate da 6 ore di teorie sul rapporto tra la "liberazione del consumo e l’etica romantica" di Campbell mi sono appena sciroppato (quasi) tutta la trasmissione.
Tema della serata era "bellissimi".

Che dire? Non è che non mi è piaciuto eh. Piuttosto sono assolutamente convinto che la visione forzata di un paio di puntate di Lucignolo ad alto volume sia il modo più efficace, nonchè sadico al punto giusto, per punire e rendere inoffensivi tutti gli stupratori, in branco e non.

Il mio corpo e la mia mente sono stati letteralmente devastati: mal di testa lancinante causato della mitragliata di una cinquantina buona di stacchetti tratti da canzoni diverse ma tutte terribilmente "cool", nausea galoppante per la telecamera mossa in maniera insensata che inquadra fuori dal finestrino di un auto in corsa, effetto dose da elefante di bromuro provocato dal centinaio buono di culi e tette inquadrati in ogni modo e maniera (primi piani, zoom ginecologici, flash subliminali di un paio di fotogrammi stile fight club). Tutto questo dopo aver visto una solo puntata, peraltro inframezzata da mai così salvifici spot pubblicitari.

L’unico effetto collaterale da combattere è l’irrefrenabile istinto di castrare chirurgicamente tutti gli uomini con la voce baritonale che dicono "Hey ragazzi, cristallizzatevi lì, torniamo fra due minutini", ma sono sicuro che la scienza verrà prontamente incontro alla giustizia.

8 Responses to “Ci vuole severità”


  • magari era meglio la puntata di report, su rai 3, dedicata al fatiscente mondo della ricerca in italia : mi spiego meglio : mondo di eccellenza, anche, costretto a districarsi con un soldo bucato e burocrati ignoranti. Ha effetti collaterali molto peggiori di lucignolo… 😉

  • Un post su una inutile trasmissione televisiva? Un post su Lucignolo? Oooh, vedo che stiamo ampliando l’orizzonte degli argomenti! Ma tu non eri quello che queste cose? Coraggio, è estate per tutti. Passerà 😀

  • @blu: me lo sono perso, porca vacca, speriamo lo mettano su raiclik o magari in giro su emule. Iacona è un grandissimo.

    @davide: personalmente non mi pongo limiti, tu?
    evidentemente non mi segui, parlo di sciacquoni, dei miei problemi intestinali, a volte anche di te, pensa.

  • oooh, visto, bravo. Dunque potresti evitare di venirmi a fare periodicamente la morale a domicilio o altrove, per questioni di coerenza. Ah, ho trovato molto delicato, ancorchè educato, l’accostamento con gli sciacquoni ed i problemi intestinali; a buon rendere

  • giaggià… in effetti, la ehm.. voce “baritonalmente” fastidiosa l’altro ieri sera
    [mi giustifico chiarendo che ho acceso italia1 perchè ero tornata tardi e dovevo ancora cenare.. l’ultima sera prima di iniziare la matura],
    non so se avete notato, ha pure fatto la figura dell’imbecille: continuava a dire (con un suono di allarme in sottofondo) che si era incendiato il cestino della carta straccia e doveva chiamare i pompieri…!
    mi son fatta 4 grasse risate e poi ho spento pensando che Lucignolo fosse alquanto deleterio per la mia concentrazione x l’esame…
    saluti e baci gente…
    non scrivo più ma vi penso sempre. sempre fedele,
    una strega stremata (dopo mega versione di Tacito)

  • questo è quello che resta delle manifestazioni di Parigi. Resta nella stampa, intendo. Perlomeno se ne parla, dirai. ok. è l’ unica cosa che concedo.

cribbio
Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)