Director’s cut VS Original movie

Noleggiate un dvd, non avete mai visto quel film e potete tenerlo solo poche ore. Nel menu principale vi si pone la scelta: guardare il film originale di venti, trent’anni fa, oppure il Director’s cut come è finalmente uscito da poco per gli appassionati di quella pellicola. Come vi comportate?
La domanda, buttata li ad amici mezz’ora fa, ha scatenato un’interessante dibattito che qui ripropongo. Il film è l’opera per come è realmente uscita nelle sale, come l’hanno vista migliaia di spettatori e come l’hanno conosciuta per anni, o quella che era nella mente del regista all’epoca e che i tagli della produzione hanno limato? Intendendo non solo i tagli di censura ma in particolar modo quelli quasi superflui che non hanno alterato la trama e che il regista stesso all’epoca ha deciso di scartare perchè quasi ridondanti.
Qual è da considerarsi il film originale, l’arte concepita dal regista e mai uscita al cinema, oppure la versione che ha circolato con eventuali tagli annessi?

11 Responses to “Director’s cut VS Original movie”


  • Io guarderei il film originale per il semplice fatto che è quella determinata versione che l’ha eventualmente reso un capolavoro.
    Spesso parti aggiuntive oltre ad essere inutili alla trama possono rentedere il film più lento e pesante.
    Poi certo c’è film e film…

  • L’originale è il FILM, il director’s cut è un remake a basso costo.

  • Il director’s cut è una mera operazione commerciale.

  • E dare un’occhiata a entrambe le versioni, indi decidere se, a titolo del tutto personale (e assolutamente insindacabile) i tagli e/o le aggiunte erano valide? Io adoooro gli originali e delle aggiuntine-contentino sui dvd me ne faccio un baffo… però…
    Ah, dimenticavo: i film si dovrebbero anche vedere/sentire in lingua originale ;*)

  • Momyone, hai mai provato a vedere un film di Kusturica in lingua originale?

  • Il decalogo del lettore di Pennac secondo me vale anche per i film. Ognuno fa come gli pare, alla faccia di Ghezzi & co. 😉

  • Se avete visto i director’s cut di “Blade Runner” e “Leon”, la risposta la conoscete già.

  • messo tra i preferiti, grazie Carlo !

  • Io invece sono più propenso per la Director’s Cut. Coscente che certi film storici, in director’s cut, possono sembrare lenti, a causa delle scene in più… ma l’idea di vedere un film stagliuzzato per esigenze di produzione o di minutaggio per non far annoiare la gente in sala mi infastidisce. Per me l’originale è la verisone che il regista ha girato e montato personalmente, non quella che i produttori (spesso) impongono di tagliare qua e la prima di spedire nelle sale.

  • se i tagli sono be accettati dal regista, sicuramente la versione uscita al cinema. Considerate il capolavoro vero la Pietà di Michelangelo a San Pietro, frutto di modifiche, prove e limatine, o gli schizzi su carta che ne rappresentano l’indea originale?

    Se i tagli sono imposti dalla produzione contro la volontà del regista… beh…

  • Il film. Perchè è quella la versione originale.
    Poi magari dopo qualche mese lo noleggio nuovamente e guardo il director’s cut

cribbio
Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)