Quando tocca a te

Nella nostra città il numero di incidenti stradali è impressionante. Comprare il giornale al mattino, leggere gli strilloni fuori dalle edicole è uno strazio continuo. Complice la nebbia, le strade lunghe e diritte alberate non passa giorno che non si leggano di schianti mortali. E se vivi qui da 22 anni sai che prima o poi, toccherà anche a te leggere di qualche amico che lungo queste strade ci ha lasciato le penne. Sai che succederà ma non vuoi pensarci, speri di essere davvero fortunato a conoscere tanta gente che è sempre lì al tuo fianco a sorridere e a scherzare.

Così capita di alzarti una mattina di settembre e trovare un sms freddo e lapidario come si usa oggi, nel duemilacinque. Si è schiantato proprio ad un passo da casa tua, mentre dormivi beato senza pensare a niente. Un attimo e non c’era già più, massacrato da una curva alle quattro del mattino, la stessa curva che avrai percorso migiaia di volte, è il tuo quartiere questo no? E chi la consola la madre ora, quando il marito è in casa di cura su una sedia a rotelle da più di vent’anni e l’altro figlio è scappato di casa appena ha saputo la notizia questa notte? Chi lo dirà agli amici che se non gli avessero telefonato nel cuore della notte non sarebbe uscito andando incontro alla morte? I soliti se e ma. Inutili e stupidi. I soliti pianti, i mazzi di fiori ordinati lungo le scale d’ingresso di casa, le impietose burocrazie.

E’ un pugno allo stomaco quella pagina di giornale che oggi colpisce anche te e sembra una delle tante, una normale prima pagina quotidiana di cronaca. Ma che ha un peso ben diverso per chi gli voleva bene, per i suoi cari e i tanti amici che sono sicuro aveva nonostante da diversi anni ci fossimo persi di vista. E vaffanculo quanto dev’essere triste che 23 anni di vita si riducano alle solite righe di un giornale locale che ti etichettano con poche frasi cercando di ricostruire chi sei. Un altro ancora è andato a mordere la polvere. E via, la vita va avanti come sempre è stato e sempre sarà. Buon viaggio, D.

2 Responses to “Quando tocca a te”


  • Condoglianze. A me capito una cosa del genere ormai piu’ di dieci anni fa. A perdere la vita, di notte a due passi da casa, fu quello che consideravo quasi un fratello. Colui che, un giorno, sarebbe stato il mio testimone di nozze.

    Invece il mattino dopo mi arrivo’ una telefonata…

  • Abitavo vicino a casa sua, io e mio fratello avremo giocato una decina di volte a casa sua e attorno al suo palazzo, al solito nascondino, guardie e ladri…poi all’età di dieci anni ho cambiato casa e non l’ho più visto o forse l’ho visto ma non riconosciuto. Un abbraccio forte al fratello! Simo e Manu.

cribbio
Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)