E tu dov’eri…?

"Undici settembre 2001, diciassette anni, il mare, le conchiglie e un corpo magro e sottile pieno di ossa, il bar sulla spiaggia.
Il messaggio dell’ansa, il maxischermo dove si guardavano i Gp acceso prontamente, "Cazzo che sfiga", e tu "No, è un attentato, pensa a dov’è l’aereoporto di New York",
Tutte le telecamere puntate su un grattacielo fumante, la voce concitata dello speaker della Cnn, l’altro aereo e la certezza che avevi ragione. Il crollo, il tuo viso.
"Tutti morti, tutti morti, tutti morti…"
Hai provato a chiamare New York con duemila lire nel telefono. Siamo passati per i centralini impazziti dell’Excelsior, c’era una donna che strillava "my husband" tenendosi appresso i figli. Mi hai presa per mano e mi hai trascinata via senza riuscire a guardarmi negli occhi.
Siamo rimasti impietriti a fissare S. Marco, la gente pregava, tu fissavi il vuoto, io guardavo te.
Ed era solo silenzio.
Televisioni sputavano immagini da ogni vetrina, e noi andavamo verso casa, per mano, fissandoci le scarpe.
Abbiamo mangiato a letto e ci siamo addormentati abbracciati, ti ho baciato sulle labbra stordita, abbiamo fatto l’amore senza sapere perchè. Abbiamo chiuso gli occhi con la convinzione che non li avremmo più riaperti. Mai più.
Eppure la mattina dopo ci ha svegliati, impertinente."



V’è una forte differenza tra celebrare e ricordare. La celebrazione arriva quando il ricordo non fa più male. E capita che non faccia più male perchè purtroppo l’essere umano si abitua ad ogni cosa, dalle più dolci alle più atroci.
E non gode più di nulla.
Oramai è tutta una grottesca celebrazione di ogni singolo morto che diventa eroe. Perchè la verità è che non si tollera più il silenzio imposto dalla morte. Quella pietra che cala sopra la terra senza concedere una possibilità di replica. Un "E se…".
Esatto, "E se…?"
L’incapacità d’elaborare il lutto ci rende "sopravvissuti", che rimuovono o celebrano.
Senza ricordare più.
Diciamo "non è giusto", ritorniamo bambini per un attimo di fronte alla maestra che ci punisce quando era il vicino di banco a tirare le palline si carta con la penna a mo’ di cerbottana.
Diciamo "mai più" e tra una corona d’alloro e una manifestazione di pubblico cordoglio dimentichiamo il significato profondo di quelle parole.

"Io chiedo come può l’uomo uccidere un suo fratello…quando sarà che l’uomo potrà imparare a vivere senza ammazzare…"
No, non è giusto, non lo è.
Non sono mai giusti i morti, siano essi americani, italiani, afghani, iracheni, curdi, israeliani, palestinesi, etipi sudafricani, coreani…non faccio differenze.
A pagare le "colpe" altrui è sempre sangue innocente, chi ha la sfortuna di essere nel posto sbagliato al momento sbagliato. O di "essere sbagliato"
E non vale la "questione di giustizia", sarebbe troppo facile.
Ci si eleva moralmente a combattere sotto quest’egida, ci si toglie un mezzo peso dalla coscienza grazie alla "giusta causa".
Eppure ai morti non glielo chiede mai nessuno se perdonano, se invocano giustizia, se stanno magari meglio là dove sono perchè le seimila vergini toccano a tutti.
Citando Enzo Bianco  "non si dovrebbe mai porgere la guancia dell’altro".

La fede diventa bigottismo, ogni affermazione diventa legge e lo spazio lasciato ai dubbi dev’essere poco, per evitare l’implosione di una società nutrita d’illusioni.
Si sta perdendo la Storia, che scivola via…

"O che bel castello, il mio è biù bello, noi ruberemo, noi lo rifaremo, noi lo bruceremo, noi lo spegneremo, toglieremo una pietra, noi non ce ne importa, toglieremo due pietre, toglieremo tre pietre…"
E via così…

7 Responses to “E tu dov’eri…?”


  • “E se” è un brutto tarlo che rode.
    Quando due persone stanno bene senza sapere perchè il motivo c’è. Adesso quasi accetto che tu lo provi per qualcun altro questo.
    Vorrei poter sapere che è tutto a posto.

  • Non serve che te lo dica (anche perché non aggiunge niente alla discussione), ma la tua riflessione mi è piaciuta. Di cuore.

    In tempi non sospetti, alla luce di simili pensieri concepiti da penne femminili, avrei detto: “incontriamoci, vediamoci, conosciamoci”.

    “Peccato” sia troppo tardi. Ci guadagni tu, ci perdo io 😉

  • 11 Settembre 1973, tu dov’eri?

  • Tra le braccia di Dio

  • “In tempi non sospetti, alla luce di simili pensieri concepiti da penne femminili, avrei detto: “incontriamoci, vediamoci, conosciamoci”. “Peccato” sia troppo tardi. Ci guadagni tu, ci perdo io “.

    Questo commento me lo incornicio, sìsìsìsìsì.

  • Ci sarà un motivo per non innamorarsi di te, Rachele?

  • non rgirare inconsapevolmente il coltello nella piaga Paolo. Dicono tutti così Non sono amata io. Sono desiderata. E quel che ne rimane è che le persone mi abbandonan.

cribbio
Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)