Polvere di stelle /2

Kate Moss
Paolo Calissano
Boy George
Lapo Elkann
…?

Si accettano scommesse. Ormai è come la faccenda dei pitbull o di acquabomber. Tra un mesetto o due smetteranno tutti per magia di tirare di coca.

17 Responses to “Polvere di stelle /2”


  • prima di allora avremo un bel pò di poveri martiri (à la calissano) sguinzagliati in giro per i talk show a raccontare quant’è tarribile essere vittime innocenti della droga, e di quant’è liberatorio esserne stati liberati, giacché quello è sempre stata la loro preghiera prima di andare a letto. oplà! casalinghe innamorata e aureole in plastica per tutti.

  • Loro.
    Ma per chi non è loro la vita non sarà facile
    Come tutte le dipendenze ci sarà chi potra permetterselo tramite le migliori cliniche messe a disposizione dallo stato e chi anche volendo dovrà subire la trafila burocratica dei servizi sociali, del sert, del rischio di perdere l’affidamento dei figli.
    E’ quella la cosa più triste.
    Che i soldi diventano discriminante imprescindibile nelle tragedie umane.

  • per non parlare della marijuana…

  • Beh ma Boy George non vale sono 15 anni che notoriamente si fà. Un bel colpaccio sarebbe W. 😛

  • Ma che lo scoprono ora? E poi Lapo è di famiglia!!!

  • QUELLO CHE è SUCCESSO IERI SERA A lAPO NON MERITA COMMENTI MA DI CERTO UNA CONSIDERAZIONE NON PUò MANCARE: GIOVANE, RICCO, POTENTE E POI RISCHIA DI FARE LA FINE DELL’ULTIMO SFIGATO COCAINOMANE FALLITO? rESPONSABILE MARKETING DELLA FIAT? ORA DOVE LO METTERANNO? nELLE VENDITE? E PENSARE CHE OGNI ANNO ESCONO DALLE FACOLTà PIU PRESTIGIOSE FIOR DI LAUREATI CHE POI FANNO I DISOCCUPATI. e POI MI TOCCA SENTIRE QUALCUNO CHE DICE CHE LA NOSTRA CLASSSE DIRIGENTE NON è ALL’ALTEZZA E CHE GLI UOMINI GIUSTI NON CI SONO PIU…
    fORSE DOVREMMO LASCIARE A CASA I RACCOMANDATI E I FIGLI DI PAPA E MANDARE A DIRIGERE LE NOSTRE AZIENDE A CHI LO HA IMPARATO SUI LIBRI E NON AI COCA PARTY.FORSE L’ITALIA SAREBBE MESSA UN PO MEGLIO. cOMUNQUE STAVOLTA LA FIGURACCIA A LIVELLO INTERNAZIONALE C’è STATA E NEMMENO LA FIAT CON LA SUA POTENZA è RIUSCITA A NASCONDERLA. TUTTO DA RIDERE

  • La cosa che trovo davvero triste è che sia in prima pagina sui siti dei più importanti quotidiani nazionali.

  • Il triste non è che lui sii in prima pagina.
    E’ triste che, una volta che sii guarito e disintossicato, poi vadi di nuovo a fare il responsabile della comunicazione FIAT.
    Non ho mai capito come quello possi essere il suo mestiere.

  • Il prossimo, qualche politico salottiero di sinistra

  • MIO COMMENTO in breve perchè davvero non posso…volevo dire…
    mentre Kate e Paolo Callissano li DIFENDO perchè sono due persone di spettacolo senza capacità particolari e soprattutto senza pretese di insegnarci un cazzo questo Lapo ManagerFiglioDiPapà ed espressione della Supersindacalizzata Fiat che da anni ci stressa le palle con le sue casse integrazioni e che nonostante faccia pietà è straponsorizzata dai nostri politici di sempre (soprattutto quelli di sinistra) non solo non lo difendo ma mi fa ANDAREINBESTIA. Qs pseudodemente che insegna a noi come si diventa manager in 10 lezioni e come sarebbero fieri i suoi avi di lui soprattutto per quella spiaggia esclusiva che ha costruito a Saint Tropez. Grazie al cazzo, con i miliardi io ti costruisco uno Stato intero che funziona meglio del Principato di Monaco. E ancora ci dice che i politici dovrebbero girare in FIAT, lo metterei in carcere a vita. Non per spaccio di droga (guarda caso qui la cessione non c’è se la tirava da solo tutta sta roba, Come no) ma per SPACCIO DI STRONZATE.

  • “… E’ quella la cosa più triste. Che i soldi diventano discriminante imprescindibile nelle tragedie umane…”

    Rachele, i soldi sono sempre stati una discriminante.

  • tutto sto casino per la coca. la scoprono ora, siamo tutti cocainomani, ma fino ad oggi dove vivevano? pensavano forse che i supermanager e le supermodelle, i superfighetti, i superfiglidipapa ma anche gli operai che si sputtanano lo stipendio in auto, coca andassero avanti con gli integratori da erboristeria? il mio segreto? palestra, un caffè e tanta grinta, lavoro 20 ore al giorno. quante di queste dichiarazioni avete letto sui giornali? che poi sia Lapo o Mister x poco importa. Lapo fa notizia perchè è un coglione, perchè nell’immaginario dei media è l’imprenditore del futuro (quale?), l’Agnelli fico che assomiglia al nonno e altre stronzate. L’operaio/avvocato/impiegato cocainomane invece non fa notizia ma è un coglione lo stesso. Ma guai a dire che gira la coca. Mica siamo tutti dei drogati in Italia.

  • La prossima sarà Martina Stella, confesserà di averla presa insieme a Lapo per farsi pubblicità… se ci pensate da quando sono insieme è più in ombra, quindi qualche giro dei salotti da talk show mentre il fidanzato se ne sta in ospedale mi sembra un buon passatempo.

  • Non ho parole. Complessivamente non ho parole. Devo dire solo una cosa, che spiega questo fenomeno e tutte le vaccate che gli si cuciono intorno: disintossicare cosa?!?!? la coca a questa genete GLI PIACE UN CASINO, stop, tutto qua!!nessuno è tanto fesso da farsi deliberatamente del male perchè soffre, perchè ha problemi. Chi soffre, lo fa in silenzio, e magari si ammazza. Questi cavolo di cocainomani/alcolizzati/eroinomani hanno voglia solo di divertirsi. credetemi. Ad ennesima dimostrazione che non hanno nessun problema, altrimenti sarebbero silenziosamente a cercare soluzioni, non a spippazzare con travestiti e ballerine

  • mi dispiace solo per il/la povera corregionale che se l’è trovato mezzo andato nel letto al risveglio. son traumi

  • sono pronto a scommettere ke quel travone con cui è andato Elkan diventerà la nuova star di Buona Domenica! (^_^)

cribbio
Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)