La storia di Flavio B. /6

(6° ed ultima puntata – puntata precedente)
Quando, il 10 febbraio 1993, una bomba esplode (è la seconda, nella vita di Briatore) davanti alla porta della sua casa londinese, distruggendo una colonna del porticato e facendo saltare i vetri tutt’attorno, qualche voce cattiva la mette in relazione con i traffici d’armi o altri commerci. Ma i giornali inglesi scrivono che si tratta di una "piccola bomba" dell’Ira e che i terroristi potrebbero averla abbandonata per paura di essere stati scoperti. Intanto Briatore è giunto al culmine (per ora) del suo successo. Esibisce i suoi soldi, le sue donne, le sue case. Appartamento a New York, villa a Londra, attico a Parigi, pied-à-terre ad Atene, tenuta in Kenya. Aereo privato. Yacht di 43 metri, con un Fontana e un Giò Pomodoro nel salone. Ha amici importanti soprattutto in Inghilterra (Ecclestone innanzitutto, ma anche David Mills, avvocato londinese di Berlusconi, specialista nella costruzione di sistemi finanziari internazionali «riservati», tipo All Iberian). Il nostro Flavio è "arrivato" e lo fa vedere, senza risparmio. All’inizio degli anni Novanta aveva preso in mano la scuderia Benetton di Formula 1, creata nel 1986 da Davide Paolini e Peter Collins sulle ceneri della Toleman. Nel 1994 e nel 1995, è storia recente, con Michael Schumacher alla guida, la porta alla vittoria mondiale. "Ma la Formula 1 non è uno sport, è un business", ripete. E lui da questo business ha saputo spremere miliardi. A trovare sponsor è bravissimo. Per il team spendeva molto, è vero, ma i suoi bilanci non hanno mai chiuso con disavanzi superiori ai 3 miliardi: la Benetton, dunque, ha ottenuto una copertura pubblicitaria planetaria, del valore di almeno 15 miliardi all’anno, con esborsi piccolissimi o addirittura, dopo il 1993, con un guadagno di alcune centinaia di milioni. Ma Briatore non si ferma. Nel mentre cura anche business in proprio: compra e rivende la Kicker’s (scarpe per bambini), acquista un’altra scuderia di Formula 1, la Ligier (dopo qualche tempo la rivenderà ad Alain Prost), prende una quota della Minardi, poi diventa socio del team Bar. Forse è troppo anche per Luciano Benetton, che nel 1996 "divorzia" ufficialmente dall’amico. Niente di male, Briatore incassa una buonuscita di 34 miliardi e subito si ripresenta con una sua azienda, la Supertech, in società nientemeno che con Ecclestone, che sviluppa i motori Renault e li fornisce a tre team, Bar, Williams, Benetton. Poi compra la casa farmaceutica Pierrel.
Ma apparire gli piace almeno quanto possedere. Le due cose si sono ben sposate nel Billionaire, discoteca con piscina ottagonale traboccante di vip a Porto Cervo, in Sardegna: buon investimento, ma soprattutto ottimo palcoscenico per le sue celebri apparizioni in pantofoline di velluto bordeaux al fianco di Naomi Campbell (storia inventata, dicono i bene informati, dalla pierre Daniela Santanché da Cuneo, amica di gioventù di Briatore e oggi pasionaria di Alleanza Nazionale). Per Flavio Briatore la vita spericolata è diventata ormai vita dorata. Le brutte storie del passato nessuno le ricorda più. Il "Tribüla" di Cuneo è sparito: al suo posto, un uomo di successo, non raffinatissimo, ma ugualmente coccolato dai salotti di ogni tipo, come quelli dei programmi di Simona Ventura, ultima amica fidatissima giunta alla corte di Re Flavio, in cui si rimpiangono gli anni Ottanta e si ripete il motto di Briatore: "Se vuoi, puoi". Ancora qui a leggere? Esci e vai a farti una vita alla Briatore. Se vuoi puoi, no?
(Libero adattamento da "Società Civile" – 6. FINE)

4 Responses to “La storia di Flavio B. /6”


  • e se non puoi? vuoi?

  • Ti dico: io nutro anche una certa stima nei confronti di Flavio da quando – due anni orsono – mi recai ad Oxford presso il centro F1 della Renault (i dintorni di Oxford sono chiamati la Silicon Valley dell’automobilismo da competizione). E insomma, grazie ad amicizie in comune, abbiamo visitato tutto il centro. Ci hanno confiscato le fotocamere per evitare lo spionaggio industriale e dato l’accesso a tutte le sale. Un’esperienza incredibile anche per chi – come me – detesta le quattroruote.

    Poi arriviamo nella sala riunioni. E con i miei occhi ho visto gli appunti di Flavio per un progetto a scadenza 2006. Con le mie orecchie ho sentito i suoi collaboratori parlare di vittoria mondiale entro la fine del 2005. Oh, è trascorso esattamente il tempo da loro pronosticato.

    E’ un riccastro buffone caccia-gnocca, ma è anche un enorme professionista.
    [Ste]

  • Ti dico: io nutro anche una certa stima nei confronti di Flavio da quando – due anni orsono – mi recai ad Oxford presso il centro F1 della Renault (i dintorni di Oxford sono chiamati la Silicon Valley dell’automobilismo da competizione). E insomma, grazie ad amicizie in comune, abbiamo visitato tutto il centro. Ci hanno confiscato le fotocamere per evitare lo spionaggio industriale e dato l’accesso a tutte le sale. Un’esperienza incredibile anche per chi – come me – detesta le quattroruote.

    Poi arriviamo nella sala riunioni. E con i miei occhi ho visto gli appunti di Flavio per un progetto a scadenza 2006. Con le mie orecchie ho sentito i suoi collaboratori parlare di vittoria mondiale entro la fine del 2005. Oh, è trascorso esattamente il tempo da loro pronosticato.

    E’ un riccastro buffone caccia-gnocca, ma è anche un enorme professionista.
    [Ste]

  • Ok, adesso posso chiederlo: a che pro tutto ciò? :O

cribbio
Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)