-173 giorni

prodiico.gifPassato il day after dei festeggiamenti e della pubblica gioia da parte del centrosinistra per il trionfo, in termini di audience elettorale, delle elezioni Primarie, mi pare sia doveroso fare il punto della situazione e annotare alcune considerazioni.

4 milioni di elettori sono stati un successo numerico inaspettato, una grande celebrazione della voglia di far sentire una voce, di dare una spinta forte all’imbarcazione dell’Unione indicando chiaramente quale sia la persona più credibile da mettere alla guida della coalizione. Prodi, che piaccia o meno ai puristi della politica fatta di soli ideali, rappresenta oggi il solo candidato possibile che riesca a mediare, seppur a fatica, tutte le anime del centrosinistra. Non è credibile un governo Bertinotti, insensato un leader della società civile come Scalfarotto. Stiamo parlando di elezioni politiche e i giochi si fanno con mediazioni, compromessi e accordi bilaterali. Per litigare e far emergere le scelte dei partiti ci sarà modo poi, a governo formato. Ora è il momento di radunare la gens e affilare le spade. A contrapporsi saranno Prodi e Berlusconi, come il popolo grida a gran voce. Lo scontro tra titani, che mancava da dieci lunghissimi anni.

Inutile però dormire sugli allori di un’elezione primaria andata bene. Se da un lato è un segnale positivo che sicuramente dona nuova linfa a tutto il sistema politico dell’opposizione, dall’altro va tenuto conto che ha votato circa il 18% dell’elettorato di centrosinistra (stando ai dati del 2001, purtroppo obsoleti). Rimane da conquistare la fiducia e la conferma di tutti quelli che hanno preferito rimanere a casa, seguaci di una fede politica più tiepida ma non per questo da sottovalutare. Vanno conquistate le casalinghe che hanno ritenuto superfluo esprimersi oggi, quelli che la politica la seguono solo marginalmente, i lavoratori delle classi più bistrattate dall’attuale compagine governativa e soprattutto bisognerà saper parlare ai giovani, vera anima pulsante della sinistra che scende in piazza, si infervora e dialoga sui grandi temi di interesse generale. Per farlo Prodi dovrà saper costruire un programma finora poco chiaro, rispettando quel 15 percento di elettorato che gli ha preferito Bertinotti, un dato estremamente significativo. Una voce che chiede finalmente un "governo di sinistra" e non una legislatura dove vivacchiare tirando avanti come si può, che a poco servirebbe. Il grido strozzato di Moretti in "Aprile" è ancora valido, un decennio dopo.

Da non sottovalutare infine è il peso politico che queste elezioni hanno avuto sull’altra metà del Parlamento, quella che pensa, governa, aggiusta e vota compatta le varie leggi che vengono in mente al peones di turno per risolvere problemi futili al bene del Paese. Il falso in bilancio, le rogatorie internazionali, l’immunità parlamentare, la Gasparri e non ultima la riforma del sistema elettorale che gli italiani avevano scelto di mandare in pensione dodici anni prima con un semplice referendum. Il governo si impegna ma non chiede mai legittimazione al popolo sovrano, in nome di un mandato ormai logoro e di un contratto con gli Italiani in scadenza. E’ un Governo assente anche nelle manifestazioni più semplici dove si richieda la sua presenza, quando una vedova piange un marito che si è sacrificato agli altari della politica ed è solo il Capo dello Stato a commemorarne l’onore.
Queste elezioni dunque, non possono che diventare un chiaro monito dell’elettorato fedele all’Unione: noi ci siamo, siamo pronti e decisi a farci sentire. Il grande cuore della sinistra ha reagito prontamente alla chiamata e con pazienza e dedizione si è recata alle urne sopportando volentieri code interminabili ma necessarie. Berlusconi in cuor suo non può che preoccuparsi, quando la sua coalizione vacilla sotto un Follini dimissionario e anche i suoi sondaggisti dicono picche guardando al futuro. Ora almeno una data di fine lavori c’è, le elezioni sono fissate al 9 aprile, cui ci separano centosettantatrè giorni di lungo inverno. La campagna elettorale sarà aspra come non mai ma questa volta sono le poltrone ai piani alti a tremare in vista del risultato, mentre là fuori l’elettore ha fatto già sentire la sua voce segnando il primo gol della grande partita della Democrazia. Uno a zero, palla a centrocampo.

8 Responses to “-173 giorni”


  • Stamattina ho aperto il giornale e ho capito. Mi pareva strano.
    In effetti mi sembravano un po’ troppi i quattro milioni e passa di votanti alle primarie dell’Unione.
    Ma stamani sulla stampa Berlusconi, che da quel numero mi sa che è stato un tantinello innervosito, mi ha spiegato che si è raggiunto quel numero incredibile perché ai seggi c’erano moltissimi infiltrati della Casa delle Libertà.
    Che hanno pure pagato un euro e – ma ci pensate? – hanno anche sottoscritto l’adesione all’Unione.
    E soprattutto hanno contribuito a rendere assolutamente eccezionale il risultato conseguito dai loro avversari.
    Bei furbi quelli della C.d.L. Complimenti davvero.

  • e così cominciò la grande battaglia della Democrazia, in cui il Bene è passato in vantaggio contro il Male.

    ammèn.

  • e così cominciò la grande battaglia della Democrazia, in cui il Bene è passato in vantaggio contro il Male.

    ammèn.

  • No. Uno a zero per gli elettori.

  • Capisco l’odio. ma era sufficiente dircelo una volta sola 🙂

  • Lo scontro tra titani, che mancava da dieci lunghissimi anni.

    Ci mancava? Sinceramente non conosco nessun altro paese che dopo 10 anni faccia sfidare gli stessi personaggi. A me non mancava, e non sarebbe mancato 🙂

  • Flavia, sono loro due gli unici politici che attualmente si possono spendere in un vero duello tra le parti. I vari Rutelli, Casini saranno la classe politica di domani, ma finchè Prodi e Berlusconi faranno politica sono destinati ad essere al centro dell’attenzione. Prodi mancava eccome all’Italia, basti vedere lo sbando della sinistra negli ultimi anni mentre lui era impegnato al Parlamento Europeo. E quanto fosse desiderato l’ha detto chiaramente il risultato delle primarie. Quanto a Berlusconi, sono convinto che se proprio facesse le primarie risulterebbe ugualmente il preferito dall’elettorato di centrodestra.

  • beh in futuro direi che il leade designato dal cx è abbastanza chiaro che sarà veltroni, rutelli si è bruciato_prodi è una persona onesta, sa di cosa parla, specie di economia. è credibile e affidabile_rispondendo al dubbio di prima: esistono tanti paesi dove dopo 10 anni si ripresentano le stesse facce, fidati_in albania, senza fare facili ironie, ha rivinto colui che innescò la rivoluzione dopo lo scandalo delle “piramidi”_lo odiavano, ora è in sella_in argentina tanti casi simili_segno che in questi 10 anni romano prodi, piaccia o non piaccia, è il candidato più credibile_chi volete: MASTELLA?_

cribbio
Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)