De evolution

Mi sorge il dubbio, sicuramente da persona rozza ed ignorante, sul perchè il centrodestra, di chiaro stampo "conservatore" nei princìpi a cui si ispira, si debba prendere la briga e di certo il gusto di stravolgere le regole del gioco di un Paese. Non mi è chiaro insomma, per quale ragione la signora Moratti debba rivedere l’intero sistema scolastico causando i malumori di tutto il settore coinvolto. Non mi è chiaro perchè Gasparri debba rivedere l’assetto delle telecomunicazioni, e tantomeno comprendo la necessità di una riforma  c o s t i t u z i o n a l e  per cambiare i poteri delle cariche dello Stato e del Parlamento. Sembra a mio avviso un delirio di onnipotenza sconosciuto ad ogni precedente Governo, in nome di una maggioranza solida nei numeri, scricchiolante negli accordi tra i partiti e largamente in crisi nei consensi popolari degli ultimi tempi.
Non sarà invece che, faccio un’ipotesi, si sia scritto un programma di governo dove i singoli interessi siano stati messi in gioco a carte scoperte fin dall’inizio da ogni partito, e che qualche abile (si fa per dire) legislatore ha saputo ben truccare da leggi d’interesse nazionale? Non sarà forse, ma di sicuro mi sbaglio, che questi colpi di maggioranza siano invece un modo di accontentare le paturnie ed i sogni del Ministro di turno, amante dell’alta velocità, fan del digitale, antitabagista che sia? Oppure un modo in fondo elegante di risolvere le proprie magagne politiche, accumulate e mai svelate da nessun tribunale durante anni di lavoro nell’ombra del Transatlantico, durante la Prima Repubblica?
Perchè mi è sembrato che della Gasparri ne abbia beneficiato soltanto Mediaset ed in particolare Rete4. Mi è sembrato che la riforma Moratti facesse piacere soltanto ad insegnanti di religione e delle scuole private. Mi è perfino parso, ma di sicuro nella mia ignoranza avrò capito male, che la Devolution solo e soltanto Bossi l’abbia mai chiesta per il popolo padano come contentino dell’idea secessionista mai maturata del tutto. E che le rogatorie internazionali, il falso in bilancio, il legittimo sospetto e l’immunità parlamentare, al singolo cittadino che ha votato questa maggioranza, non possono fregare di meno.

Per fugare ogni dubbio ho aperto il dizionario alla voce politica. Vi ho trovato un paio di tette sorridenti ed una banconota da cinquanta, e tutto è stato subito chiaro.

5 Responses to “De evolution”


  • Se il dubbio ti sorge adesso, arrivi tardi… 🙂

    Scherzi a parte. Quello che dici è ampiamente risaputo. La devolution è il prezzo che Bossi ha chiesto per tenere unito il governo: un vero e proprio ricatto, e anche dentro la stessa maggioranza lo hanno ammesso in molti. La legge Gasparri serve a sanare posizioni particolari incompatibili da anni con le normative vigenti. E così via. La confezione da interesse nazionale non era neppure così ben fatta, ma evidentemente è bastata a infinocchiare le menti più malleabili.

    [solo non mi toccare la legge antifumo, una delle pochissime cose sacrosante di questo governo, grazie alla quale un bronchitecronico come me è tornato alla vita e allo spritz selvaggio]

    Per finire scusa, ma che dizionario hai?

  • E ti lamenti? Nel mio dizionario alla voce politica c’è una sodomizzazione.

  • queste bellissime azioni di governo se ci pensi bene sono finalizzate a portare vantaggi ad amici, ad amici degli amici, a loro stessi. grandi opere, scuola privata, sanità privata, tfr (che non san nemmeno loro che fare adesso…), gruppi industriali in crisi, gruppi industriali non in crisi, etc.
    morale: la politica degli affari, quelli loro.
    Nota: ieri sera da Vespa han fatto rivedere Silvio che firma il contratto con gli italiani. alla fine mi sembrava che dei 5 punti non se ne fosse realizzato in pieno nessuno. no mi sbaglio: tassa di successione abolita. Centro

  • Caro, vecchio Lapalisse.

  • Non so perché, ma temo tu abbia appena fatto un grosso torto alle scimmie

cribbio
Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)