Nuove fiction Rai

Ratzinger-ruini.jpgBuongiorno a tutti dal vostro nuovo autore di Ciccsoft destabilizzante per la persona e la società di riferimento. Siamo lieti di presentarvi, in esclusiva, le nuove regole cui si atterrà la Rai nel produrre le prossime fiction dedicate ai personaggi della Chiesa che hanno reso sacra ed immortale questa istituzione. Questi nuovi prodotti verranno elaborati in conformità ai nuovi documenti vaticani in tema di omosessualità.


In considerazione del “fenomeno sempre più preoccupante, ritenuto in diversi paesi come un’attitudine normale, mentre in passato era sempre stata considerata un problema nella organizzazione psichica”, ed al fine di non creare confusione, i protagonisti non indosserano più ambigui ed equivoci abiti lunghi, ma esclusivamente tute da metalmeccanico, possibilmente sporche di grasso ed olio. Al fine di sgombrare il campo da malintesi che possano adombrare che i protagonisti della serie non siano “uomini ben fondati nella maturità della propria mascolinità”, nel celebrare la Santa Messa essi non baceranno più il crocifisso, ma lo saluteranno con una vigorosa pacca sulla spalla. Considerando che l’omosessualità “non è un bene a partire dal quale si possano educare i giovani”, verranno eliminati i possibili riferimenti a situazioni passibili di promiscuità: niente campetti di calcio o di pallavolo intorno alla parrocchia. Le attività ricreative consigliate dai parroci consisteranno in simpatici war-games, al cui termine i vincitori avranno diritto ad una serata nei privè delle discoteche frequentate dalle locali veline. Nei flashback con i quali si ricostruirà il passato del parroco protagonista della fiction, per escludere con sicurezza che si tratti di “candidati che hanno incontrato difficoltà di identificazione con il proprio padre”, mostrare il giovane protagonista che sfida l’anziano genitore in gare di rutti e sfide di braccio di ferro. [Domandare S.E. Ruini se ammissibile finale con bagno nudi in fiume con acqua gelata d’inverno- NdA] Licenziare immediatamente truccatori, parrucchieri e costumisti assunti per le citate fiction: potrebbero generare il dubbio che il protagonista voglia “sviare la propria paternità spirituale verso scopi narcisistici”. La star scriverà esclusivamente con la penna, preferibilmente anzi con una matita che provvederà egli stesso a temperare usando le proprie unghie, così da escludere che egli “visiti siti pornografici su internet, si lamenti degli altri e manifesti atteggiamenti vittimistici”. Durante la confessione, mai si mostrerà il devoto di sesso maschile inginocchiato dinanzi al parroco durante il sacramento, per evitare eventuali incomprensioni. Il rito si svolgerà dunque al tavolo di un wine bar [evitare osterie: basta con le fiction comuniste- NdA]. Predisporre nuovi moduli con i quali i partecipanti dichiarino di essersi astenuti, nei quattro anni precedenti al girato, da rapporti impuri di ogni specie, ricordandosi che anche “il loro impegno a vivere nella continenza non può bastare ad evitare conseguenze negative”.
Buon lavoro a tutti.

(tutte le parole in grassetto sono testualmente riportate dall’articolo di padre Tony Anatrella pubblicato ieri dall’Osservatore Romano, in commento alla dichiarazione vaticana su sacerdozio ed omosessualità.)

10 Responses to “Nuove fiction Rai”


cribbio
Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)