Traffic Gangbang

Basta parlare di sesso. Il vero problema è il traffico. Sì, come in "Johnny Stecchino".


C.CATTOLICA, GUIDA PERICOLOSA E’ PECCATO, COME QUELLI SESSUALI SPROPORZIONE CON MORALE SESSUALE. INSERIRLA IN ESAME DI COSCIENZA (ANSA) – ROMA, 15 dic – Insistere meno sulla morale sessuale e cominciare a parlare dei rischi per la vita di tutti della guida pericolosa e di comportamenti irresponsabili nel traffico. Lo chiede la Civiltà cattolica in un articolo del prossimo numero, firmato dal direttore Gianpaolo Salvini e intitolato "Il traffico e le sue dimensioni morali". Salvini propone anche di inserire in ogni esame di coscienza i comportamenti tenuti al volante. La guida pericolosa, che mette a rischio la vita di esseri umani e causa ogni anno morti e invalidi permanenti purtroppo, constata la rivista romana dei gesuiti, non viene considerata con la stessa "intransigenza delle norme che regolano la morale sessuale" e c’é una "evidente sproporzione" anche nell’educazione dei giovani, tra queste norme e il modo in cui li si educa "a usare moto e auto in modo moralmente responsabile". Del resto "ogni confessore – scrive Salvini – crediamo che conti sulla punta delle dita i penitenti che si sono accusati durante una confessione di aver guidato impunemente, in stato di ubriachezza o di stanchezza bene percepita, con l’automobile non in ordine, contromano ecc.". Civiltà cattolica ricorda invece che "tutte le componenti educative, e quindi anche la Chiesa, hanno una forte responsabilità nella formazione delle coscienze in questo campo". L’articolo esamina dettagliatamente il problema degli incidenti stradali, "gravissimo problema" analizzato auspicando "una trasformazione della mentalità che dovrebbe coinvolgere tutti". Gli incidenti stradali, osserva padre Salvini, sono eventi "particolarmente lesivi del diritto alla tutela della salute, perché si possono prevenire e perché privano delal via soprattutto giovani e persone in buona salute". A proposito dell’Italia c’é da osservare che "sembra scarsa la percezione della gravità del fenomeno" mentre è bastata la minaccia della mucca pazza (con in Italia un solo caso veramente accertato) per far crollare il mercato della carne e mentre "quasi dappertutto ci si oppone all’istallazione di antenne per i cellulari, che tutti usano naturalmente, senza che sia stata dimostrata scientificamente la loro pericolosità". Un’ampia parte del dettagliato articolo è dedicata a vedere cosa accade quando, specialmente per i giovani, il mezzo di trasporto diventa un "simbolo" , "un mezzo per sfidare la propria fragilità".Si affronta anche il problema della inefficacia delle campagne di prevenzione, visto che la gente sembra "assuefarsi" alle immagini di "lamiere contorte e carcasse di auto incidentate". Per padre Salvini "non esiste ancora una adeguata coscienza pubblica in materia di circolazione stradale, che pure costituisce un problema tra i più seri della civiltà occidentalé" e "soltanto motivazioni profonde, e anzitutto un concetto altissimo della vita, assimilate con un esercizio quotidiano, possono creare con efficacia uno stile stradale corretto". Tutti, anche la Chiesa, sono responsabili in questa opera educativa e "non sarebbe male, in occasione di ogni esame di coscienza, interrogarsi anche su questo punto". (Copyright Ansa 2005)

1 Response to “Traffic Gangbang”


  • Quindi in pratica, fammi capire, i pompini mentre si guida saranno meglio tollerati se fatti..che so, sotto i 50km/h?

    Finezze a parte, mi sembra una nota positiva che la Chiesa inizi a sospettare che ci siano altre priorità al mondo rispetto alla castità tra i giovani…

cribbio
Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)