auguri

di Viss

Le poste in questo periodo sono intasate.
Se spedisci una raccomandata ti telefonano che non è ancora arrivata e il postino ti dice che è Natale.
Bigliettini di auguri.
C’è ancora chi spedisce bigliettini di auguri che acquista con cura con un certo anticipo e poi compila con una grafia leggermente inclinata e piena di riccioli non dimenticando mai un augurio particolare al piccolo caio. O tizio. O sempronio. Purchè sia piccolo.
Qualcuno addirittura manda ancora la foto di famiglia o quella del piccolo caio, o tizio o sempronio, che con la sua faccia paffuta invia gli auguri agli amici e i parenti.
Come le segreterie telefoniche delle neo famiglie: Maria, Giuseppe e Gesù non sono in casa o non possono rispondere, lasciate un messaggio dopo il segnale acustico e vi richiameremo appena possibile.


Non mancano neanche gli originali quelli che il messaggio lo lascia il pargoletto di tre anni quello che ti è già arrivato in foto per natale e che ti ha annunciato la sua nascita su un bigliettino con la cicogna e il suo battesimo con un altro bigliettino con la sua foto mentre fa il bagnetto e poi ti ha lasciato in ricordo quei confetti azzurri contenuti in un orsacchiotto d’argento e ti aspetta già per il suo prossimo compleanno con un trenino dipinto a mano su un bigliettino di cartoncino color crema.
Sarebbe bellissimo poter sostituire il segnale acustico della segreteria telefonica con il pianto del piccolo caio, o tizio, o sempronio….

Tanto fuori fa ancora molto freddo e il telefono tace.
Quest’anno che tutte le compagnie telefoniche ti regalano messaggini gratis come fossero confetti, i cellulari non sono più intasati da tutte quelle storielle natalizie che giravano fino all’anno scorso. Se eri particolarmente fortunato, lo stesso messaggino poteva arrivarti sul telefonino almeno quindici volte e per quindici volte lo rimandavi a quindici persone che a loro volta lo inviano ad altri quindici tra cui, alla fine, c’eri di nuovo tu.
Imbarazzo generale quando il messaggino con il culo delle renne ti arrivava dall’amante del marito o dall’ortolano che ti porta la spesa a casa.

Anche la casella di posta elettronica è in letargo.
Niente mail di auguri con allegato di Babbo Natale che canta mentre fa lo spogliarello. E neanche fiocchi di neve che cadono sull’albero di natale che si accende mentre in casa si accendono le luci e un cane esce sulla neve, mangia un osso e mentre parte il coro di tu scendi dalle stelle, il cucciolone si avvicina all’albero alza la zampa e ci fa la pipì.
Sguaiate risate dietro al monitor e ti giro questo cartolina di natale virtuale.

Tempo da lupi. In giardino mi si è seccato il banano e anche quest’anno l’albero di natale ecologico mi è venuto tutto storto.
Pende da una parte insieme a tutte le sue palle dorate. E non solo.

2 Responses to “auguri”


cribbio
Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)