Christmas, at last

Posto che a Natale c’è uno scambio di regali che i regali vanno presi impacchettati poi li metti sotto l’albero. Posto che il problema principale è procurarsi dei regali non importa cosa prendi l’importante è che li prendi. Provo a non ridurmi all’ultimissimo momento 24 sera 19 e 29 negoziante, stai chiudendo. Mi accontento di qualunque puttanata una maniglia colorata, un porta spilli, un portafoglio, un portafiglio,una cagata…qualcosa.
(Elio e le storie tese – Baffo Natale)

chimney2.gif24 notte: reduce da un’ultima (?) cena natalizia che non mi ha consentito di palesarmi in tempo utile ad un’altra festa di cui sarei dovuto essere l’aiuto organizzatore, nonchè responsabile del dj-set. Pessimo proprio. E deve ancora cominciare l’ambaradan di questo nuovo Santo Natale. Mi ritrovo a quest’ora a tirare un attimo di respiro provando a raccogliere le idee e a fare mente locale. Qualcosa mi dev’essere sfuggito di mano e gli eventi devono aver preso il sopravvento sul mio cervello, impedendomi di organizzare razionalmente il tempo concessomi e incastrandomi in ogni cosa sia stato possibile fare nel giro degli ultimi 22 giorni. Per dirne una: ho fatto l’albero di Natale soltanto oggi pomeriggio, a poche ore dall’Evento. Che poi uno dice, vabbè che ti frega dell’albero. Ma chi mi conosce sa quanto ci tenga in realtà alle tradizioni e a questi simboli che scandiscono da generazioni il tempo e le ricorrenze in cui ci si ritrova con vecchi amici e parenti per brindare in compagnia.

E i regali? In alto mare. Diciamo che ci penso a partire da domattina. Il che significa, se la sveglia sarà probabilmente non prima delle undici, avere a disposizione circa otto nove ore per escogitare un modo di accontentare mogli e buoi con qualche gingillo inutile da mettere sotto l’albero. Che tolte le ore di coda e quelle per trovare parcheggio diventano drasticamente due.

E tutto il resto? Un blog su cui hai scritto quasi mai nell’ultimo mese, rincasando sempre ad orari assurdi con tutto per la testa tranne che un’idea per scrivere. Un sito cui collabori che ti paga per oziare facendo i tuoi porci comodi. Un professore in attesa che ti sottoponga al suo insindacabile giudizio per chiudere un esame rimasto in sospeso da un paio di settimane. Un esame da preparare per gennaio di sana pianta. Una ragazza che ti rincorre ormai da due mesi, cui non hai fatto altro che rimandare e chiedere venia se. Un paio di siti da terminare il prima possibile. Un template promesso a settembre e non ancora realizzato. Una visita ad un’amica accordata tre mesi fa. Un salto all’Ikea per prenderti una poltroncina per la camera. Un post da scrivere che tieni in serbo da ormai oltre un anno e non hai ancora avuto voglia di buttare giù. Un’intervista sfiorata ma non realizzata al gruppo chic del momento. Duecento dischi da copiare. Una dozzina di film da vedere. Un bel po’ di cinema arretrato da recuperare con le seconde visioni.

E soprattutto: un senso, perduto già a 22 anni, di questo Natale alle porte che arriva all’improvviso e ti coglie impreparato e un po’ spaesato. Il salutare amici e amiche augurando Buon Natale alla stessa piatta maniera con cui si dice ciao tutti i giorni. Il sentirsi un po’ stanchi, cercando un momento di tranquillità per se stessi e il rincorrere gli eventi dimenticando l’ardore e il significato del 25 dicembre che tanto ti appassionavano giusto qualche anno fa. Il rendersi conto insomma, di non aver fatto nulla di buono per affrontare il Natale alle dovute maniere. Allora facciamo che per quest’anno salto. Festeggiate voi e poi raccontatemi com’è stato. Mi limiterò ad abbuffarmi come impone il copione, a scartare regali (?) e a trascorrere un po’ di tempo con i parenti giocando a tombola e mangiando panettone. Non passo dal via, pesco una carta e tiro i dadi, rimandando al prossimo turno e cercando di prepararmi per tempo dandomi una regolata una buona volta.

5 Responses to “Christmas, at last”


cribbio
Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)