Il liberalismo part-time della destra italiana

Non voglio – almeno per adesso – entrare nel dettaglio delle vignette danesi e della maglietta di Calderoli: ci tornerò (se ne avrò voglia) più avanti, magari quando ci saremo tolti di mezzo questa pesantissima campagna elettorale che costringe tutti a prendere posizione su tutto, generando così un profluvio di stupidaggini che in questi mesi anche l’ultimo dei sottosegretari si sentirà in dovere di regalare al paese.
Quello che mi interessa sottolineare è una contraddizione che la dice lunga sull’onestà intellettuale della destra italiana e sul suo modo discutibile di strumentalizzare le correnti vicende internazionali.

Sappiamo come sono andate le cose: un giornale danese pubblica alcune vignette satiriche che raffigurano Maometto, queste vignette provocano accese polemiche e talvolta degenerano in scontri e attacchi alle ambasciate (sorvoliamo sul timing delle proteste, questione forse meno importante di quanto sembra).
Il governo danese si appella alla libertà d’espressione, afferma di non potere interferire sulle scelte editoriali della stampa e – pertanto – si rifiuta di chiedere scusa. Questi i fatti.
Le reazioni in occidente sono variegate: chi ritiene eccessive le proteste islamiche e crede che le vignette siano solo un pretesto, chi pensa che le stesse vignette siano irrispettose nei confronti del popolo musulmano, chi ritiene vadano fatte delle scuse all’Islam, chi si erge a estremo difensore della libertà d’espressione diffondendo le vignette incriminate.
La destra italiana – seppure con qualche distinguo – ha preso una chiara posizione: vignette o non vignette, fare un passo indietro è mettere in gioco i principi stessi della nostra civiltà occidentale. E allora, giù a difendere il nostro amato ideale della libertà d’espressione: politici (Taormina, Calderoli, Speroni e tanti altri), giornalisti (Paragone, Facci) e gli immancabili blogger-banderuole del panorama neocon italiano scendono in campo e si ergono a difensori della libertà di espressione senza se e senza ma. Si fa a gara d’indignazione, a chi si straccia le vesti prima e meglio. Si cita addirittura Voltaire.


E allora, la domanda nasce spontanea. Ma questi paladini della civiltà occidentale, questi difensori della libertà di stampa, questi politici illuminati, questi pensatori voltairiani, dov’erano fino a pochi mesi fa? Erano in Italia?
Dov’erano mentre Reporters sans frontiers definiva l’Italia un paese "parzialmente libero" dal punto di vista della libertà di informazione (42simo posto, dietro il Costa Rica, ultimo posto tra i paesi occidentali)?
Dov’erano mentre la Commissione per i Diritti Umani delle Nazioni Unite pubblicava un rapporto sulla anomalia del sistema italiano e sui rischi per la libertà di stampa?
Dov’erano mentre l’International Press Institute e l’European Federation of Journalist definivano "preoccupante" e "in seria e profonda crisi" la libertà di espressione e informazione in Italia (qui e qui)?
Potremmo continuare ancora per molto: dov’erano mentre Freedom House, l’Osce, il Parlamento Europeo, l’IHF, il Consiglio d’Europa, l’Open Society Institute e la Commissione Europea denunciavano i limiti alla libertà di espressione posti in essere in Italia da una preoccupante e anomala gestione dei mezzi di informazione?
Tutto questo senza tirare in ballo i casi dei vari Santoro, Luttazzi e Biagi, che hanno visto gli attuali difensori dei principi dell’occidente vestire direttamente il ruolo di censori: dov’era finita la difesa irrinunciabile della libertà di espressione? Dov’era Voltaire? Dov’èra la magliettina di Calderoli?

Possiamo fermarci qui. Continuare su questa strada porterebbe su conclusioni completamente folli ma perfettamente logiche: la libertà di espressione in Italia è stata in questi cinque tragici anni un principio part-time, erogato non più come diritto bensì come privilegio da uno Stato e da una classe politica che volta per volta decide chi può goderne e chi non deve.
La credibilità di questi moderni paladini della giustizia è zero: zero come la loro onestà intellettuale, zero come la loro sincerità. Le loro vesti strappate e la loro indignazione odierna sono frutto – nel migliore dei casi – di una opportunistica strumentalizzazione elettorale; nel peggiore, di un malcelato razzismo.

(Per il lavoro di ricerca un grazie e i miei complimenti vanno a questo post di Asfalto Bagnato)

2 Responses to “Il liberalismo part-time della destra italiana”


  • Francesco caroo, niente da dire, salvo un grazie per questo post “tarato” in modo meraviglioso e pieno di risorse utili.

  • Facci e Paragone sono giornalisti?

    Ah si ricordo, Facci era quello che dava del nazista a Sirchia perchè gli “toglieva la libertà” di fumare nei luoghi pubblici.

cribbio
Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)