Omicidio Aldrovandi – Il caso continua

Il 13 gennaio scorso raccontavo in un post dei fatti accaduti a Ferrara nel settembre scorso e che ancora oggi sono fonte di accese discussioni nella nostra città. L’omicidio del giovane ragazzo davanti all’ippodromo cittadino rimane infatti una ferita aperta per tutti quanti, dopo i recenti, drammatici, sviluppi. Per quanti di voi non hanno avuto modo di seguire le notizie dell’ultimo mese, ecco in sintesi come stanno andando le cose.
L’invito è sempre quello: spargete la voce e divulgate la notizia per quanto vi è possibile, perchè non scenda il sipario su questo atto increscioso che getta una lunghissima ombra sulle forze dell’ordine.
 
Sia chiaro: la faccenda ha preso una brutta piega e si è finiti all’ovvio muro contro muro tra polizia e la famiglia. Partiamo però dal principio.


EVENTI CITTADINI – A seguito dell’apertura del blog della madre, e alla denuncia dell’accaduto per portare i fatti all’attenzione pubblica, sono stati organizzati numerosi sit-in, il primo dei quali in piazza Trento Trieste il 15 gennaio dove è emersa subito la voglia di fare e di farsi sentire che c’è negli amici e nei conoscenti del giovane Federico. Sono seguite fiaccolate, veglie di preghiere ed altri raduni silenziosi e composti sia in piazza che davanti all’ippodromo. Si è costituito un comitato, Verità per Aldro, composto dai suoi amici più stretti, che sono i promotori ufficiali delle iniziative pubbliche in città e con i quali si stanno organizzando alcuni concerti nel mese di marzo nei quali anche il gruppo in cui suono avrà l’onore di esibirsi e farsi sentire per gridare contro l’indifferenza locale.
 
ATTENZIONE DEI MEDIA – Il caso è stato oggetto di interrogazione parlamentare da parte di Rifondazione Comunista al ministro Pisanu. L’onorevole Giovanardi ha risposto in aula il 19 gennaio difendendo l’operato delle forze di Polizia. Il caso è poi finito a Chi l’ha visto?, dove anche in forma anonima alcuni testimoni hanno rivelato particolari agghiaccianti. La madre è andata ospite al Maurizio Costanzo Show, dove tra l’altro è stata oggetto di violenti attacchi da parte di altri ospiti, ed è stata intervistata da numerose radio e tv. Tutti i giornali nazionali hanno riportato la notizia. Liberazione quello che ha dato maggior risalto alla vicenda, anche nei giorni scorsi, con prime pagine ed ampi servizi dall’inviato in loco.
 
SVILUPPI NELL’INCHIESTA – La famiglia ha ordinato una perizia sulla salma con un proprio medico legale, per accertare le cause del decesso. A distanza di mesi dall’accaduto, il 17 febbraio esce il referto medico: si parla di morte per soffocamento. Non sono state le modeste quantità di ketamina ed eroina trovate nel corpo del giovane Federico ad uccidere, bensì l’asfissia sopraggiunta per essere rimasto a terra pestato dalla polizia troppo a lungo. Testimoni parlano anche di svariati minuti durante i quali il ragazzo è rimasto sotto pressione di qualche guardia iraconda che lo minacciava con il manganello. I giornali traccheggiano nel riportare la notizia, non si espongono come peraltro fatto in passato e riportano prontamente la smentita ufficiale del Questore di Ferrara. Il sindaco chiede verità, pretende chiarezza e si fa sentire in maniera comunque ancora troppo distante.
 
Il 21 febbraio la madre di Federico si decide a compiere una mossa che già da tempo voleva fare. Sul blog viene pubblicata la foto del cadavere del figlio, in uno scatto successivo alla morte il mattino stesso, della camera mortuaria. L’orrore e lo sgomento sono ora sotto gli occhi di tutti nella loro crudezza. Federico appare tumefatto, gonfio di botte che gli hanno massacrato il cranio dal quale è uscito sangue per ore, ha il labbro distrutto, il collo cianotico. L’evidenza è talmente forte che stupisce la freddezza con la quale ancora una volta le forze dell’ordine sono disposte a negare. Liberazione riporta la foto, a grandezza gigantesca, in prima pagina come maggiore notizia del giorno titolando "La madre: ecco il mio ragazzo, vi sembra morto per droga?". Riesplode la polemica e il caso anche a livello nazionale. Ferrara mormora in silenzio e fondamentalmente tace nella sua omertà fino ad oggi sconosciuta.
 
Con precisione svizzera, il giorno seguente vengono rilasciati i risultati della perizia del medico legale della Polizia. Il giovane Aldrovandi è morto per overdose di stupefacenti. I segni di percosse dovute ad atti violenti di autolesionismo che il ragazzo avrebbe compiuto non sono ritenuti sufficienti alla morte sopraggiunta quel mattino. Come volevasi dimostrare, smentita e stoccata restituita. Uno a uno, palla al centro.

Si parla di eventuali perizie dall’estero ed ulteriori indagini ma se è vero che la vicenda sembra sia arrivata ad un punto morto, conoscendo Patrizia, energica madre di Federico, sicuro dobbiamo aspettarci ulteriori azioni volte ad approfondire la questione. Noi altri si andrà fino in fondo, sostenendola nel nostro piccolo per quello che possiamo fare, cercando di rompere quel silenzio che avvolge Ferrara anche quando per una volta non è la nebbia la responsabile.

3 Responses to “Omicidio Aldrovandi – Il caso continua”


  • Quello che in questi casi più dispiace e fa incazzare, è l’impotenza di un cittadino di fronte all’omertà delle forze dell’ordine.
    E dire che la foto (e in particolare tutto quel sangue) non si spiegano bene con la morte per sovraccarico cardiaco dovuto alla droga come lascerebbe intendere la perizia del medico legale. Mah.

  • condivido. e non ho molto da dire davanti alla foto. un dubbio: e se succedesse a me? a volte confesso che ho paura

  • Aldrovandi e pestaggio a Sassuolo

    Capita che a Sassuolo sia picchiato un immigrato che ha opposto resistenza e che tutto ciò sia testimoniato dal video ripreso con un telefonino. Capita che dalla gente di Sassuolo si levi un coro di solidarietà verso i Carabinieri autori del pestaggi…

cribbio
Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)