Il blocco della scrittrice

Ho passato settimane in cerca di un argomento interessante per il mio post, ho pensato a un testo sull’idea di bello oppure sulle tecniche museali, ma niente suscitava nella mia mente un barlume di ispirazione.
Ho il blocco della scrittrice!
Dopo soli quattro post ho già esaurito gli argomenti? Sono una comunicatrice inefficace, un’aspirante giornalista o critica d’arte senza una straccio di possibilità!
Il computer mi guarda, aspettando… attende le mie indicazioni, le dita sono pronte a digitare sulla tastiera  testi interessanti e accattivanti, i libri sugli scaffali sono pronti per essere consultati in vista di eventuali dubbi; ogni cosa è al suo posto, ma qualcosa non va…
Ogni volta  che inizio a scrivere qualche pensiero, mi blocco dopo poche righe. Il testo non mi piace, mi sembra banale e non sono sicura delle argomentazioni che adduco.
E intanto in computer mi guarda e la pagina word, dove di solito digito la prima stesura dei miei post, rimane completamente bianca o al massimo si riempie di una frase inconclusa.
Allora inizio a pensare, a riflettere, cerco un’immagine che mi possa ispirare, ma la mente rimane inesorabilmente vuota.

E’ in questi momenti che comprendo come si deve sentire un artista o uno scrittore, mentre guarda  il lavoro che deve finire senza ispirazione, senza avere la forza di concluderlo. Io per fortuna non provo neanche la metà della loro disperazione, gli scrittori e gli artisti hanno bisogno della loro arte per vivere, per me tutto questo è solo un piacevole hobby.
Tuttavia neanche di fronte alla spensieratezza di un passatempo riesco a scrivere a comando, a questo punto non posso che chiedermi come potrei mai fare la giornalista.
Non sono mai stata una macchina, anche a scuola avevo difficoltà a comporre i temi, mi mancava sempre l’ispirazione e mi rendevo conto di quanto il lavoro definitivo fosse nettamente inferiore alle mie capacità.
Tralasciando i miei problemi di scrittura a comando, ho deciso di interrompere il mio silenzio e giustificare in qualche modo l’assenza dei miei post con queste poche righe. Spero che coloro che si erano interessati  alle mie meditazioni mi possano perdonare.
Intanto per non farvi dimenticare il mio amore per l’arte ho inserito come immagine La contrarietà del pensatore di Giorgio De Chirico, sommo pittore metafisico, per il quale Ferrara fu molto importante.
Tornerò presto…chissà forse proprio con un post sulla metafisica.
Penserò e cercherò di mettere in movimento questa mente pigra e svogliata.

8 Responses to “Il blocco della scrittrice”


  • e ne è uscito uno splendido post sull’amore per la scrittura. ciao elle

  • Grazie akio, il tuo apprezzamento mi fa molto piacere. In effetti la scrittura è una delle mie passioni.

  • Certo se ti poni come obiettivi argomenti tipo “la metafisica” o “l’idea di bello”, cazzo, ci credo che hai il vuoto, mica hai scelto di parlare della zuppa del casale.
    Prova a calare un po’ le aspettative…insomma, stai pur sempre scrivendo su Ciccsoft eh!

    [hehe, tiè euggè!]

  • Non sono mai stata una macchina, anche a scuola avevo difficoltà a comporre i temi, mi mancava sempre l’ispirazione e mi rendevo conto di quanto il lavoro definitivo fosse nettamente inferiore alle mie capacità.
    (ti capisco benissimo….succedeva la stessa cosa a me. ecco perchè è una MAREA che non scrivo su ciccsoft..nel frattempo sto riempiendo un nuovo msn space, a mo’ di blog..vediamo cosa ne esce…)
    W le donne di Ciccsoft! baci, little

  • cosa ci vuoi fare abboriggeno, mi piace istruirvi… 😛

  • (Prima di diventare logorroico) ho sempre avuto problemi a scrivere cose che superassero una certa lunghezza. Complice una grafia piuttosto piccola già dalle elementari facevo fatica a riempire due colonne nei temi. Me la son sempre cavata sopra la sufficienza grazie ad una buona capacità di sintesi (che ora a volte smarrisco), una sintassi sufficientemente scorrevole (idem come sopra), e ad una buona grammatica.
    Ma la fantasia non è mai stata il mio punto forte….
    🙂

  • mi chiedevo appunto qualche giorno fa dove fossero finiti i tuoi splendidi post sull’ arte.. Però allo stesso tempo non farti problemi, nè vorrei sentissi addosso troppe aspettative : io son già contento di quelli che ho già letto, se altri verranno sarà un piacere, ma ugualmente sarà piacere se anche con poche righe ci saluterai di tanto in tanto, semplicemente.. Ciao !

  • Bah, avvolte bisogna randomizzare a bestia, tipo raggiungere lo stato psichedelico che pervade le giornaliste di la vita in diretta, donne con pass con sopra scritto “giornaliste”, che senza alcaloidi alcuni riescono a far andare la testa a sketboard sul burro rancido.

cribbio
Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)