E basta con l’otto marzo!

La parabola dell’otto marzo ha qualcosa di fenomenale. Nasce all’alba delle prime lotte di emancipazione femminile, come ricorrenza di un episodio storico (vero o presunto, di sicuro simbolico). Cresce e si alimenta nel conflitto per l’uguaglianza tra i sessi, viene issato a mo’ di vessillo da streghe e uteri autogestiti, snobbato dalla sinistra marxista perde smalto durante l’avvento del pensiero sulla differenza. Infine viene tradito e colonizzato nel modo più bieco dal marketing, oltre che dalle stesse donne che credono di meritarselo guardando i Centocelle Nightmare, con gli slip rigonfi del loro stesso cervello.

Parliamoci chiaro: qui si tratta di violazione di diritti civili e umani. Ma non verso travestiti, omosessuali, immigrati, e via dicendo. Qui si tratta di qualcosa di più sottile, di più perverso, dal momento che la differenza di genere è trasversale, e riguarda tutte le categorie oggi discriminate e costituisce quindi, una doppia discriminazione: immigrata e donna, ebrea e donna, musulmana e donna, handicappata e donna, disoccupata e donna, prigioniera di guerra e donna, povera. E donna.

Allora, 8 marzo a parte (da seppellire con una risata), qui si tratta di comprendere che è arrivato il momento di pensare in grande stile, uomini, donne e sfumature di genere: i diritti civili si conquistano, si combatte e si conquistano, attraverso la rappresentanza politica e la pressione di piazza, attraverso lo sciopero e il boicottaggio, attraverso la produzione intellettuale e la legislazione, attraverso gli spazi pubblici e quelli privati, con la scelta politica e con il rifiuto dei modelli di potere tradizionali, e poi con lacrime e sangue, come sempre, dovunque e da sempre.

Gli uomini, quelli Tradizionali, quelli pelosi e ignoranti, quelli che mollano gli sganassoni, quelli che fanno gli eterni bambini e che trattano bene la moglie l’otto marzo, gli uomini che non fanno un cazzo in casa e che “..per carità il culo a mio figlio lo pulisci tu dopo che hai cucinato..”, gli uomini che di fronte alla collega d’ufficio sorridono e poi la considerano stupida, o inefficace perchè donna, gli uomini così, tutti gli uomini così, sarà il caso di fargli togliere le mani dalla marmellata, prima o poi. O no?

State bene. Cyrano.

1 Response to “E basta con l’otto marzo!”


cribbio
Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)