Orrori di gioventù: la scheda libro

V’è buona abitudine di far leggere ai liceali tanti ma tanti libri per farli crescere sani nella mente oltre che nel corpo (che a quello son buoni anche da soli). Così capitava che ti appioppassero dei tomi allucinanti tipo "La famiglia Manzoni", oppure "Il piacere" o "I Malavoglia", che, lo diceva il titolo stesso, leggevi di malavoglia, nonostante poi scoprissi che tutto sommato ti piacevano e che era buffo ad esempio vedere Zeno alle prese con le tre sorelle Malfenti. Siccome però le sventure non vengono mai sole, al povero studente scapestrato veniva inflitta anche la peggiore delle torture libroconnesse: la schedatura del romanzo.
Alzi la mano chi non ha mai dovuto fare la scheda del libro per scuola. Saranno due o tre di voi, non di più. La scheda era quella cosa barbosa che si faceva quando avevi finito di leggere il romanzo e dove scrivevi titolo, autore, trama, personaggi ed analizzavi una ad una le tematiche del libro cercando di sviscerare quali significati profondi l’autore avesse mai voluto dare (magari incosciamente). Poi la consegnavi all’insegnante e ciò era prova inconfutabile dell’avvenuta lettura del sopracitato romanzo.

Ricordo che i più furbetti di noi si pigliavano in biblioteca il bignami, se lo scopiazzavano per bene vantando sulla propria scheda libro dottrine filosofiche e significati reconditi che ai più rimanevano imperscrutabili. Il bel voto era assicurato, l’impegno era minimo e al posto della noiosa lettura del Foscolo o del Verga ci stava pure una bella partita di pallone.

Poi c’ero io.


Io le schede libro non le copiavo. Raramente andavo a documentarmi in biblioteca per prendere spunto su qualche tematica ma i libri me li leggevo. Se il romanzo in questione era vergognosamente noioso, lo abbandonavo a metà, senza pudore. Il problema veniva al momento di doverlo schedare. Finchè è lo stesso libro che han letto anche i tuoi amici tutto bene. Magari chiacchierando ti fai dire cosa succede nelle pagine che non hai letto. Ma quando il libro è esclusiva tua, perchè tu hai scelto di prendertelo dall’armadietto dell’aula scolastica, sono esclusivamente cazzi tuoi.
Internet non c’era quasi, niente sms o enciclopedie su cdrom. Al più appunto la biblioteca se proprio avevi voglia di farti una pedalata il giorno prima della consegna, per cercare spunti. Perchè il libro, finivi di leggerlo irrimediabilmente il giorno prima della consegna della scheda.
– Vieni fuori?
– No, devo finire Pirandello, lasciami in pace!
Centinaia di pagine tirate via, lette in fretta per cercare di carpire rapidamente la trama, nodo essenziale del lavoro di sintesi successivo. Digressioni saltate, descrizioni paesaggistiche beatamente ignorate.

Io il Deserto dei Tartari di Buzzati lo lessi. Giuro, lo lessi tutto o quasi. Però erano le otto di sera del giorno prima e dovevo ancora iniziare il mio lavoro di recensione, la stampante si era inceppata e se non era per il vicino provvidenziale sarei rimasto a piedi del tutto. Mancavano una decina di pagine, ecco. Non le potevo finire, non avrei avuto proprio tempo. In fondo il tenente Drogo ha aspettato una vita intera quei benedetti Tartari nella fortezza Bastiani, cosa vuoi che succeda ancora? Qualche menata, un finale di ampio respiro dove si riflette si valori profondi della vita, che altro? Così scrissi nella mia trama:

…il tenente Drogo attende tutta la vita nella fortezza Bastiani l’arrivo dei Tartari, tra ronde notturne e dissertazioni con i commilitoni, in attesa di un attacco che non arriverà mai…

Giuro che da allora i libri li leggo fino all’ultima pagina, si sa mani che ‘sti cazzo di Tartari sbuchino fuori alla fine mentre il protagonista muore e succedono le uniche due cose di trama che ci erano state negate nelle duecento e rotte pagine precedenti.

P.S. Per la cronaca: l’insegnante manco si accorse della svista, e noi si gongolò trionfanti a dimostrazione di quella voce secondo la quale il docente di lettere non leggevano nemmeno gli elaborati. Mettevano un Visto e che s’è visto s’è visto.

5 Responses to “Orrori di gioventù: la scheda libro”


  • io non ho mai finito di leggere la coscienza di zeno. ora leggo bukowski.

  • io sono riuscita a leggere tutto La coscienza di Zeno nei 2 giorni precedenti alla consegna.. una maratona indimenticabile..
    perchè poi ovviamente ti davano sì 2 mesi di tempo x leggerlo, ma chi ne aveva voglia? quindi alla fine ci trovavamo in 25 il giorno prima (tutti fermi alle prime dieci pagine) a discutere su come si potesse posticipare la data di consegna di un paio di giorni!!

  • L’ultima volta la scheda libro l’ho fatta in prima media. Forse seconda. Ps la famiglia Manzoni? Eh?
    (Ps ma la confusione Malavoglia-Coscienza di Zeno è voluta, le due cose sono disgiunte o non hai mai fatto una scheda libro? :P)

  • le due cose sono disgiunte, era un esempio 😉

  • un grande uomo, una grande mente. il piccolo euge che pedalava verso la biblioteca.. occhiali tondi e marsupio con la merenda.. succo più focaccia/torta della nonna…
    super zioooooooooo

cribbio
Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)