La febbre del sabato sera

Estate!L’inverno è freddo, l’aria pungente penetra tra i sottili varchi della sciarpa e ti scarica addosso tutto il peso di un gennaio troppo lungo per vederne anche solo la fine. Eppure arrivano quelle due o tre orette dove inizi a picchiettare le mani in tasca, il tacco delle scarpe sussulta sul pavimento unto di birra, le note dei bassi si infrangono sugli scogli della tua malinconia e infilza la tua timidezza con un tridente sonico. La mareggiata diventa poi tempesta e inizi (con basso senso del pudore) a mulinare braccia e gambe. Un fenomeno tipico degli inverni metropolitani, dove esiste sempre un posto per riscaldare il tuo cuore "rock&roll". Poi capita che sugli alberi ricompaiano le foglie e le giornate si allunghino, la Natura sembra dirti che non hai più bisogno del rockettino per muovere il sangue nelle vene. Di fianco agli alberi rinvigoriti scorgi locandine minacciose, un susseguirsi di inaugurazione preoccupante, che ti fa sospettare che Madre Natura abbia in realtà siglato un accordo sottobanco con le discoteche della zona. L’estate si porta via il tuo adorato rockettino, democratici e ripetitivi accordi che fanno muovere chiunque, dal tamarro unz unz allo skaboy fino ad arrivare agli algidi ascoltatori di "buona musica". Irrompono drammaticamente sulla scena le discoteche all’aperto, che non so nelle vostre zone ma qui fanno l’autentica parte del leone per quanto riguarda la scena dei locali musicali, peraltro già abbastanza carente con il solo Renfe a proporre qualcosa che non sia dance/house/lounge/bleaurch. Sono ambienti eleganti, esotici, sinuosi, luccicanti: ecco i Giardini Sonori adagiati lungo la riva del Grande Fiume, ecco Villa Selmi che si staglia nelle poetiche lande del Polesine, ecco il Barracuda che morde il Lido di Spina. Il cielo stellato sopra di noi, attorno l’imporsi delle tendenze musicali, che si possono in breve suddividere nel filone house e nel tragicomico divampare del Latinoamericano, con corsi annessi (il rockettino invece fa ballare ippopotami e gazzelle, è democratico, per l’appunto). Ti ritrovi a questo bivio musicale, assetato di musica perchè è estate, è vita, ma nessuna delle due opzioni ti entusiasma, anzi, la voglia di proseguire dritto per i prati ti solletica. Dunque mi rivolgo a voi, giovani abitanti della Bassa, esiste un’alternativa a questo mesto scenario di "situazioni", come le chiamano i bravi pierre? Voglio il rockettino: non importa quale, che sia indie o commerciale, degli anni venti o sessanta, che sia laccato o spettinato, basta che sia musica e non "location", basta che sia anche d’estate, chè l’inverno è lontano ma io sento un pò freddo lo stesso.

6 Responses to “La febbre del sabato sera”


  • tra pochi giorni inizia l’high foundation, poi in luglio partità il buskergarden.
    Se proprio te la vedi brutta brutta brutta c’è sempre la Fabbrica dei proiettili,sebbene puzzi di fritto e non ci sia gnocca…

  • Tutti e tre i locali che citi hanno serate apposta per chi odia la house, proponendo anni 70-80. Certo non è l’indie rock ma per quello non occorrono certo i locali dove si crepa di caldo. E’ tutto un fiorire di festival, rassegne e concerti in giro per l’Italia. Da Arezzo wave, a Ferrara sotto le stelle al Traffic di Torino… le occasioni non mancano solo che:
    1) ci sono gli esami
    2) c’è poco a portata di mano vicino, a parte come dice il buon matteo High Foundation e BuskerG.
    3) alla fabbrica davvero c’è TROPPA puzza di fritto 😀

  • Bene bene, prendo nota.

  • Sì, il rockettino fa ballare chiunque voglia mettersi in gioco e divertirsi, senza bisogno di fare corsi o di sballarsi.

    …Il problema della scarsità di serate decenti nella stagione estiva credo sia generalizzato (o almeno, da me è lo stesso). L’estate musicalmente ha ritmi e luoghi diversi (le serate all’aperto, ad esempio). Ci si deve adattare a proposte anche diverse da quelle di cui ognuno è appassionato, e a volte si fanno belle scoperte. Ci sono anche molti più eventi a ingresso gratuito/modico. Lo svantaggio è che per trovare tutto questo bisogna informarsi e farsi diversi chilometri. Poi tornerà l’inverno, con la riapertura dei posti familiari vicino a casa.

  • Il traffic festival (www.trafficfestival.com) quest’anno è davvero interessante oltre che gratis, capisco che per voi non sia dietro l’angolo ma merita la visita 😀 (franz ferdinand e strokes aggratis non si possono mancare :P)
    Purtroppo sono un tantino lontana (Torino appunto) per poterti indicare luoghi, qui a parte il traffic, c’è un discreto programma a colonia sonora, inoltre un interessante inizio stagione da parte di hiroshima mon amour che alle fonderie teatrali limone presenta ritmika:
    8 giugno
    -MEG e PARANZA DEL GECO + gruppi emergenti
    9 giugno
    -LINEA 77 + gruppi emergenti
    10 giugno
    -MARTA SUI TUBI e OFFLAGA DISCO PAX + gruppi emergenti
    tutto questo gratis.

    Se vuoi fuggire un pochetto verso questi lidi ^_^

  • Ecco, a Torino con un programma del genere si riesce a sopravvivere. Qui si boccheggia, e non solo per l’imminente afa :-p

cribbio
Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)