Il Codice Da Vinci

Trascinata a vederlo quindici giorni fa da un’amica che sarebbe meglio mantenesse le promesse quando deve e non quando farebbe meglio a dimenticarsene, credo sia il primo caso di film che mi è piaciuto più del libro, ovviamente non per meriti suoi quanto perché il libro è scritto non con i piedi ma con le unghie dei piedi. Se da una parte aver letto il libro è utile (perché altrimenti non si capisce una mazza delle teorie esposte, che il film taglia per buona parte facendo ancora più confusione di quanta già non ce ne sia), dall’altra è una “rovina” perché il film perde anche quel poco di fascino e mordente che vorrebbe avere.
Detto che Tom Hanks e Audrey Tatou hanno poco appeal (almeno a leggere il libro ti immaginavi una coppia stile Pitt – Jolie o giù di lì), che lui è assolutamente i-na-de-gua-to per quel ruolo (meglio in Forrest Gump o Il miglio verde, certi film non fanno per lui), e che lei ha una sola espressione per tutto il film (tranne l’americanata finale che non poteva mancare), è facile guadagnare due milioni di euro in due giorni se a) il prezzo di un biglietto medio del cinema è 8 euro b) tutte le tessere vip, sconti, abbonamenti vari ed eventuali non valgono nelle prime due settimane di proiezione del Codice c) gli spettacoli (almeno a Perugia) sono programmati ogni mezz’ora a partire dalle 17,30 fino a mezzanotte e mezza in metà delle sale.
Con un cast (sia in termini di attori che di tecnici), il film avrebbe dovuto essere un capolavoro, e invece due ore e passa di piattume allucinante. Regia banale, nessun colpo di scena degno di questo nome (e non perché avevo già letto il libro). Pessima la scelta di lasciare gli accenti francesi, le traduzioni dei dialoghi latini sono un po’ …allegre.
Visto che come argomento di conversazione è oramai scontato e banale (ne parlano tutti, è diventato l’equivalente delle mezze stagioni), se proprio non potete farne a meno vi consiglio di aspettare il dvd!


Premesso che in tutte le edizioni mondiali del Codice (tranne quella italiana, chissà perché) c’è scritto «Tutte le descrizioni di documenti e rituali segreti contenuti in questo volume rispecchiano la realtà», vi segnalo un po’ di orrori sparsi vari ed eventuali:

– Tanto per cominciare che Maddalena non è stata “maltrattata” dalla Chiesa, visto che è una Santa.

– Il Vangelo gnostico di Tomaso, (citato da Brown in lungo e in largo), non era per nulla un testo proto-femminista: la grandezza della Maddalena è che «[…] si fa maschio». A Simon Pietro che obietta «Maria deve andare via da noi! Perché le femmine non sono degne della Vita», Gesù risponde: «Ecco, io la guiderò in modo da farne un maschio, affinché ella diventi uno spirito vivo uguale a voi maschi. Perché ogni femmina che si fa maschio entrerà nel Regno dei cieli». (link)

– La descrizione de “La vergine delle Rocce” è totalmente sballata

– La piramide del Louvre non ha 666 piastre

– Saint Sulpice è definita una chiesa “sinistra” perché ci si sono battezzati de Sade e Baudelaire. Allora anche San Francesco d’Assisi è sinistra, visto che prima di essere suolo per la Chiesa ci impiccavano la gente

– La sequenza di Fibonacci riportata nel libro è sbagliata (manca lo zero) Ci sono interpretazioni divergenti sulla sequenza di Fibonacci: a me risulta che lo zero ci debba essere, ad altri no. Non è comunque un punto di vitale importanza del libro

– La divinità di Gesù era già riconosciuta prima del Concilio di Nicea: esistono testi del primo secolo cristiano dove Gesù Cristo è chiaramente riconosciuto come Dio, e se non bastasse «In principio era il Verbo e il Verbo era presso Dio e il Verbo era Dio» (Vangelo di Giovanni), non vi dice niente?

– I Vangeli erano canonici già nel 190 d.C., 90 anni prima della nascita di Costantino

– Secondo Brown Papa Clemente V bruciò centinaia di Templari, e sparse le ceneri nel Tevere. Peccato che in quel periodo il Papa fosse in cattività ad Avignone, dove notoriamente (tranne che per Dan Brown) non passa il Tevere

– Parigi non fu fondata dai Merovingi, ma era un villaggio gallico

– Non errore storico ma di somaraggine: Da Vinci non è il cognome di Leonardo, ma il luogo di provenienza. Leonardo o si chiama Leonardo, o Leonardo Da Vinci. È come se parlando del “Cantico delle Creature”, voi diceste che l’ha scritto D’Assisi.

Ps prima di criticare tanto, la Chiesa farebbe bene a guardarsi il film, perché tutta la contrapposizione Chiesa – Culto della Dea nel film finisce a tarallucci e vino.

8 Responses to “Il Codice Da Vinci”


  • Detta in matematichese, Fn = F(n) = 0 se n = 0; 1 se n = 1; F(n-1) + F(n-2) se n > 1.
    Quindi hai ragione tu.
    Bella sbugiardata, comunque

  • Maddalena è maltrattata, nel senso che ce la ricordiamo tutti perchè era una prostituta. Probabilimente questo è il concetto popolare della religione e la Chiesa c’entra poco.
    Per quanto riguarda Gesù Divinità per lo meno mi illumini. Non ho trovato niente al riguarda: cosa posso leggere? E poi in principio era Il Verbo non era nel primo Primo Testamento? O mi sbaglio in modo clamoroso – il che è probabile -?
    Comunque, film basso stile, come il libro (non stiamo certo parlando di Umberto Eco, purtroppo) e sicuramente gli errori saranno milioni (per altro anche l’ida di trovare chissà che nel quadro di Leonardo è assurda: e sospetto che si riesca a trovare l’intero alfabeto… ).
    Che c’era una donna, io lo dicevo da tempi innumerevoli (ma non sono uno scribacchino, quindi nessuno mi ha cagato o dissacrato. peccato).
    La chiesa è semplicemente reazionaria e non mi stupisco più di nulla.
    Comunque io mi immaginavo due sfigati leggendo.. proprio come i due del film:-)
    ali

  • Non voglio aprire una guerra di religione su un dettaglio, ma la(le) sequenza(e) di fibonacci può(possono) partire da una qualunque coppia di interi. Quella “classica” può partire o da 0 e 1 o da 1 e 1, è lo stesso.

  • “In principio era Il Verbo…” è sia l’inizio dell’Antico Testamento che del Vangelo di Giovanni. Io continuo a ripetere che Leonardo, dipingendo l’Ultima Cena su commissione, non avrebbe potuto inserirci una donna di sua volontà ma dovette attenersi alle Letture! Inoltre l’iconografia del tempo è illuminante: Giovanni era il più giovane dei dodici, l’unico senza moglie o similari; era usanza dipingere tali persone con lineamenti femminili, capelli lunghi e biondi (come gli angeli insomma).

  • unit: a me risulta di no [o per meglio dire: al mio libro di matematica], perché 1 = 0/1
    poi mi pare che anche nel film ad un certo punto Tom Hanks dica che la sequenza è sbagliata
    [comunque non ci metto la mano sul fuoco]

  • Perchè dici che Leonardo non avrebbe potuto? Ti ricordo che anche Caravaggio dipingeva su commissione e reagivano tutti inorriditi!
    Basta pensare al ritratto della Madonna, morta.
    Comunque sia, donna o meno, Sembra una Donna.
    Ma da qui a fare tutte quelle congetture (nella REaltà, intendo, perchè nel Romanzo tutto è lecito) mi sembra eccessivo. Anzi, fuori luogo.
    Infondo mica l’ha disegnato Dio. SOlo un Pittore .
    L’ulticma cena, che io sappia, non riporta che una scena del vangelo. Non ha nessun valore, a livello Religioso.
    Alice

  • “L’ulticma cena, che io sappia, non riporta che una scena del vangelo. Non ha nessun valore, a livello Religioso”. Come tutti i dipinti del mondo non ha alcun valore religioso, ma c’è tanta gente (non nel film, nella realtà) che sembra trovarci significati reconditi… Queste persone dovrebbero svegliarsi un pò e cominciare a ragionare con la propria testa!

  • forse perchè credono nei complotti massonici? che esistono, per carità.. ma dubito che serbano dei segreti partcolari religiosi.

cribbio
Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)