Eh NO, cazzo

Stasera, mentre ero lì che cercavo di comprendere la logica dei vescovi italiani che 12 mesi fa predicavano l’astensionismo e oggi invitano al voto come dovere civico e concludevo prendendo atto di quanto il sedere basso sia un’inestirpabile piaga per il genere umano, ho beccato lo spot informativo di mediaset sul Referendum confermativo della riforma costituzionale del prossimo 25 e 26 Giugno.
Solito schema, all’apparenza, la voce dello speaker che fornisce informazioni "tecniche" sullo svolgimento della consultazione accompagnata da una grafica di dubbio gusto: una forma di "promozione" e di "servizio" innocua e, spesso inutile, per definizione.
Non so perchè ho preso ad osservarlo ed ascoltarlo con attenzione e sono rimasto semplicemente sconvolto.
Giunto al momento della spiegazione dei "contenuti" del referendum lo speaker recita: "la riforma in oggetto, fra le altre cose, propone la riduzione del numero dei parlamentari, da 630 a 518 per la camera, da 313 a 252 per il senato". La scelta della modifica da illustrare "fra le altre cose", vale a dire fra i 50 articoli modificati che stuprano la carta del ’48 cambiando prerogative e funzionamento interno di TUTTI gli organi costituzionali preposti al funzionamento del potere legislativo, esecutivo e giudiziario, non solo è assurdamente parziale, ma anche paradossalmente incompleta perchè dimentica di specificare che questa riduzione avverrebbe comunque solo nel 2016.
Tanto per esprimersi in un linguaggio comprensibile all’italiano medio significa non solo DOPO il termine del mondiale di calcio di Germania 2006, ma anche del prossimo in Sudafrica nel 2010 e di quello successivo la cui sede non è stata ancora fissata e che avrà luogo nel 2014.
Ma il capolavoro sta nella grafica ficcante che accompagna queste affermazioni: un rapido contatore che diminuisce con i numeri della riduzione dei parlamentari e, colpo di genio supremo, un piccolo parlamentino stilizzato ricolmo di tanti omini i quali, prima si trasformano nel simbolo dell’Euro, e nel momento in cui viene pronunciata la formula magica "riduzione numero dei parlamentari" svaniscono rapidamente dalle tribune.
Un concentrato di falsificazione, mistificazione e parzialità di una efficacia paurosa.
Ho avuto conferma del fatto che questo è l’unico spot che Mediaset manda in onda per informare i cittadini, non so se la trasmissione di questa porcheria sia obbligatoria per la "grande industria culturale" (d’alema dixit), ma qualora lo fosse mi domando se dovremo attendere il 27 Giugno perchè la messa in onda venga sospesa.

P.s. Lo spot Rai, oltre ad avere in una porzione delle schermo una persona che traduce con il linguaggio dei segni quanto detto dalla voce in sottofondo, è giocoforza riduttivo rispetto alla portata della decisione che gli italiani dovranno prendere, ma doverosamente si sofferma su una lista di alcuni "particolari" insignificanti contenuti nel testo di riforma approvato dal precedente governo, robetta tipo "le prerogative del primo ministro", "i poteri del presidente della Repubblica", "la formazione delle leggi" e via dicendo. E menomale.

19 Responses to “Eh NO, cazzo”


  • Lo faceva notare Sartori ieri in prima pagina sul Corriere. Un referendum così importante, trattato in modo così indegno.

  • Da non sottovalutare l’effetto-Mondiali (quello che permette di far passare le leggi-truffa senza reazione dell’opinione pubblica) che distrae parecchio. Per esempio su Repubblica.it (e me ne meraviglio) non se parla quasi del referendum. C’è grande disinformazione da una parte e dall’altra, e la speranza unica è che cmq quelli di sinistra (o in generale i difensori dei valori costituzionali, che per definizione non devono avere colore) vadano a votare in ogni caso, a differenza di elettori di destra, non solo del Sud.

  • Ahahah…Merdaset! bellissimo… (non mi ero accorto della puntualizzazione dello spot merdaset sulla riduzione del numero di parlamentari…ma ormai non ascolto più seriamente tutto quello che viene da mediaset o merdaset che dir si voglia…in effetti mi sembrava strano uno spot neutrale da parte delle reti del cainano).

  • Mi piace come spieghi all’italiano medio! 🙂

    @Attimo: proprio perche’ e’ importante lo trattano in modo indegno, altrimenti come fanno a mettertela insideup?

  • La spudoratezza mi sorprende sempre…

  • C pensavo anche io a questa cosa… chissà perchè assomiglia tanto al referendum x le cellule staminali dell’anno scorso… forse perchè la tv continua ad essere d parte?

  • Il collegamento fra le difficoltà del sud italia e la riforma costituzionale è folle.
    Hai inquadrato bene: esistono gravi problemi in italia, nemmeno uno di quelli che hai citato hanno a che vedere con la costituzione italiana. Nemmeno uno.
    Quest’ansia di riformarla è assurda ed ingiustificata quando non si è in grado di gestire il quotidiano.
    Tra le altre cose il quadro che dipingi di questo mitico nord che fa tutto e il sud che lo zavorra non corrisponde totalmente al vero. C’è anche il nord della speculazione finanziaria, quello che ha succhiato i contributi per il mezzogiorno senza realizzare nulla nel mezzogiorno per anni, quelli che esternalizzano in cina e in romania, i signori tanzi, quelli che evadono il fisco e se lo evadono loro che fanno molti soldi fanno sicuramente fanni più gravi rispetto a quelli provocati dall’evasione di tessuti economici asfittici al sud e infine c’è la classe politica espressione degli interessi degli operosi imprenditori del nord che con la mafia, la camorra e la ‘ndrangheta ci vanno a braccetto, un po’ per quieto vivere, un po’ perchè magari preferiscono riciclare il denaro sporco che spenderne di pulito per finanziare le forze dell’ordine e la giustizia che rischiano di mandare in galera anche loro.
    L’articolo di Panebianco è una follia, premesso, ripeto, che non si capisce perchè dopo un governo che è durato 5 anni senza particolari problemi e che ha fatto “più riforme di tutti i governi precedenti” (silvio docet) dovremmo strapparci i capelli per cercare di cambiare il quadro costituzionale che ha permesso questo miracolo.
    Poi, c’è bisogno di qualche modifica costituzionale? non si può certo sostenere che il centrosinistra sia composto da oscuri conservatori ancorati al passato (vedasi riforma del titolo V), è da psicopatici che per “affermare una tendenza”, mai realmente osteggiata, uno dovrebbe approvare una riforma scritta da un gruppo di minorati mentali poco ispirati.

  • Non credo ci sia da aggiungere altro al post e al commento precedente. Ma volevo segnalare un’altra chicca: nella sciagurata e giornalisticamente CRIMINALE trasmissione merdaset “SECONDO VOI” (quella con i pareri “presi a caso” della gggente per strada seguiti dal commento finale qualunquista di Del Debbio), l’altro giorno si intervistavano persone in una città del nord e in una sicilana, il tema era qualcosa tipo “Più Libertà per le Regioni??”.
    Mentre quelli del Nord davanti giudizi prevedibilmente positivi sul referendum, coerenti dal punto di vista egoistico-leghista, i siciliani si lamentavano tutti della malaSanità nella loro Regione e concludevano quasi tutti che con la riforma le cose migliorerebbero sicuramente perchè gli enti territoriali sanno meglio gestire le situazioni locali!!!
    MA vi rendete conto? Un discorso che fila, non c’è che dire…con meno soldi dallo Stato e più Mafia (ops, volevo dire politica) locale a gestire la sanità, le cose lì sì che funzioneranno ancora meglio!

  • Panebianco follia? Ne siamo proprio così sicuri? La sinistra va storicamente a braccietto la CIGL [negli ultimi anni, per fortuna si stanno staccando sempre più…] che è la “conservazione” fatta istituzione [un esempio su tutti il contratto dei lavoratori: nei paesi industrali moderni non esistono vincoli -o almeno non al nostro livello- per licenziare lavoratori (es.Danimarca), invecie da noi la “classe operaia” quindi a ragion di logica quella -senza classismi, ma senza ipocrisie- meno colta ed istruita, con il sindacato blocca qualsiasi riforma si voglia fare [contratti,pensioni, etc…].
    Ma il punto è che c’è il nord che cresce e si sviluppa in modo inversamente proporzionale al sud. La Campania nel corso degli ultimi dieci è peggiorata sistematicamente…Il Lombardo-Veneto si è arricchito sistematicamente. Cosa vogliamo fare, le belle prediche? I cittadini che abitano nel nord sono stufi di questa situazione, stare uniti finche conviene a tutti [non solo economicamente] , capisci? I contributi per il mezzogiorno è risaputo che finivano nelle mani delle varie mafie prima di tutto, e non ho detto che al nord non vi siano problemi, ma se si vuole ragionare in maniera costruttiva, non mistifichiamo la realtà – senza polemica, capisco la tua obiezione.
    Il referendum in caso di vittoria del SI’ in maggioranza al Nord e del NO in maggioranza al SUD, vedrebbe un Italia spaccata nelle sue fondamenta, non solo in quanto destra e sinistra, che in confronto è una sciocchezza…
    I problemi non si risolvono con i bei discorsi di unità nazionale, l’unità nazionale la si ottiene con dei provvedimenti di giustizia ed equità.
    Mi sembra un po’ ingenuo e facile prendersela con le trasmissioni di reti schierate politicamente, e come prendersela con Libero o con L’Unità, e mi sembra anche un modo per dire vedi loro sono scorretti nell’informare quindi la ragione sta nel contrario di ciò che loro dicono, smetterla di ragionare in maniera così manichea sarebbe uno sforzo utile anche solo ai fini di arricchire un blog.

  • 1. Non sono trasmissioni giornalistiche, sarebbero spot informativi su un evento elettorale, sono concepiti come neutri e loro fanno passare propaganda per il SI come un servizio. Altro che manicheismi, è una porcata.
    2. Non hai ancora detto perchè questa riforma risolverebbe i problemi delle differenze fra nord e sud, probabilmente perchè non c’entra niente. Però io sono convinto che il solo articolo sulla formazione delle leggi è sufficiente motivazione per bocciare la riforma, è una porcata pura e semplice. Il Bicameralismo perfetto non sarà “perfetto”, ma almeno si sa chiaramente come funziona, questa “roba” che si è inventato Calderoli è semplicemente delirante. I problemi non si risolvono con i bei discorsi sull’Unità nazionale, infatti io non ho mai citato l’Unità nazionale.
    3. Ad es. in Danimarca, dove i comunisti non imbrigliano l’economia con i contratti nazionali (gli stessi della Cgil che hanno firmato il pacchetto treu, gli oscuri conservatori leninisti), i giovani universitari prendono 600 euro di sussidio e hanno dei sussidi di disoccupazione che durano 4 ANNI.

  • 1. Per le trasmissioni giornalistiche non mi riferivo al tuo intervento ma a quello di Disorder, a proposito del programma “Secondo Voi” 2. Non ho giustamente mai detto che questa riforma risolverebbe i problemi tra Nord e Sud, ma dico invece che è un tentativo, che la riforma è sicuramente perfettibile se non stravolgibile, ma che sarebbe un importante segnale, da cogliere, per un paese come il nostro [Panebianco docet]. La riforma non l’ha scritta il solo Calderoli,è una furbesca forzatura attribuirla a lui solo. “Il Bicameralismo perfetto non sarà “perfetto”, ma almeno si sa chiaramente come funziona”…se questo non è conservatorismo è paura della propria ombra. 3. Vero, la situazione in Danimarca è così , ovviamente, grazie allo sviluppo economico che si ottiene in maniera contraria alla ricetta CIGL: il libero mercato, anche dei contratti di lavoro. Se ci fosse un governo che trascrivesse i discorsi di Epifani&Co. e legiferasse in maniera esattamente contraria otterrebbe l’effetto Tatcher, ma anche lo sviluppo economico, che a sua volta sostiene l’ottimo sistema di welfare danese, e stai tranquillo finchè rimane [o non viene sminuito il suo potere] la CIGL, la Danimarca rimarrà un miraggio…

  • Secondo voi non è un programma giornalistico, è qualunquismo deldebbiano sommato ad interviste “casuali” molto poco casuali. Insomma, giornalisticamente è spazzatura, un programma a tesi, anche rozzo. Tant’è che venne creato proprio prima di una tornata elettorale, mi pare quella regionale penultima.
    Esatto, la riforma non ha niente a che vedere con la risoluzione dei problemi del nord-sud. è come se io venissi a dirti che visto il grave problema della mancanza di infrastrutture in calabria sarebbe il caso di riformare il Csm, rimane scollegato rispetto allo scopo.
    Se vuoi ti cito gli altri: D’Onofrio, Nania e Tremonti, fanno schifo uguale.
    é un fatto che la formazione delle legge prevista dalla devolution, così come è formulata, non funziona e questo non è essere conservatori è essersi letti gli articoli vecchi in confronto a quelli nuovi.
    Io non posso uguararmi che una ciofeca di riforma venga approvata “così poi si cambia”, il referendum serve a dire se queste modifiche alla costituzione, la domanda è chiara e la risposta deve esserlo altrettanto. Altro che Panebianco, se il mandato referendario ha ancora un senso se io dico Si a questa riforma la rendo applicabile, punto. Il resto sono pugnette, così come sono pugnette le tesi per cui se a me fa schifo questa riforma e voto No vuol dire che non voglio nessuna riforma costituzionale.
    Non ho intenzione di farmi e farti un ripasso sulla storia del sindacalismo in Italia, resta il fatto che oggi abbiamo (e alcuni ne vorrebbero ancora di più) tutte le flessibilità possibili alla danese, senza le tutele alla danese.

  • Ma non è affatto vero, il licenziamento nelle grandi aziende praticamente è inesistente (gli operai con contratto fisso si sitemano a vita, tranne chiusura stabilimento e cassa integrazione), la piccola industria è un po’ più flessibile, ma sicuramente non come in Danimarca!

  • Comunque la parte peggiore della modifica non è la finta devolution (praticamnte i poteri delle regioni rimangono invariati) su cui potrei anche essere d’accordo ma il concentramento dei poteri sul primo ministro. Sembra una costituzione fatta in uno stato sudamericano dopo un golpe!
    E’ questo punto che deve convinciere tutti a votare NO, tutto il resto sono cavolatine che non cambiano l’italia di una virgola

  • Le grandi aziende, gli operai con contratto fisso?
    Prova a farti assumere a vita nel settore dei servizi, buonanotte.

  • ma di che settore stai parlando? In lavoro nell’IT e vedo fin troppi assunti.

  • unit: certo, il precariato è un’invenzione dei comunisti. Il 50% dei neo-assunti con contratti atipici una menzogna dell’istat comunista.

  • E chi ha parlato dei neoassunti? Dopo un po’ gli “esterni”, sa validi, vengono assunti con tanto di contratto nazionale . L’ho visto accadere sistematicamente. Bisognerebbe vedere, statisticamente, dopo quanto tempo in media il contratto da precario viene convertito in tempo indeterminato, o più in generale qual’è il tasso di cambio lavoro. Sicuramente il dato che hai citato tu non serve a nulla. Ammetto naturalmente che io parlo del nord italia, e che al sud la situazione potrebbe essere differente, ma lì credo che sia il llavoro nero a farla da padrone, è un problema completamente diverso.

    ciao ciao,
    unit

cribbio
Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)