Tedesco mangia la pizza

Fratelli d’Italia
siamo in finale!
reut_8464142_30410.jpg

E poi ho pianto. Come un bambino, abbracciando tutti e urlando come un pazzo fino a perdere la voce perchè per tanto tempo ho sognato di farlo. L’esultanza di Grosso che ricordava tanto l’urlo storico di Tardelli, Prodi che sorride culone e bonario a fianco della Merkel, lo stadio crucco che ammutolisce di colpo, Lippi che salta in aria con tutta la panchina. Manca un minuto. E nemmeno il tempo di ricomporsi sulle seggiole che piove la pennellata di Pinturicchio. Achille si è svegliato. Godot è alfin arrivato. Non ci voglio credere. Non è possibile. Abbiamo vinto, è finita. Fratelli d’Italia: siamo in finale! Vinto, vinto, vinto. Nel migliore dei modi, nel peggiore per loro, quello più umiliante e schiacciante, con la beffa. E con la voglia di urlare tutta la nostra gioia alla stampa tedesca che cucinava pizze di giocatori e sfotteva i nostri compaesani mammoni. Per una volta ancora, sul campo, sconfitti nella partita più importante.

Voglio ricordare tutto di questa magica serata, il groppo in gola per 120 minuti, il palo, la traversa, i due gol. La gioia in piazza, i cori, i caroselli, i fuochi d’artificio, il castello con il tricolore ad ogni finestra e il tedesco che ingurgita fette di pizza al rabarbaro piangendo a dirotto in questa notte magica sotto un cielo di un’estate italiana. Wurstel, arrivederci, Berlino: siamo arrivati!

12 Responses to “Tedesco mangia la pizza”


  • niente di meglio che questa bella vittoria a sti tedeschi che ce ne hanno dette di tutti i colori..voglio vedere proprio che scrive il bild oggi….

  • niente di meglio che questa bella vittoria a sti tedeschi che ce ne hanno dette di tutti i colori..voglio vedere proprio che scrive il bild oggi….

  • a forza di mangiare pizza e di metterci il dito in bocca siamo arrivati in finale..
    ora si che si può dire e urlare al mondo intero GRANDE ITALIA!!!!

  • Però Prodi non è culone, anzi, per un settantenne si conserva in discreta forma fisica. Lui e la Merkel sembravano i vecchietti del Muppet Show: impagabili 🙂

    Comunque, ci hanno fatto cagare sotto con la prospettiva dei rigori. I rigori no. Tutto, ma non i rigori.

  • Prodi ha un culo che non finisce più. Sta vincendo tutto, sta vincendo!!!! 😀

  • 😀
    Io ho scritto ad Achim Achilles!!!!
    E a sfregio ho fatto “ripeti invio” per 120 volte (uno per ogni minuto di gioco)
    La Cabala ha sempre un suo perchè….

    !!!!!!!!!! SIAMO GRANDI !!!!!!!!!!!!

  • Alle provocazioni abbiamo risposto con la vittorio umiliando 60000 tedeschi e tutta la loro patria arrogante che aveva insultato il popolo azzurro. Viva l’Italia… adesso dobbiamo vincere.

  • Hanno fischiato i nostri per 118 minuti tondi. Ora stanno zitti.

  • Questi mondiali 2006 sono nostri……la storia si ripete,nei primi anni 80 noi a catania festeggiavamo l’Italia “Campione del Mondo”,ed il nostro Catania in serie A…..quindi!!!!Notti magiche….. sotto il cielo di un estate italiana

  • Ballack a 90° non e’ male.
    Ma soprattutto rende bene l’idea

  • Bello il tuo post, davvero emozionante… e adesso mi ritrovo ad immaginarmi Capitan CANNAVARO che festeggia le 100 presenze in Nazionale col “Cuppone” in mano mentre esplode in lacrime di felicità e se la palleggia coi compagni, poi va dal Presidente Napolitano che lo abbraccia e gli fa pat pat sul capoccione… e voglio piangere ed urlare come nell’ 82 vivendo per almeno una settimana col sorriso beota stampato sulla faccia 😀
    e trattenere finchè si può l’adrenalina, con queste immagini che mi faranno compagnia e che sembreranno promettere che qualcosa cambierà…
    e…
    …e poi lasciatemi sognare almeno fino domenica! 🙂

cribbio
Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)