Sentezioso

Stasera sono arrivate dalla Caf le sentenze di primo grado del processo sportivo, avrete saputo.
In realtà le sentenze erano già arrivate stamattina, pubblicate sulla Gazzetta dello Sport che, a camera di consiglio in corso, sapeva già come sarebbe andata a finire (punto più punto meno).
D’altraparte si poteva intuire quale sarebbe stato l’esito dopo che Guido Rossi, a camera di consiglio in corso, tanto per fugare i dubbi che i giudici fossero condizionati e condizionabili era andato alla commissione cultura della camera a riferire di aver trovato "illeciti diffusi e gravissimi".

Quanto partorito dalla Caf di Cesare Ruperto, rinforzata dall’ex consigliere d’amministrazione dell’Inter Guido Rossi con l’inserimento in extremis dell’avvocato Porceddu, estromesso da Carraro e dal "sistema moggi" dopo aver chiesto condanne dure per i protagonisti dello scandalo dei passaporti falsi con Inter (patteggiamento di Oriali e Recoba in sede penale) e Roma coinvolte (all’epoca i verdetti scomodi si aggiustavano così), è un pasticcio piuttosto grottesco.
L’impressione è che la colpevolezza e il giudizio sugli episodi siano stati calibrati per arrivare ad un verdetto che era stato stabilito come l’unico possibile secondo criteri che poco hanno a che vedere con il giuridico.
Sostanzialmente Ruperto ha ricalcato la teoria dell’illecito "strutturato" pur senza portare avanti la storia della "Cupola", fantasiosa invenzione dei Carabinieri del nucleo operativo di Roma.

La Juventus va in B con 30 punti di penalizzazione perchè i rapporti intrattenuti dai suoi dirigenti con i designatori non erano "consoni al mantenimento del clima di lealtà sportiva, probità e terzietà" e si configurano come illecito sportivo (anche se il codice di giustizia sportiva non dice esattamente così). D’altraparte non è il caso di stare a sottolizzare su questo punto quando lo stesso avvocato difensore dice chiaramente che una condanna di questo tipo non gli dispiacerebbe, tattica processuale o non tattica processuale.

Il "latin lover della Caf", Massimo De Santis è l’unico fra i "fischietti", insieme a Dondarini (il cui coinvolgimento, ancora più forzato, inguaia la Fiorentina), ad essere squalificato. In pratica si faceva di tutto per "falsare i campionati" ma gli unici che potevano falsarlo sono innocenti.

La Lazio è un po’ un caso "unico" perchè tutti gli arbitri coinvolti per le partite che le venivano contestate sono stati assolti, quindi gli aquilotti del "moralizzatore" Lotito vanno in B (con punti di penalità) per le "pressioni" sui vertici federali allo scopo di ottenere "un occhio di riguardo". Che può voler dire tutto e niente.

Il Milan, nonostante le ingiustificate lamentele della grancassa del CaiNano, incassa il bottino pieno: usufruisce del "regalo" di Palazzi che gli ha tolto la responsabilità diretta per l’illecito (riconosciuto come tale) con un’operazione di fantasioso maquillage giuridico in sede di deferimenti e si salva dalla serie B. Come se non bastasse, per via dell’insipienza della Caf che ha calcolato male i punti di penalità per il campionato appena concluso (-44 invece di -46), rischia di andare a fare ugualmente la Coppa Uefa il prossimo anno.

Riassumendo si tratta di un confusionario compromesso che presta il fianco a ricorsi, contro-ricorsi, polemiche ed infinite recriminazioni e che non soddisfa nessuna "piazza" né quella forcaiola (con la Juve) né quella innocentista (con tutti gli altri).

A meno di una settimana dalla finale di Coppa del Mondo si sente già la mancanza del "calcio vero", per intenderci quello in cui l’Inter (campione d’estate a ragion veduta quest’anno) finisce per perdere uno scudetto già vinto, magari proprio in favore di quel Milan "vittima dei giudici comunisti" (anche qui) rinforzato dall’aggiunta di un paio di riconoscenti campioni bianconeri come Buffon e Zambrotta che stanno già facendo le valigie pronti a raggiungere Milanello.

Sono sicuro che i nerazzurri si stanno già attrezzando per farci tornare tutti alla spassosa normalità.

8 Responses to “Sentezioso”


  • Ultimora: forse l’Empoli proverà ad ottenere in extremis la licenza Uefa, in questo modo il Milan sarebbe un anno fuori dalle coppe. Resta il fatto che anche partendo da meno 15 ha almeno il terzo posto sicuro, vista la concorrenza. –

    La Juve è come se fosse stata mandata in C, restando così le cose starebbe senza A. Le è stata semplicemente risparmiata l’umiliazione di scendere sui campetti di provincia, ma certo partire da meno 30 non è il massimo per il morale di una squadra. –

    Berlusconi e compagnia bella hanno la faccia come il culo (ma non è certo una novità) a protestare, visti i loro scheletri nell’armadio e il loro coinvolgimento in questa stessa vicenda. –

    Attendo di leggere delle prove precise sul tentativo di illecito da parte di Della Valle – che vadano al di là delle intercettazioni farfuglianti di quel caprone di Mazzini.

  • M’informo meglio sul fantasioso maquillage giuridico…da milanista comunque temevo peggio…

  • Stone: leggi leggi, è sfizioso.

    Disorder: Rossi poteva anche decidere di mandare 2 squadre invece di 3 in uefa e il problema si risolveva, certo è un errore che evidenzia la frettolosità del verdetto. In secondo grado ci saranno sconti per tutti, almeno, mi pare plausibile.

  • Io per la mia squadra (la Fiorentina) non voglio lo sconticino. Vorrei che venisse punito, con penalizzazione equa, il grave errore del Presidente di cercare i “buoni uffici” di personaggi maneggioni e in odore di corruzione come Mazzini e Bergamo (che però avevano le mani in pasta con Lega, arbitri e giutizia sportiva: e allora a chi altro rivolgersi contro i torti abitrali?).

    Va da sè che questa pena equa NON può comprendere la retrocessione, non con il Milan che resta allegramente in A facendo campagna acquisti sulle disgrazie delle società con meno “potere” dietro.
    Senza contare il fatto che a differenza della Juve, che adesso ha una dirigenza del tutto rinnovata, i Della Valle a Firenze restano (e non ci sono altre alternative). Dopo essersi presi di ripescati ovunque, adesso i tifosi di squadre come la Roma (e non aggiungo altro) ci daranno pure di corruttori. Non che mi interessi il loro giudizio, ma temo che i DV in questa situazione gettino presto la spugna. E anche se loro se lo sono cercato il guaio, i tifosi no.

  • Disorder, il problema è “tecnico”. Leggendo al sentenza c’è scritto nero su bianco che per la Juve non ci sono illeciti su partite precise, c’è una somma di violazioni dell’art.1 che, secondo la corte, diventano un unico enorme illecito sportivo.

    Applicando questa logica, di cui non discuto la legittimità (ne avevo parlato in un’ottica favorevole parecchio tempo fa proprio qui su ciccsoft) la fiorentina è la più inguiata proprio perchè i DV hanno iniziato, anche se alla fine del campionato, ad intessere gli stessi rapporti che intratteneva Moggi con i designatori, conditi con telefonate, raccomandazioni e cene riservate.

  • Beh certo, mancavano una manciata di partite e per quelle è stato chiesto di avere arbitri neutrali (non favorevoli).
    Sorvoliamo poi che tra le partite che avremmo cercato di comprare ci sarebbero la trasferta con la Lazio col pareggio laziale di mano, o altri risultati che non ci hanno certo favorito.
    Juve e Milan grazie che non dovevano chiedere niente. Avevano tutto il sistema a libro paga, dall’inizio
    (e non a titolo di cocopro come Meani).

  • Più che altro il “sistema erano loro” ed era noto, non come pettegolezzo o come malignità, ma in un sistema in cui è costituzionalmente noto che i designatori venivano nominati secondo criteri non di merito ma “politici” (la famosa cena con le 7 sorelle per il doppio designatore non è una cosa uscita con le indagini, era cronaca giornalistica) e d’improvviso la contiguità fra dirigenti di squadre e questi personaggi si tramuta in violazione dell’art.6 la conclusione è scontata, fin troppo.

    Resta l’anomalia Milan, ma io l’ho scritto il 24 giugno, giorno dei deferimenti, che Palazzi li aveva salvati per cui sono il contrario di sorpreso.

  • Sì infatti, ricordo l’analisi del tuo post. Non è che abbia furore ideologico contro Ruperto (se non per la sommarietà,che è stata anche loro imposta però). Gli organi giudicanti hano giudicato coerentemente con il quadro fornito da Palazzi e Borrelli, che a loro volta lavoravano su telefonate non scelte e cercate da loro, ma passategli dalla procura napoletana. E’ lì che si è deciso dove e quanto scavare, che toccare e chi no. Correttamente? Magari sì, altri sono semplicemente stati più furbi e hanno evitato le frasi al telefono.

cribbio
Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)