Il tema della ragazza scomparsa

storiepugliesi.jpgRoberta è perfettamente consapevole di essere una ragazza carina. Si muove come una divetta per la discoteca ancora vuota, in compagnia del suo ragazzo, un supermacho dagli attributi piccoli, intendendo certo anche quelli mentali. Loro, i ragazzi, stanno arrivando, carichi di Martini e cuba libero a bordo della fiammante Sporting che-fa-i-200-in-rettilineo. Al loro arrivo il buttafuori accoglie Luigi ed i suoi amici con un sorriso, pezzenti, le liste non ci sono questa sera si entra si beve si paga e si esce. Tutto chiaro? I terrazzamenti sul mare del locale sembrano fatti apposta per i voyeur e i timidi: da ogni ringhiera si apprezza il panorama della balconata sottostante così che si possa osservare a priori la fauna locale, ma anche starsene appoggiati con il naso insù scrutando le stelle in attesa di tornare a casa da cotanta bolgia.
Luigi è felice per la serata che sta trascorrendo e in pista si dimena sicuro incrociando gli sguardi in maniera fiera. Dev’essere in quel momento che nota per la prima volta Roberta danzare dietro di lui. Se non va errato, quella che si sta strusciando contro il suo amico è decisamente un nove, magari un dieci se solo riuscisse a conoscerla scambiandoci due chiacchiere. Chissà, pensa, potrebbe pure essere fascista e scendere rapidamente a cinque, cinquemmezzo. Ma la signorina è inafferrabile. In breve ogni individuo di sesso maschile si orienta verso di lei, Mecca danzante, cercando in qualche modo di attirarne l’attenzione. Chi imita il passo del giaguaro, chi strizza l’occhio in maniera imbarazzante, chi tira fuori tre arance facendole roteare in aria senza farle cadere. Ma gli occhi di Roberta sono rapiti da un truzzetto qualunque, più grande di lei. Tiziano ha trentun’anni questa sera, va per i trentadue, ed indossa un cappellino di Valentino Rossi e una maglietta rosa fintopezzata come la moda post-mondiale impone. Quando le si avvicina deve risultare davvero simpatico perchè in breve tutti gli altri in pista vedono con sgomento Roberta estrarre il cellulare dalla borsetta per segnarsi il numero. Il suo ragazzo assiste a tutta la scena distante, quasi disinteressato, commentando con un amico le gesta della sua compagna. Poi Tiziano si raccomanda di chiamarlo, di farsi viva, perchè è bellissima e lui è follemente innamorato. Le dà un bacio sulla guancia e tanto basta a Luigi per distruggersi l’anima. Esce dalla pista, vuole un altro cocktail per dimenticare, non riesce a capacitarsi perchè ha scelto quello e non lui. Gli amici gli spiegano che Tiziano si è fatto avanti mentre lui no e che deve solo rimproverare a se stesso di non aver avuto abbastanza palle.
Gli altri sono già pronti per andare via quando Luigi si volta ancora una volta a guardarla dalla terrazza. Lei è a bordo pista e parla con il fidanzato, che pare comprensivo o forse soltanto ingenuo. Luigi scende tra la gente percorrendo rapidamente la scalinata illuminata, dirigendosi di gran carriera verso di lei. Sembra deciso, è a pochi passi da lei quando fruga nella tasca per afferrare qualcosa. Gli amici lo vedono dal terrazzo e sorridono capendo. Luigi le tocca una spalla, lei si gira scostandosi i lunghi capelli castani e salutando timidamente.
– Ciao bellissima, ti ho visto ballare prima e devo dire che sei veramente perfetta per un ruolo che cercavo in un cortometraggio di cui sono produttore. Se ti va di farti viva, questo è il mio biglietto da visita, chiamami che ne parliamo… – le dice.
Il che come ultimo disperato tentativo di conoscerla non era nemmeno malvagio. Peccato che le cose andarono diversamente. E ancora adesso Luigi ripensandoci si mangia le mani, mentre ascolta malinconico il Tema della ragazza scomparsa finendo l’ultimo goccio rimasto di Martini bianco. Due parole per un cazzotto in faccia: forse uno scambio accettabile.

0 Responses to “Il tema della ragazza scomparsa”


Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)