Monthly Archive for August, 2006

Page 2 of 3

Glielo raccomando…

"Glielo raccomando!", insorse vivacemente l’avvocato. "Glielo raccomando, quel presidente… Sa chi ci hanno messo? Bernardi… Ha capito?… Bravo, bravissimo, competente, tutto quello che vuole… Ma è come assegnare fin d’ora lo scudetto alla Juventus…". "Cosa c’entra la Juventus con Bernardi?", obiettò l’ingegnere aggrottando le ciglia. "Cosa c’entra!?", ribattè l’avvocato. "Ma se lo sanno anche le pietre che Bernardi non vede che la Juventus, non sente che la Juventus, non respira, e soprattutto non espira nel fischietto che per la Juventus, come del resto il novanta per cento degli arbitri italiani… Lo si è visto nel campionato scorso…".

Indro Montanelli – I tifosi [1952]

Il campionato cui si fa riferimento risale a oltre 50 anni fa, quando Moggi, Bergamo e Pairetto portavano i pantaloni corti. Montanelli le azzeccava sempre… (per il racconto completo, clicca qui)

Gesù sarebbe già tornato tra noi con un annuncio shock: gli apostoli? Erano dei millantatori

JesusIn una puntata speciale estiva di Che Tempo Fa?, Fabio Fazio intervisterà proprio lui, Gesù Cristo. Non ci sarà bisogno di traduttori, Gesù è ampiamente poliglotta, anche se a volte denota degli imbarazzi di scelta tra "possegga" e "possieda", fastido linguistico dovuto evidentemente alle connotazioni demoniache del verbo.
Gesù sarebbe tornato sulla terra da ben 8 mesi, ma questa volta ha deciso di prendersela comoda, evitando di nascere e fare tutto l’iter di 2000 anni fa, anche perché in giro non ci sono vergini e la croce fa male di brutto, i tempi del resto sono cambiati anche per il redentore, che aveva accettato in un primo momento di essere partorito da Monica Bellucci che però ha rifiutato, ammettendo candidamente di essere una bambina di satana. Prima di cambiare il mondo, di dare vita a una nuova era, Gesù ha deciso di prendersi un anno sabbatico diventando battitore dei San Francisco Peppermint e chitarrista di riserva degli Oasis.

"Non c’è nessuna fretta..." Avrebbe detto a un giornalista della BBC.
"Chi soffre verrà risarcito, tutto si aggiusterà, come nelle costruzioni dei bambini".

Ma è davvero Cristo quest’uomo barbuto dalla voce balbettante e querula? Molti sostenevano che fosse un millantatore, un calzolaio di Minneapolis, finché 250 fuori campo consecutivi non hanno convinto del contrario anche i più scettici. Di certo questo giocatore di Baseball è il figlio di Dio.

"Vedete, in paradiso 2000 anni terrestri passano in una mezza-oretta, si tratta di un bug presente nella programmazione dell’universo effettuata da mio padre nell’ormai desueto linguaggio Saint-Basic, i nostri programmatori divini hanno progettato un linguaggio di creazione Objects Oriented, molto più versatile e dinamico, che dovrebbe correggere queste asinocronie.
Il fatto è che in questo bug, quelli che dovevano provvedere alla manutenzione dell’antica creazione hanno invece fatto i loro porci comodi. Sì, mi riferisco agli Apostoli, quei quattro manigoldi e la loro combriccola. Sono tutti traditori, tutti i vangeli sono per così dire "apocrifi", dei "fakes". Il fatto è questo, io ero venuto a portare una spada contro l’orribile carestia della castità, incitavo all’amore libero e alle sperimentazioni delle droghe più underground, della promiscuità, dell’amore più trottolino amoroso, ma per quei tempi quella roba suonava paradossalmente satanica ai miei apostoli, che parevano tanto rivoluzionari ed erano invece solo delle spie dei farisei. Hanno falsato tutte le mie predicazioni erotizzanti e stupefacenti, hanno detto che ho moltiplicato pani e pesci, quando in realtà avevo moltiplicato dosi di lsd e spinelli speedball. Purtroppo tutto questo l’ho scoperto solo pochi minuti fa…Io dico, ravvedetevi, denudatevi e copulate, il regno dei cieli è vicino
."

Davanti a queste scioccante rettifica non ci si sente poi così alla gradevole. Chi risarcirà l’interà umanita di duemila anni di lutti e schifezze che si sarebbero potute evitare con milleni di sesso fast turbo e droghe non stop?

Blackout generale

Sabato sono andato con alcuni amici a Gardaland, sfidando i meteo di mezzo web che davano tempo pessimo. C’è stato sole per tutta la giornata, ma la fortuna si è esaurita lì.
Innanzitutto c’era molta, tanta, troppa gente. Code di mezz’ora per le attrazioni più stupide, un’ora per quelle adrenaliniche, superati continuamente da chi aveva acquistato Gardaland Express (una bella idea del cazzo). Fin qui, però, tutto nell’ordinario. Il vero casino è iniziato alle 14, quando abbiamo scoperto che Fuga da Atlantide era out of order. Questione di qualche ora, assicuravano gli addetti. Vi rovino la suspance dicendo subito che quell’attrazione non ha mai più funzionato, seguita a ruota da Ikarus, Space Vertigo, I Corsari, Magic Mountain e Sequoia Adventure. Alle ore 17 migliaia di persone si erano riversate sulle giostre funzionanti, in particolare Colorado Boat e Jungle Rapids in quanto faceva caldo e il desiderio di refrigerio era predominante. Voi penserete "rimboseranno le persone". Beh, la risposta è chiaramente no: anzi, la gente che arrivava nel pomeriggio non veniva nemmeno avvisata. Alle ore 19:45 centinaia di persone hanno preso d’assalto l’ufficio reclami, in cui erano presenti solo alcuni poveri carabinieri che faticavano a tenere a bada la ressa. Ressa causata dalla difesa assunta dagli addetti del parco: colpa dell’Enel. Scusa quasi credibile, se non avessimo tutti visto le attrazioni funzionare a vuoto per oltre un’ora; casualmente, però, in caso di pioggia o mancata fornitura di elettricità il biglietto non viene rimborsato. Quindi, facendo scaricabarile: niente rimborso. Io e i miei amici abbiamo passato mezz’ora urlando a squarciagola all’ingresso del parco di non entrare. Alcuni ci hanno preso per pazzi (e in effetti lo sembravamo) ma molti ci hanno creduto, fermandosi e decidendo il da farsi.
Già durante la giornata avevo fatto paragoni tra Gardaland e Mirabilandia. Dopo il rush finale non ho più dubbi.

UPDATE

L’altro giorno ho spedito una mail alla direzione del parco giochi tramite il sito e mi è arrivata questa risposta:

"Buon giorno, sono Danilo Santi, direttore del parco. La Sua giovane età non è un’attenuante per non significarLe lo sconcerto che le Sue poche righe hanno creato in noi tante sono le cose errate che Lei ha scritto! Ai Suoi amici, oltre a riferire di non venire più, dica però anche che:
– la mancanza di energia elettrica, a casa Sua, da cosa è derivata? Da noi, visto che siamo un’utenza significativa, dall’Enel. Dove sta la scorrettezza?
– Sequoia e Magic funzionavano a vuoto perché, quando accade un black out elettrico, partono i gruppi elettrogeni, che fanno le veci della corrente. Poiché pensavamo di tornate sotto Enel in fretta abbiamo per un arco temporale assai limitato (non certo 1 ora) fatto girare le attrazioni a vuoto.
– chi è entrato alle 17:00 non poteva essere avvisato perché, caro Signor Bonfatti, il guasto si è verificato alle 17:52: come glielo potevamo dire?
– dalle 19:30 in poi, quando abbiamo capito che le cose sarebbero andate per le lunghe, abbiamo fatto informare alle biglietterie delle attrazioni ferme PRIMA che venisse acquistato il biglietto.
Grazie per l’attenzione."

L’unica cosa su cui (forse) ha ragione è l’ora del guasto generale. Posso smentire tranquillamente dell’avviso fatto dalle biglietterie, alle 20:15 ho visto gente andare lì per farsi rimborsare dopo aver sentito dei guasti dalle persone che uscivano dal parco. Inoltre mi sembra una minchiata colossale far andare le giostre sotto gruppo elettrogeno: non serve a niente sprecare corrente, dato che non credo che una giostra ferma e riavviata necessiti di tempo per sincronizzarsi.

Vabbè, i fatti sono questi, traete voi le dovute conclusioni. Io sicuramente non ci andrò più.

Notizie dal mondo

ANSA-Durante la consueta messa domenicale, papa Benedetto XVI ha dichiarato: "occorre guardarsi dai pericoli di un’attività eccessiva". Subito dopo il pontefice ha proposto la sanitficazione degli impiegati statali per la loro dedizione a tale dottrina.

ANSA-La proposta del ministero dei trasporti di installare una scatola nera su ogni vettura, potrebbe in futuro allargarsi ai ciclomotori. Il ministro Bianchi ha voluto comunque tranquillizare i cittadini dicendo che le impennate non saranno considerate tentativo di decollo.

Per passare il tempo

Un giochino per capire quante possibilità avete di farvi assumere dalle autorità aereoportuali.
[Vanity Fair]

Ferragosto

Secondo me il Tetris è la più perfetta metafora della vita intelligente su questo pianeta. Non solo perché non puoi vincere ma soltanto provare a far durare la partita più a lungo possibile. Pensate ai parallelepipedi che cadono come a delle piccole unità di energie emotive: adesso pensate ad ogni parallelepipedo caduto in una posizione sbagliata come ad un piccolo infarto neuronale, un filamento di nevrosi, uno sclerotizzarsi del tessuto emotivo che intasa il libero fluire delle energie. Pensate alla fatica per uscire da una combinazione sfortunata di pezzi sputati fuori dal generatore random. Pensate a come ogni nuova mossa sbagliata porti sempre più rapidamente al collasso del sistema ed alla fine della partita. Pensate a come una somma di mosse sbagliate disegni rapidamente un panorama di ansia, paura, soffocamento e perdita di lucidità. Pensate al senso di sconfitta che accompagna la fine anche della migliore partita a Tetris: la sensazione di “però potevo fare meglio”

(Questa splendida metafora della Vita, saltata fuori proprio a Ferragosto, è tratta da questo sentito post di Fabio De Luca).

Notizie dal mondo

ANSA-Con un colpo di mercato l’Inter si è aggiudicata l’attacante Zlatan Ibrahimovic. L’ex juventino, durante la conferenza stampa di presentazione, ha dichiarato di aver simpatizzato per l’inter fin da bambino e dopo la firma del contratto ha aggiunto che la sua simpatia per la squadra è aumentata.

ANSA-Allo stadio olimpico di Roma, si sono radunati ieri migliaia di Testimoni di Geova venuti da ogni parte d’Italia per assistere alla cerimonia del battesimo. Il sindaco Walter Weltroni, ha espresso soddisfazione per l’andamento della manifestazione ma anche per il fatto che almeno per una volta nessuno ha suonato al suo campanello alle 7 di mattina.

Ciao Giorgio

Aprire un blog significa stringere amicizie che spesso vanno ben oltre il virtuale. Si leggono storie di persone, si apprendono particolari privati di vite altrui, si viene a conoscenza di tante cose che, nel tempo, costruiscono un puzzle significativo su chi scrive, facendolo sembrare un amico come tutti gli altri, di cui conosciamo i pregi e i difetti.

Così la notizia della morte di Giorgio, giunta ieri così all’improvviso, mi ha profondamente scosso e turbato. Non ci conoscevamo di persona, a dire il vero ci saremo scambiati al più una decina di email, eppure lo sentivo vicino come altri perchè in qualche modo era entrato a far parte della mia vita. Seguivo il suo blog e apprezzavo, come penso voi tutti, i suoi interventi qui su Ciccsoft, ne coglievo l’ironia e la voglia di raccontare il mondo che lo circondava con simpatia ed energia. Di contro, sapevo della malattia contro cui combatteva da tempo, con discrezione e riservatezza, senza che le sue attività di sempre gli togliessero il sorriso di bocca. Giorgio, o Frittole come qui si era soliti chiamarlo, lavorava a Tuttosport, e ricordo ancora la prima mail in cui si raccomandava di non rivelarlo su internet affinchè potesse occuparsi a suo piacimento di questo o quello sul blog, lontano dalla vita professionale. Amava l’indie rock e l’Australia, proprio come il suo amico Abboriggeno, che proprio grazie a lui è diventato nostro lettore e poi buon amico e conoscente con il quale ho avuto modo di trascorrere piacevoli serate in giro per Bologna…

Impressiona oggi vedere quel blog abbandonato li, con un cartello di lavori in corso come a dire: tornerò, lasciatemi un attimo riprendere fiato. Come una stanza con il letto disfatto, una lettera da finire di scrivere sul comodino, un romanzo rimasto a metà lettura e una bottiglia di birra in frigo che presto sarà sgasata. Quando si muore, tutto resta li immutato com’era in quel momento. E allora sono un po’ contento di aver incrociato la mia vita con la sua, almeno un pochino, in questi ultimi due anni. Le cose che ci ha lasciato scritte, anche in questo lido collettivo di pensieri, saranno sempre li quando vorremo rileggerle e tenere vivo il ricordo di una persona davvero in gamba cui non posso far altro che ringraziare immensamente per il suo spirito sempre combattivo ed allegro.

Buon viaggio zazzera bionda, se ne hai voglia raccontaci un po’ com’è di là.

Esegesi del nulla

Vengo a sapere solo ora: se n’è andato Giorgio Borri, il nostro caro Frittole. Dispiacere immenso.

Per non parlare dei Puma

Ieri sera, uscendo di casa ho visto sotto il mio balcone in strada una piccola volpe, che aveva fregato dei fichi da un albero vicino. Vedendomi li ha abbandonati in terra ed è fuggita. Al ritorno, in piena notte, ho trovato tre cinghiali che si inerpicavano per la terra a fianco alla mia casa. Non ci si annoia mai qui sul Gran Sasso…

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)