Senza internet /2

Trascorse le prime 48 ore infernali senza internet diciamo che forse il peggio è passato. Abituarsi alla routine quotidiana di non avere accesso alla rete è faticoso e, per chi come me è decisamente un web-addicted, quasi angosciante. Accendo in continuazione il router sperando Telecom per errore mi lasci ancora qualche filo di linea ma niente da fare: la spia resta tristemente spenta giorno e notte.
Allora decido di andare in aula studio dell’Università, dove c’è l’accesso wireless e dove per un’oretta riesco a fare i miei porci comodi da drogato, leggere la posta, scrivere il post di ieri, eccetera… Poi verso le undici e mezza salta tutto. Anche il wi-fi ha problemi: “Ci scusiamo per il disagio ma l’accesso per gli studenti è temporaneamente sospeso”. Disastro.
Mi ci vedo, a gironzolare in macchina, parcheggiando vicino ai palazzi di banche e istituzioni per vedere se trovo un segnale wireless aperto. Datemi un po’ di byte, vi prego! Ma è inutile: il mio portatile rimane carico per mezz’oretta con la batteria ormai andata a donnine, quindi sarebbe impossibile. Tentare di carpire la connessione aperta Fon di qualcuno? Niente da fare: nella provincia di Ferrara siamo in 5 ad avercelo.

In serata faccio un paio di telefonate: gli amici di Alice mi confermano che mi ha lasciato il 6 settembre e non tornerà. Tuttavia pare tenga impegnata la stanza almeno fino all’11, ultimo giorno utile per venire a prendere le sue ultime cose (portati via anche le foto dal comodino, i tuoi cd e la scatolina bianca u esse bi, ti prego, non voglio vedere più nulla che mi faccia ricordare ciò che è stato).
Poi chiamo la famigerata assistenza di Nonno Libero, che nei commenti al post di ieri tutti quanti hanno dipinto come disastrosa ed inutile. Effettivamente è assai complesso muoversi tra i menu, composti da una voce sintetizzata al computer ridicola e quasi incomprensibile, ma con calma arrivo a poter parlare con un operatore. Mi conferma con voce terrona e affabile che anche a loro risulta che Alice passi a prendere le sue cose intorno all’11 e poi il tempo di fare la valigia e mi mandano il Nonno il più presto possibile. Mi spiega modalità e fregnacce varie, poi ringrazio e metto giù. Non mi è sembrato così malvagio, abituato com’ero con Telecom dove mi rimpallavano da un numero all’altro dicendo di non saperne nulla. Quanto alla linea adsl, non penso sarà poi così scadente come la si dipinge: negli ultimi tre anni ne avrò installate una ventina e mai nessun cliente si è lamentato. Certo, nessuno aveva conosciuto eventuali velocità di Alice per il confronto, ma tutti scaricano tranquillamente da internet a velocità accettabili, come Paola, che so che ci legge e approfitto per salutare. 🙂

Insomma, per ora si tira avanti, usando internet a pezzi e bocconi, come si può, quando si può. Di giorno si studia, la sera si guardano vecchi film. Passerà anche questa suvvia. Ripeto di continuo, ma non ci credo:
posso farcela anche senza internet, posso farcela anche senza internet, posso farcela anche senza internet, posso farcela anche senza internet, posso farcela anche senza internet, posso farcela anche senza internet, posso farcela anche senza internet. Si!

8 Responses to “Senza internet /2”


  • E’ veramente terribile, ti capisco, ma ce la puoi fare! Eheheh
    Addirittura è possibile che disintossicarsi per un po’ diventi una liberazione 🙂
    Pix

  • Certo, se ti disintossicassi definitavamente, riscopriresti un bioritmo non dico migliore, ma più sano. Ormai internet e telefonini fanno parte della nostra vita, ed è possibile condurre una vita sana anche con la loro presenza, nonostante i luoghi comuni pro e contro a questi terribili mezzi. Però che tu ce la stia facendo, beh ho qualche dubbio 🙂 PS: I call center di qualsiasi compagnia telefonica sono supponenti e indegni.

  • Quelli di telecom sono i peggiori di tutti.
    Ed io li odio.

  • Anchio, Rachele, anchio. 🙁

  • Io sono stato non senza internet, ma senza computer in quei 5 infernali giorni fatti di noia e momenti vuoti in cui “non sapevo cosa fare”. Quindi ti capisco, massima solidarietà Eugenio. Sai dove abito, e in camera mia c’è la centralina di fastweb che lavora in continuazione; il mio pc, da quando è tornato, non dorme mai. A tua disposizione 🙂

  • GET A LIFE!

  • Ciao, senza gironzolare in giro per ferrara, ti consiglio di andare al centro commerciale “il castello” col tuo bel mac.
    wi.fi!!!

    ciao

  • Secondo me ce la puoi fare solo se hai scritto posso farcela senza internet in sequenza e non con il copia incolla.
    Se l’hai fatto col copia incolla sei spacciato.
    Io ho scritto copia incolla con il copia incolla. Non ce la potrei farcela, difatti stento a fare trasloco apposta perchè con 2 case posso avere 2 connessioni internet! Ma prima o poi mi butterò fuori di qui!

cribbio
Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)