Dicono che ci stiamo buttando via

Ligabue prosegue ad ottobre il suo tour, con una terza parte che si svolgerà nei teatri. Il 22 ottobre verrà a far visita proprio qui a Ferrara, al Comunale. Perchè no, mi chiedo. Poi leggo i prezzi (si va dai 50+7.50€ per la platea fino ai 30 ai 20+3€ per il loggione in piedi) e mi richiedo perchè sì, stavolta: d’accordo che qui siamo appassionati, ma non con gli occhi foderati e il portafoglio bucato. Ragioniamo, allora. 57euro per un palco centrale per un concerto privo di grandi mezzi tecnici
(è acustico, la prima parte, parola del sito ufficiale, non avrà manco basso e batteria) non è eccessivo? Ok, è un teatro e non un prato di uno stadio (lì in ogni caso si toccavano i 40 euro), ci sono pochi posti a disposizione per una richiesta esagerata, è una locazione particolare diversa dal solito per un cantante. Però, sono 50 (+7.50 prevendita) euro: scandite bene la cifra e ricordatevi che stiamo parlando di Ligabue, non dell’Orchestra Sinfonica
di Vienna. Beninteso, non si tratta di prezzi fuori dal mercato, ahimè praticamente tutti gli artisti che vendono molto in Italia (mi vengono in mente gli scandalosi U2 di San Siro, per dire) ci concedono questa cortesia, e non sono pertanto stupito, quanto amareggiato. Anche se avessero piazzato i biglietti a 100 euro (+ prevendita) ci sarebbero state lo stesso file di fans alle 7 del mattino sotto la pioggia davanti alle biglietterie dei teatri. Gli organizzatori dei tour lo sanno molto bene questo,
e ci giocano sopra, lucrando sopra la passione genuina. Se riesco a trovare un ultimo posto disponibile, magari il sottopalco rannicchiati in ginocchio (15euro+prevendita), andrò, e già immagino le accuse di incoerenza che mi verrano mosse… Vostro Onore, proprio perchè apprezzo Ligabue, mi va di fare notare questa pecunario dettaglio. Ho la sensazione (certezza, ma diamogli il beneficio del dubbio) che sia diventato gaudente vittima della macchina promozionale che gli gravita attorno, vedi la mossa
suicida di piazzare uno dei suoi pezzi a colonna sonora di uno spot. A parziale giustificazione, i pelosi signori organizzatori e forse lo stesso Ligabue, potranno anche venirmi a dire che non si vendono più dischi e allora come tutta risposta noi vi alziamo esponenzialmente i prezzi dell’unica cosa che non si può masterizzare o scaricare da emule: l’emozione di vedere e sentire suonare sulla tua pelle le tue canzoni.

10 Responses to “Dicono che ci stiamo buttando via”


  • io non sono un patito di Ligabue, ma devo dire che un mio amico, fan sfegatato ed andato ad ascoltarlo negli stadi, nei raduni del fanclub e in teatro nella precedente edizione mi ha detto : “Guarda, costava di più, ma in teatro non ha paragoni con nient’ altro, davvero fantastico”. E con questo non voglio -assolutamente- giustificarne il prezzo. Peraltro anche lui, fan da sempre, dice “Sta cominciando a ripetere un po’ se stesso..”.. Eh, bè..

  • Sono d’accordo con te, però mi chiedo anche se non sia il caso di rivolgersi al diretto interessato o, quantomeno, all’agenzia che organizza il tour o, ancora, se non ci sia un modo per far sentire anche la nostra voce di “limoni spremuti”.

  • Dopo la truffa del Campo Volo basta ligabue.
    I record (di affluenza e di prezzo) li faccia con gli altri, io sto a casa.

  • Ma lascia perdere Luciano e vieni con me a vedere i Muse cazzo!

  • Certo che vengo a vedere i Muse, cribbio!

  • uuuh… anch’io biglietto “sottopalco rannicchiati in ginocchio” 🙂 !!

  • ma lasciate che si goda la sua happyhour!
    così si sistema per bene con i soldini, ché nemmeno credo sia uno che li sperpera in puttanate, poi magari sparisce per un po’ e poi torna tra dieci anni, con un disco (o quel che sarà) intimista e ruvido (se non è nebraska, sarà pavullo).

  • il problema annoso è capire chi ci mangia sopra e quanto su questi concerti
    c’è chi campa facendo concerti a spron battuto e fa pagare 10 euro ad ingresso.
    ma, dico ma, forse non c’ha dietro il carrozzone che dici tu e ma, forse ma, guadagna un pochino meno.
    poi stiam qua a parlare fino a domattina senza trovare risposte

  • Paolo Conte, Bassano del Grappa, Teatro non mi ricordo il nome, 1996 –> 70.000 lire, quasi in piccionaia.
    Non mi sembrano poi tantissimi, 57.5 €…

  • Voi nn capite un emerito c***o
    Ligabue è il migliore e sono spendibili per il posto migliore 57€.sapevi che Madonna a milano costa 100€?
    Io sono stato a teatro nei posti medi ed è stato fantastico!!!!

    ps:Gabriele io sono stato a campovolo ed è stato fantastico…quelli che dicono che hanno sentito male sono stati solo i pigroni che si sono mossi tardi e che sono arrivati per ultimi…bastave essere la prima e sentivi benissimo…cmq nn mi sembra una truffa consiuderando che su quasi 200.000 persone meno del 5% ha sentito male…

    Per Folle e i suoi MUSE, nn penso che riescano a chamare più di 200.000 persone ad un loro concertino del cazzo!

cribbio
Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)